Luftwaffe (Bundeswehr)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luftwaffe
Aeronautica militare tedesca
German Air Force
Bundeswehr Logo Luftwaffe with lettering.svg
Logo della Luftwaffe
Descrizione generale
Attiva9 gennaio 1956 – oggi
NazioneGermania Germania Ovest (19551990)
Germania Germania (1990 - oggi)
ServizioAeronautica militare
Dimensione27.704 effettivi, 426 aeromobili
Stato Maggiore della LuftwaffeBerlino
MottoWir.Dienen.Deutschland
(Serviamo Germania)[1]
ColoriBlu, grigio e bianco
Battaglie/guerreGuerra del Kosovo
Sito internetwww.luftwaffe.de
Parte di
Comandanti
Tenente GeneraleIngo Gerhartz (giugno 2018 - presente)[2]
Simboli
CoccardaRoundel of the German Air Force (with Border).svg
EmblemaCOA Luftwaffe Schwinge.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Luftwaffe (arma dell'aria – pronuncia: ˈlʊftvafə Ascolta[?·info]) è l'attuale aeronautica militare della Repubblica Federale Tedesca e parte integrante del Bundeswehr, le forze armate tedesche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Luftstreitkräfte und Luftverteidigung der Deutschen Demokratischen Republik.

Dopo la Seconda guerra mondiale, l'aviazione civile tedesca venne severamente ridotta, e quella militare fu completamente vietata fino all'ingresso della Germania Ovest nella NATO, negli anni cinquanta. Nel corso dei decenni seguenti, la Luftwaffe venne equipaggiata principalmente con aerei statunitensi fabbricati in Germania su licenza. Durante gli anni sessanta la crisi degli Starfighter fu un grosso problema per la politica tedesca, in quanto molti caccia Lockheed Corporation F-104 si schiantarono dopo essere stati modificati per adattarsi alle esigenze della Luftwaffe.

Le "Luftstreitkräfte" della Germania Est utilizzarono aerei di fabbricazione sovietica, come il MiG-29. Dopo la riunificazione vennero acquisiti dalla Germania unita, ma messi fuori servizio a causa dei tagli al bilancio degli anni seguenti e venduti a paesi dell'Europa dell'est.

Dagli anni settanta la Luftwaffe della Germania Ovest e in seguito della Germania unita ha perseguito attivamente la costruzione di un aereo da combattimento europeo con il Panavia Tornado e recentemente con l'Eurofighter.

Nel 1999, per la prima volta dal 1945 la Luftwaffe venne ingaggiata in operazioni di combattimento come parte della forza NATO impegnata nella Guerra del Kosovo. Il ruolo della Luftwaffe fu limitato al supporto, ad esempio con la soppressione delle difese aeree nemiche (SEAD).

Nessun aereo della Luftwaffe fu perso durante questa campagna, ma il ruolo dell'aviazione tedesca si dimostrò controverso in Germania, a causa del forte sentimento ancora presente nella popolazione, che si oppone all'uso della forza da parte della Germania nelle questioni internazionali.


Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[3]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Eurofighter Typhoon Regno Unito Regno Unito
Germania Germania
Italia Italia
Spagna Spagna
Aereo da caccia
conversione operativa
EF-2000A
EF-2000B
129[4][3][5][6] Programmati 143 esemplari escludendo la tranche 3B.[7][8]
2010-06-11 Eurofighter Luftwaffe 31+21 EDDB 02.jpg
Panavia Tornado Regno Unito Regno Unito
Germania Germania
Italia Italia
cacciabombardiere per la guerra elettronica
cacciabombardiere
conversione operativa
Tornado ECR
Tornado IDS
Tornado IDS DC
28[9][10][3][11][3][12]
57[10][9][11][3][12]
8[10]
Dei 212 esemplari consegnati, restano in servizio, all'aprile 2019, 57 IDS e 28 ECR e 8 IDS DC a doppi comandi che dovrebbero rimanere in servizio fino al 2030.[10][9][11]
Panavia Tornado ECR 46+28 (9362192148).jpg
Aeromobili a pilotaggio remoto
IAI Heron Israele Israele UAV Heron TP 0 5 Heron TP ordinati il 14 giugno 2018 ed oggetti di un leasing che durerà dal 2020 al 2027.[13]
Aerei per rifornimento in volo
Airbus A310 MRTT Unione europea Unione europea aereo per rifornimento in volo A310 MRTT 4[3][14]
Airbus A310 MRTT.jpg
Lockheed Martin KC-130J Super Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo per rifornimento in volo KC-130J 0 Il Dipartimento di Stato americano ha autorizzato la vendita alla Germania in FMS di 3 velivoli da trasporto C-130J-30 e 3 aerorifornitori KC-130J.[3] Il valore potenziale della commessa è di 1,4 miliardi di dollari.[15][16][17]
Aerei da trasporto
Airbus A310 Unione europea Unione europea trasporto A310-304 1[3][14]
10+25 Airbus A.310 Luftwaffe (7443305360).jpg
Airbus A400M Unione europea Unione europea aereo da trasporto A400M 24[18][3][19][20][21] Ordine ridotto dagli iniziali 60 a 53 (più 7 in opzione).[18][22] Di questi, 13 sono in corso negoziati per la vendita portando il totale a 40.
54+01 German Air Force Airbus A400M ILA Berlin 2016 12.jpg
Transport Allianz C-160 Transall Germania Germania
Francia Francia
aereo da trasporto C-160D 52[3]
Transall C-160D Luftwaffe (GAF) 50+96 - MSN D133 (2989202540).jpg
Lockheed Martin C-130J Super Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130J-30 0 Il Dipartimento di Stato americano ha autorizzato la vendita alla Germania in FMS di 3 velivoli da trasporto C-130J-30 e 3 aerorifornitori KC-130J. Il valore potenziale della commessa è di 1,4 miliardi di dollari.[15][16][17]
Airbus A319 Unione europea Unione europea aereo da trasporto VIP A319CJ 2[14] 2 consegnati a partire dal 2010.[14]
Airbus A319 Luftwaffe 15+01.jpg
Airbus A340 Unione europea Unione europea aereo da trasporto VIP A340-313 2[23][24][14] 2 velivoli ex Lufthansa consegnati a marzo ed agosto 2011.[14] 3 A350-900 per trasporto VIP ordinati ad aprile 2019.[23] Il primo velivolo dovrebbe essere consegnato a metà del 2020, seguito dagli altri due nel 2022.[23]
German Airforce landet am Köln Bonn Airport - Airbus A340-300.jpg
Airbus A350 Unione europea Unione europea aereo da trasporto VIP A350-900 0 3 A350-900 per trasporto VIP ordinati ad aprile 2019, che andranno a sostituire i 2 A340 utilizzati nello stesso ruolo.[23] Il primo velivolo dovrebbe essere consegnato a metà del 2020, seguito dagli altri due nel 2022.[23]
Bombardier Global 5000 Canada Canada aereo da trasporto VIP Global 5000 4[14] 4 consegnati.[14]
Luftwaffe (German Air Force), 14+03, Bombardier Global Express 5000 (17171150745).jpg
Elicotteri
Sikorsky CH-53 Sea Stallion Stati Uniti Stati Uniti
Germania Germania
elicottero da trasporto pesante CH-53G
CH-53GA
CH-53GS
21[3]
40[3][25]
20[3][26]
Furono acquistati per l'esercito 112 CH-53G equivalenti al modello D, che dal 1º gennaio 2013 sono stati trasferiti all'aeronautica militare e incorporati nel 64º Gruppo elicotteri.[25][27] Di questi, 81 restano in organico al giugno 2018, 20 dei quali aggiornati allo standard CH-53GA e 40 allo standard CH-53GS.[3][25][28] All'inizio del 2017, Airbus ha firmato un contratto con la difesa tedesca per l'aggiornamento di 26 elicotteri che si concluderà nel 2023.[29]
84+99 German Army Sikorsky CH-53G Super Stallion ILA Berlin 2016 05.jpg
AS 532 Cougar Francia Francia elicottero da trasporto VIP AS 532U2 3[14] 3 consegnati ed utilizzati per il trasporto VIP.[14]
Cougar AS 532 - Super Puma - Luftwaffe 1 - Flugbereitschaft (10568875493).jpg
Airbus H145M Francia Francia elicottero da trasporto H145M 15[14] 15 H145M acquistati nel 2013 per il Kommando Spezialkräfte, ma in carico alla Luftwaffe.[14]
Aerei da addestramento
Northrop T-38 Talon Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento avanzato T-38C 35 46 ordinati. Basati negli Stati Uniti sulla Sheppard Air Force Base, operano con le insegne dell'USAF.
T-38 88FTS SheppardAFB 2001.jpeg
Beechcraft T-6 Texan II Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento avanzato T-6A 69 Basati negli Stati Uniti sulla Sheppard Air Force Base, operano con le insegne dell'USAF.
Grob G 120 Germania Germania Aereo da addestramento G 120 6 Operati dalla Lufthansa
Lufthansa.JPG

