Armée de l'air gabonaise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Armée de l'air gabonaise
Armata dell'aria gabonese
Gabon Air Force
Descrizione generale
Attiva1966[1] – oggi
NazioneGabon Gabon
Servizioaeronautica militare
Parte di
Comandanti
géneral de brigade aérienneDende Augustin
Simboli
CoccardaRoundel of Gabon.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

L'Armée de l'air gabonaise, tradotto dalla lingua francese Armata dell'aria gabonese e conosciuta internazionalmente anche con la designazione in lingua inglese Gabon Air Force, è l'attuale aeronautica militare del Gabon e parte integrante delle sue forze armate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini dell'Armée de l'air risalgono al 1964 a seguito della riorganizzazione politica e militare del paese dopo aver raggiunto l'indipendenza dalla Francia nel 1960. A partire dal 1964 vengono creati dei détachements (distaccamenti) (in seguito diventare régions militaires (regioni militari)) alle cui dipendenze venne creato il Centre d'instruction de Mouila con il quale, nel 1966 venne fondata la forza aerea nazionale. I velivoli in dotazione erano alcuni Max-Holste MH-1521 Broussard ed anziani Douglas C-47 Dakota lasciati dai francesi.

La creazione ufficiale dell'Armée de l'air si deve però al decreto presidenziale n°00205/PRDN emesso il 25 gennaio 1972.

Inizialmente non era prevista l'adozione di una flotta da combattimento, limitando la propria attività alla logistica in collaborazione delle altre forze armate ed alle eventuali esigenza di intervento umanitario e civile. Nel gennaio 1980, su iniziativa dell'allora presidente Omar Bongo, venne varata una ristrutturazione in chiave anche offensiva acquisendo modelli in grado di affrontare eventuali attacchi esterni pur rimanendo con compiti essenzialmente di difesa aerea del territorio nazionale.

Distintivi di riconoscimento[modifica | modifica wikitesto]

I distintivi di riconoscimento dei velivoli in dotazione sono basati sull'adozione delle coccarde e fin flash oltre alla sigla di identificazione del reparto e del singolo esemplare. I primi, che ricalcano una grafica a tre elementi circolari concentrici riproducenti i colori della bandiera nazionale, sono apposti generalmente sul dorso e sul ventre alare e ai lati della fusoliera mentre sui lati dell'impennaggio viene collocata la bandiera nazionale alle volte accompagnata dalla scritta GABON.

Alcuni velivoli di grandi dimensioni presentano inoltre, sempre ai lati della fusoliera, la scritta FORCES AERIENNES GABONAISE in caratteri maiuscoli.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2017)[2]
Note
Aerei da combattimento
Dassault Mirage F1 Francia Francia aereo da attacco al suolo F1AZ 6[2] Soni esemplari ex SAAF.
Aerei da trasporto
CASA CN-235 Spagna Spagna aereo da trasporto tattico CN-235-200M 1[2]
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130H
C-130B
1[2][3]
1[3]
L'unico C-130B sarà inviato alla portoghese OGMA per essere ricondizionato e riportato in servizio.[3]
Elicotteri
Aérospatiale SA 342 Gazelle Francia Francia elicottero utility SA342 3[2]
Aérospatiale SA 319 Alouette III Francia Francia elicottero utility SA 319 2[2]
Airbus H120 Unione europea Unione europea elicottero utility H120 2 [2]
Aérospatiale AS 350 Écureuil Francia Francia elicottero utility AS350 1[2]
Airbus H135 Unione europea Unione europea elicottero utility H135 2[2]
Eurocopter SA 332 Super Puma Francia Francia elicottero da trasporto SA330
AS332F
5[2]
1[2]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Armée de l'air in Ministère de la Défense Nationale du GABON.
  2. ^ a b c d e f g h i j k (EN) World Air Force 2018 (PDF), su Flightglobal.com, p. 17. URL consultato il 27 luglio 2018.
  3. ^ a b c "Gabon. Un Hercules ricondizionato " - Aeronautica & Difesa" N. 359 - 09/2016 pag. 72

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]