Aérospatiale SA 330 Puma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aérospatiale SA 330 Puma
SA 330J Puma tedesco della Bundesgrenzschutz nel 1985
SA 330J Puma tedesco della Bundesgrenzschutz nel 1985
Descrizione
Tipo elicottero medio leggero da trasporto
Equipaggio 2-3
Costruttore Francia Sud Aviation, poi Aérospatiale ora Europa Eurocopter
Data primo volo 15 aprile 1965
Esemplari oltre 600
Altre varianti AS 332 Super Puma
AS 532 Cougar
EC 225
EC 725 Caracal
Atlas Oryx
IAR 330
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 15,40 m
Altezza 4,90 m
Diametro rotore 15 m
Peso a vuoto 3 760 kg
Peso max al decollo 7 400 kg
Capacità fino a 20 Passeggeri o 29 soldati
Propulsione
Motore 2 turbine Turboméca Makila 1A2
Potenza 2 109 shp
Prestazioni
Velocità max 296 km/h
Autonomia 550 km
Tangenza 4 800 m

Niccoli, Aerei[1]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia
Aerospatiale Puma del 801 Escuadrón de Fuerzas Aéreas dell' aeronautica (Ejército del Aire) spagnola, impiegato per ricerca e soccorso
Sud Aviation - Aerospatiale SA 330J Puma immatricolato[2] negli Stati Uniti.
Aerospatiale Puma HC1 della Royal Air Force in colorazione tigrata celebrativa all'Air Tattoo. È la versione militare dell'SA330E Puma.

L'Aérospatiale SA 330 Puma è un elicottero biturbina medio leggero da trasporto multiruolo, dotato di un rotore a quattro pale. Fu prodotto inizialmente in Francia dalla Sud Aviation.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il SA 330 Puma venne originariamente progettato dalla Sud Aviation su richiesta dell'esercito francese che richiedeva un elicottero da trasporto di medie dimensioni. Inoltre il nuovo apparecchio sarebbe dovuto essere in grado di operare sia di giorno che di notte ed in ogni condizione meteorologica.

Successivamente nel 1976 il Puma venne selezionato dalla Royal Air Force (RAF) dove ricevette il nome Puma HC Mk.1. Fu quindi avviato un lavoro di sviluppo del Puma tra Francia ed Inghilterra e di seguito ci fu anche un accordo di coproduzione tra la ditta francese Aerospatiale e la ditta britannica Westland Aircraft, che produsse i velivoli ordinati dalla RAF.

Il primo dei sei prototipi del Puma si alzò in volo il 15 aprile 1965, mentre l'ultimo dei sei esemplari pre-serie venne consegnato il 30 luglio 1968. Il primo elicottero di serie effettuò il primo volo nel settembre del 1968 e due anni più tardi le ditte Sud Aviation, Nord Aviation e SÉREB si unirono per dare vita alla Aérospatiale. Il 25 aprile 1978 il Puma divenne il primo elicottero di fabbricazione occidentale a ricevere il certificato di idoneità per operazioni in qualsiasi condizione meteorologica, comprese quelle a basse temperature in climi polari.

Lo stesso anno venne messa a punto una versione migliorata, chiamata AS 332 Super Puma dotata di motori più potenti e maggiore capacità di trasporto.

La produzione del Puma continuò fino nel 1987 quando fu sostituita completamente dalla produzione di Super Puma. Complessivamente dal 1968 fino al 1987 furono costruiti oltre 697 esemplari.

La versione militare del Super Puma è chiamata AS 532 Cougar ed è dotata di motori ulteriormente potenziati e miglioramenti all'avionica e impiantistica in generale.

L'ultima versione (civile) in produzione è la EC 225 (secondo la nuova nomenclatura di Eurocopter), l'equivalente versione militare è la EC725 Caracal.

Eletto nel 1998 "Elicottero più brutto della storia" dalla rivista Aeronautica & difesa

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • Sud Aviation SA.330 Puma (versioni civile e militare)
  • Aérospatiale SA 330L Puma (versione militare aggiornata per adeguarsi alle condizioni hot and high)
  • Aérospatiale AS.332 Super Puma (versione civile)
  • Aérospatiale AS.532 Cougar (versione militare del AS.332 Super Puma)
  • Eurocopter EC225 Super Puma (versione civile)
  • Eurocopter EC725 Caracal (versione militare del EC225 Super Puma)
  • Atlas Oryx (versione costruita dalla sudafricana Atlas Aircraft Corporation)
  • IAR 330 (versione costruita dalla rumena Industria Aeronautică Română)

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Albania Albania (polizia)
Argentina Argentina
Belgio Belgio (polizia)
Brasile Brasile
Cambogia Cambogia
Camerun Camerun
Cile Cile
Costa d'Avorio Costa d'Avorio
Ecuador Ecuador
Etiopia Etiopia
Francia Francia
Gabon Gabon
Gambia Gambia
Guinea Guinea
1 elicottero
Indonesia Indonesia
Iraq Iraq
Kenya Kenya
Kuwait Kuwait
Libano Libano
9 SA 330L
Malawi Malawi
Messico Messico
Marocco Marocco
Nepal Nepal
Nigeria Nigeria
Pakistan Pakistan
Filippine Filippine
2 SA 330L
Portogallo Portogallo
Romania Romania
Slovenia Slovenia
Sudafrica Sudafrica
Spagna Spagna
Sudan Sudan
Svizzera Svizzera
Togo Togo
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Regno Unito Regno Unito
Venezuela Venezuela
Zaire Zaire

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Riccardo Niccoli, Aerei. Conoscere e riconoscere tutti gli aerei ed elicotteri più importanti, civili e militari, storici ed attuali, 2a ed., Novara, Istituto Geografico De Agostini [1998], 2005, p.16, ISBN 978-88-418-2359-0.
  2. ^ Aircraft N330JA, 1979 Aerospatiale SA330J C/N 1140 in airport-data.com. URL consultato il 12 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]