CASA C-212 Aviocar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
CASA C-212 Aviocar
EADS CASA C-212 - ILA2002.jpg
Un C-212 Aviocar ripreso durante il salone aeronautico ILA del 2002.
Descrizione
Tipoaereo da trasporto leggero
Equipaggio2 (pilota + co-pilota)
ProgettistaSpagna CASA
CostruttoreSpagna CASA
Data primo volo26 marzo 1971
Data entrata in serviziomaggio 1974
Esemplari478[1] (in produzione)
Dimensioni e pesi
Lunghezza16.15 m
Apertura alare20.28 m
Altezza6.60 m
Superficie alare41
Peso a vuoto4.400 kg
Peso max al decollo8.000 kg
Propulsione
Motore2 turboelica Garrett AiResearch TPE-331-10R-513C
Potenza925 hp (690 kW)
Prestazioni
Velocità max370 km/h
Velocità di crociera170 km/h
Autonomia1.433 km
Tangenza7.925 m
voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il C-212 Aviocar è un aereo da trasporto leggero progettato e prodotto dall'azienda aeronautica spagnola CASA, con capacità STOL, impiegato sia in ambito militare che civile; è tuttora in produzione in Indonesia dalla Indonesian Aerospace (IAe) (ex IPTN).

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il C-212 Aviocar nacque a seguito di una specifica emessa, nella metà degli anni sessanta, dal Ministerio del Aire spagnolo, quando si presentò la necessità di sostituire gli anziani trimotori CASA 352, i tedeschi Junkers Ju 52/3m costruiti su licenza in Spagna.

La CASA rispose nel 1966 presentando il progetto di massima del C-212 Aviocar. Fin dall'inizio il nuovo velivolo fu concepito sia per il mercato militare che civile e, per tale motivo il progetto fu reso compatibile con le norme di certificazione dell'Instituto Nacional de Técnica Aéroespacial. La CASA realizzò una cellula per le prove statiche e 2 prototipi volanti.

Il primo prototipo volò a Getafe il 26 marzo 1971, mentre il secondo prototipo effettuò il suo primo volo il 23 ottobre 1971. Appena dopo l'Ejército del Aire ordinò 8 esemplari di pre-serie designati T.12.

Il piccolo biturbina "utility" ha ottenuto un buon successo di vendite in ogni parte del mondo; è stato costruito in 351 esemplari dalla CASA e in 95 unità in Indonesia realizzato su licenza dalla Indonesian Aerospace (IAe) (ex IPTN). I principali clienti militari del C-212 Aviocar sono Giordania, Indonesia, Portogallo e Spagna e oltre ad essere diffuso notevolmente in America Latina ed Africa diversi esemplari si trovano tuttora tra le file di forze aeree maggiori, quali quella della Francia, Stati Uniti e Svezia.

Ordini e consegne[modifica | modifica wikitesto]