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Programma Caccia Franco-Tedesco[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 luglio 2017 è stato siglato a Berlino un accordo di cooperazione e integrazione militare tra Francia e Germania. L'accordo prevede la progettazione, lo sviluppo e la messa in produzione entro il 2028 di un caccia di 6ª generazione. L'obbiettivo di Francia e Germania è di creare attraverso risorse e mezzi comuni una base per costituire un Esercito, Marina, e Aeronautica comuni sotto la guida dell'Unione Europea. Altro obbiettivo del progetto è di competere sul mercato globale con gli americani F-35 e F-22, con il russo Su-57, con il turco TF-X, con i cinesi J-31 e J-20, e con il giapponese Mitsubishi F-2. Secondo indiscrezioni e voci di corridoio gli ordini del nuovo caccia europeo e sarebbero congiunti non divisi tra i due paesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dopo la notifica del Presse- und Informationszentrum der Luftwaffe.
  2. ^ "GENERALLEUTNANT INGO GERHARTZ", su luftwaffe.de, URL consultato il 5 luglio 2018.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 17. URL consultato il 4 gennaio 2019.
  4. ^ "Germania: è lite sul bilancio della difesa" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pp. 40-41
  5. ^ "LUFTWAFFE HAT NUR VIER KAMPFBEREITE EUROFIGHTER", su spiegel.de, 2 maggio 2018, URL consultato il 2 maggio 2018.
  6. ^ "Si cercano acquirenti per gli Eurofighter Typhoon della Tranche 1" - "Aeronautica & Difesa" N. 376 - 02/2018 pag. 22
  7. ^ "Il futuro della Luftwaffe" - "Aeronautica & Difesa" N. 359 - 09/2016 pp. 56-59
  8. ^ "Consegnato il 500^ Eurofighter "Typhoon" - "Aeronautica & Difesa" N.367 05/2017 - pp. 42-45
  9. ^ a b c "GERMANIA: NIENTE F-35 DOPO I TORNADO", su portaledifesa.it, 4 febbraio 2019, URL consultato il 4 febbraio 2019.
  10. ^ a b c d "EXCLUSIVE: GERMANY SEES 8.86 BILLION EURO COST TO OPERATE TORNADO JETS TO 2030", su reuters.com, 10 aprile 2019, URL consultato il 12 aprile 2019.
  11. ^ a b c "ILA 2018: aria di ripresa" - "Rivista italiana difesa" N. 7 - 07/2018 pp. 38-47
  12. ^ a b "La Germania pensa al successore del Tornado" - "Aeronautica & Difesa" N. 354 - 04/2016 pag. 23
  13. ^ "GERMANY SIGNS HERON TP LEASING CONTRACT", su janes.com, 14 giugno 2018, URL consultato il 14 giugno 2018.
  14. ^ a b c d e f g h i j k l "LUFTWAFFE - TECHNIK", su luftwaffe.de, URL consultato il 10 giugno 2018.
  15. ^ a b "SEI C-130J PER LA GERMANIA", su portaledifesa.it, 8 maggio 2018, URL consultato il 9 maggio 2018.
  16. ^ a b "GERMAN HERCULES BUY APPROVED", su janes.com, 8 maggio 2018, URL consultato il 9 maggio 2018.
  17. ^ a b "Germania. Trattativa per sei Super Hercules" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 73
  18. ^ a b AIRBUS A400M - Orders & deliveries (PDF), su airbus.com, 30 novembre 2018. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  19. ^ "CONSEGNATI IL 60° E 61° A-400M", su portaledifesa.it, 23 marzo 2018, URL consultato il 23 marzo 2018.
  20. ^ "Internazionale. A400M sempre in rosso" - "Aeronautica & Difesa" N. 374 - 12/2017 pag. 74
  21. ^ "Internazionale. Consegnato il cinquantesimo A400M" - "Aeronautica & Difesa" N. 373 - 11/2017 pag. 72
  22. ^ "Germania. Nuovi C-130" - "Aeronautica & Difesa" N. 362 - 12/2016 pag. 70
  23. ^ a b c d e "GERMANY BUYS THREE AIRBUS A350-900s FOR MoD", su janes.com, 15 aprile 2019, URL consultato il 15 aprile 2019.
  24. ^ GERMAN MINISTRY OF DEFENCE (BUNDESWEHR) WANTS TO BUY THREE NEW AIRBUS A350 AIRCRAFT", su aviation24.be, 1 febbraio 2019, URL consultato il 3 febbraio 2019.
  25. ^ a b c "L'esigenza dell'elicottero pesante" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 15
  26. ^ "Il futuro elicottero pesante per la Germania" - Aeronautica & Difesa" N. 353 - 03/2016 pag. 78
  27. ^ (DE) Ray Roland, Wir wollen Ihnen eine neue militärische Heimat bieten, in Schwäbische Zeitung, 14 dicembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  28. ^ "Con i CH-53 tedeschi in addestramento in Svizzera" - "Aeronautica & Difesa" N. 349 - 11/2015 pp. 53-53-54
  29. ^ "Airbus aggiorna i CH-53 tedeschi" - "Rivista italiana difesa" N. 4 - 04/2017 pag. 16
  30. ^ "DORNIER UH-1D" , su helis.com, URL consultato il 13 settembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Zaffiri Sonder Buro n. 13 - Unternehme Uranus. Patti (ME), Nicola Calabria Editore, 2004. ISBN 978-8888-010458

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126298581 · ISNI (EN0000 0004 0381 2741 · GND (DE2134939-3