De Afghan Hauai Quvah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
De-Afghānistān Havāʾyye Quvāh
Aeronautica militare dell'Esercito Afgano
Emblem of the Afghan Air Force.svg
Descrizione generale
Attiva 1924 - 2001; 2005 – oggi
Nazione Afghanistan Afghanistan
Servizio aeronautica militare
Dimensione 14.000 effettivi, 80 aeromobili
Battaglie/guerre Invasione sovietica dell'Afghanistan
Guerra civile in Aafghanistan
Guerra in Afghanistan
Parte di
Comandanti
Magg. Gen. Abdul Wahab
Simboli
Coccarda Afghan National Army emblem.svg
Bandiera Flag of the Afghan Air Force.svg

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Forza aerea dell'Esercito Nazionale afghano, traduzione letterale della denominazione in lingua inglese Afghan National Army Air Force, in dari قوای هوائی افغانستان (Qovvā-ye havā'i-ye Afghānestān); in pashtu De-Afghānistān Havāʾyye Quvvā (دافغانستان هوائی ځواک), è l'attuale aeronautica militare dell'Afghanistan e parte integrante della Afghan National Army, l'esercito afgano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo nome è stato assunto nel giugno 2010,[1] mentre in precedenza era nota come Afghan National Army Air Corps.[2][1] la forza aerea è uno dei sette corpi militari forze armate afghane, responsabile per la difesa aerea e guerra aerea. È stata ufficialmente fondata nel 1924 e per la maggior parte della sua storia ha operato come un piccolo e separato corpo aereo. L'eccezione si è avuta nel anni ottanta quando i Sovietici istituirono la "Aeronautica Militare della Repubblica Democratica dell'Afghanistan", inizialmente nel tentativo di sconfiggere l'insurrezione dei forze guidate dai mujahideen, in seguito, verso la fine del decennio, nella speranza che una forte componente aerea afgana potesse difendere il governo filo-sovietico di Najibullah.

Nel 1992, a seguito del crollo del governo Najibullah e della continuazione della guerra civile tra le diverse fazioni dei mujahideen, le forze aeree afgane si ridussero a un piccolo corpo con minime capacità. Nell'autunno 2001, la campagna di bombardamento dell'inizio della guerra, neutralizzò quanto rimaneva di capacità aerea governativa.

Dopo molti anni di inattività, a partire dal maggio 2007, la Combined Air Power Transition Force (CAPTF) guidata dagli Stati Uniti, ha iniziato a impostare e modernizzare la componente aerea delle forze armate. La CAPTF è a sua volta la componente aerea del Combined Security Transition Command-Afghanistan internazionale a guida statunitense che è responsabile della ricostruzione delle forze armate afgane.[3] Il maggior generale Mohammad Dawran è l'attuale comandante dell' Afghan National Army Air Force.[4]

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Elicotteri MD-530F dell'Afghan National Army Air Corps
Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2017)[5]
Note immagine
Aerei da combattimento
Embraer A-29 Super Tucano Brasile Brasile COIN A-29B 12[6][7][8] 26 (due lotti 20+6) in ordine.[6][7] Uno degli esemplari del primo lotto di 20 aerei è andato distrutto il 6 marzo 2017.[7][9]
160428-F-KA253-107.jpg
Aerei da addestramento
Cessna 182 Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento T-182 6[6] 6 consegnati.[6]
ANA C-182 turbos-2011.jpg
Aerei da trasporto
Boeing 727 Stati Uniti Stati Uniti Aereo da trasporto B727 1[5]
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti Aereo da trasporto C-130H 4[6][5] 4 consegnati.[6]
Bagram's runway stays busy 150513-F-QN515-024.jpg
Pilatus PC-12 Svizzera Svizzera Aereo da trasporto PC-12NG 18[5]
Cessna 208 Grand Caravan Stati Uniti Stati Uniti Aereo da trasporto C-208 25[6][5] 26 consegnati, uno è andato perso in un incidente.[6]
N2006V C208 (7205360796) (2).jpg
Elicotteri
Mil Mi-17 Hip Russia Russia elicottero da trasporto Mi-8/Mi-17 56[6][5]
First flight a success for future Afghan Flying Air Crew Chiefs DVIDS377164.jpg
Mil Mi-35 Hind Russia Russia elicottero d'attacco Mi-35 3[5][6] 4 esemplari sono stati donati dalla Bhāratīya Vāyu Senā indiana e consegnati a partire da gennaio 2016.[6]
Afghan Air Corps Mi-35 on Kandahar, 2009.jpg
HAL Cheetah India India elicottero utility Cheetah 3
Bell UH-1 Huey Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility UH-1H 10[5]
MD Helicopters MD 530 Cayuse Warrior Stati Uniti Stati Uniti elicottero d'attacco leggero MD530F Jengi 29[5][9][10] Nel 2016 riceverà altri 12 elicotteri.[11] All'aprile 2017 risultano consegnati 27 esemplari.[9] Al settembre 2017 sono 26 gli esemplari in servizio ed altri 26 in fase di consegna.[10]
Afghan Air Force MD-530F helicopter fires machine guns.jpg
Sikorsky UH-60 Black Hawk Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility UH-60L 2[10] 53 ordinati, 2 consegnati a settembre 2017.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Afghan National Army Air Corps now Afghan National Army Air Force, in afcent.af.mil. URL consultato il 13 marzo 2011 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2011).
  2. ^ Afghanistan Online: Military (President Hamid Karzai creates an Air Force), in afghan-web.com. URL consultato il 13 marzo 2011 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2011).
  3. ^ Afghanistan, 1979-2001; Part 3, in acig.org. URL consultato il 13 marzo 2011.
  4. ^ Mark Diamond, Senior Afghan commander's visit supports AMC role in building partnerships, in United States Air Force, 22 luglio 2009. URL consultato il 4 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2011).
  5. ^ a b c d e f g h i (EN) World Air Force 2017 (PDF), su Flightglobal.com, p. 6. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  6. ^ a b c d e f g h i j k "AFGHANISTAN RECEIVES FIRST INDIAN-DONATED Mi-25 HELO", su janes.com, 23 dicembre 2015, URL consultato il 11 ottobre 2016.
  7. ^ a b c "AFGHANISTAN TO RECEIVE SIX MORE SUPER TUCANOS", su janes.com, 25 ottobre 2017, URL consultato il 25 ottobre 2017.
  8. ^ "Afghanistan. Consegnato l'ultimo lotto di Super Tucano" - "Aeronautica & Difesa" N.367 05/2017 - pag 68
  9. ^ a b c "QUALE FUTURO PER L'AFGHANISTAN?", su portaledifesa.it, 24 aprile 2017, URL consultato il 24 aprile 2017.
  10. ^ a b c d "AFGHAN RECEIVE FIRST BLACK HAWK HELOS", su janes.com, 18 settembre 2017, URL consultato il 19 settembre 2017.
  11. ^ "Afghanistan. Altri elicotteri leggeri" - Aeronautica & Difesa" N. 353 - 03/2016 pag. 66.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]