CASA CN-235 (aggiornato al 31 agosto 2015) [1]
Nazione Forza aerea Ordini Consegne Operativi
Angola Angola Força Aérea Nacional Angolana 12 12 10 esemplari in servizio al 2015, di cui 5 per pattugliamento marittimo e 5 per il trasporto tattico.[2]
Botswana Botswana Botswana Defence Force Air Wing 2 2 2 in servizio al marzo 2017.[3]
Capo Verde Capo Verde Força Aérea Caboverdiana 1 1 1 consegnato ed in servizio al dicembre 2017.[4]
Rep. del Congo Rep. del Congo L'Armée de l'Air du Congo 0 0 2
Gabon Gabon Armée de l'air gabonaise 3 3 1
Lesotho Lesotho Lesotho Defence Force - Air Squadron 4 4 2
Senegal Senegal Armée de l'air du Sénégal 0 0 1
Sudafrica Sudafrica Suid-Afrikaanse Lugmag 5 5 3
RD del Congo RD del Congo Force Aérienne du Congo 1 1 0
Zimbabwe Zimbabwe Air Force of Zimbabwe 13 13 7
Indonesia Indonesia Tentara Nasional Indonesia Angkatan Laut
Tentara Nasional Indonesia Angkatan Udara
120 120 45
Filippine Filippine Hukbong Himpapawid ng Pilipinas 2 0 0
Corea del Sud Corea del Sud Daehan Minguk Gonggun
Haeyang-gyeongchal-cheong
2 2 1
Thailandia Thailandia Kongthap Akat Thai
Reale polizia thailandese
16 16 16
Vietnam Vietnam Không lực Việt Nam Cộng hòa 6 3 3
Australia Australia Royal Australian Air Force 3 3 3
Kiribati Kiribati - 1 1 2
Tonga Tonga Tonga Defence Services 1 1 0
Belgio Belgio Componente aerea dell'armata belga 1 1 0
Francia Francia Armée française 8 8 6
Italia Italia Forze armate italiane 0 0 2
Lussemburgo Lussemburgo - 0 0 2
Malta Malta Stormo aereo maltese 5 5 2
Portogallo Portogallo Força Aérea Portuguesa 26 26 2
Spagna Spagna Ejército del Aire
Guardia Civil
Sociedad de Salvamento y Seguridad Marítima
92 92 24
Svezia Svezia Svenska Flygvapnet 3 3 0
Svizzera Svizzera Forze aeree svizzere 3 3 0
Turchia Turchia Türk Kara Kuvvetleri
Türk Deniz Kuvvetleri
Türk Hava Kuvvetleri
2 2 0
Afghanistan Afghanistan De Afghan Hauai Quvah 0 0 1
Giordania Giordania Al-Quwwat al-Jawwiyya al-malikiyya al-Urdunniyya 4 4 0
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Al-Quwwāt al-Jawiyya al-Imārātiyya 4 4 0
Canada Canada Canadian Forces 1 1 1
Stati Uniti Stati Uniti United States Armed Forces 50 50 44
Argentina Argentina Fuerza Aérea Argentina 8 8 6
Bolivia Bolivia Fuerza Aérea Boliviana 1 1 5
Cile Cile Fuerzas Armadas de la República de Chile 17 17 6
Colombia Colombia Fuerza Aérea Colombiana
Armada de la República de Colombia
Ejército Nacional de Colombia
11 11 3 C-212-300 in servizio con l'Aeronautica Colombiana al novembre 2017.[5] 2 C-212-100 in servizio con l'esercito colombiano all'ottobre 2017.[6][5][7]
Costa Rica Costa Rica - 2 2 0
Rep. Dominicana Rep. Dominicana - 3 3 3
Ecuador Ecuador Fuerza Aérea Ecuatoriana 2 2 2
Messico Messico Armada de México 10 10 2
Nicaragua Nicaragua - 7 7 0
Panama Panama - 6 6 3
Paraguay Paraguay - 5 5 5
Perù Perù - 1 1 0
Suriname Suriname - 2 2 0
Uruguay Uruguay - 5 5 6
Venezuela Venezuela - 11 11 2
Totale   483 478 219

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b CASA CN-235 - Orders & deliveries, su militaryaircraft-airbusds.com, 31 agosto 2015. URL consultato il 28 ottobre 2015.
  2. ^ "Le forze aeree del mondo, Angola" - Aeronautica & Difesa" N. 346 - 08/2015 pag. 68
  3. ^ "Le forze aeree del mondo. Botswana" - Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 70
  4. ^ "Le forze aeree del mondo, Capo Verde" - Aeronautica & Difesa" N. 374 - 12/2017 pag. 68
  5. ^ a b "Le Forze Armate Colombiane, maestre del conflitto asimmetrico" - "Rivista italiana difesa" N. 11 - 11/2017 pp. 68-79
  6. ^ "COLOMBIAN ARMY AVIATION RECEIVES NEW CESSNA 208", su janes.com, 20 ottobre 2017, URL consultato il 20 ottobre 2017.
  7. ^ (EN) World Air Force 2017 (PDF), su Flightglobal.com, p. 8. URL consultato il 7 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Tony Eastwood, John Roach, Turbo Prop Airliner Production List, West Drayton, Aviation Hobby Shop, 1990, ISBN 0-907178-32-4.
  • (EN) Paul Jackson, Jane's All The World's Aircraft 2003–2004, Coulsdon, UK, Jane's Information Group, 2003, ISBN 0-7106-2537-5.
  • (EN) John W.R. Taylor, Jane's All The World's Aircraft 1988-89, Coulsdon, UK, Jane's Defence Data, 1988, ISBN 0-7106-0867-5.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Barrie, Douglas and Jenny Pite. "World's Air Forces". Flight International, Vol. 146, No. 4435, 24–30 August 1994, pp. 29–64.
  • Hoyle, Craig. "Directory: World Air Forces". Flight International, Vol. 178, No. 5257, 14–20 December 2010, pp. 26–53.
  • Hoyle, Craig. "World Air Forces Directory". Flight International, Vol. 180, No. 5321, 13–19 December 2011, pp. 26–52.
  • Hoyle, Craig. "World Air Forces Directory". Flight International, Vol. 182, No. 5370, 11–17 December 2012. pp. 40–64. ISSN 0015-3710.
  • Hoyle, Craig. "World Air Forces Directory". Flight International, Vol. 188, No. 5517, December 8–14, 2015. pp. 26–53.
  • Jackson, Paul. "Royal Jordanian Air Force: Air Power at Three-continent Crossroads". Air International, Nol. 33, No. 5, November 1987, pp. 215–223. ISSN 0306-5634 (WC · ACNP).
  • "World's Air Forces". Flight International, Vol. 144, No. 4397, November 1993, pp. 41–76. 24–30.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]