Anton Nikolaevič Škaplerov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anton Nikolaevič Škaplerov
Cosmonaut Anton shkaplerov.jpg
Cosmonauta di Roscosmos
NazionalitàRussia Russia
StatusIn attività
Data di nascita20 febbraio 1972
Selezione2003 (TsPK 13)
Primo lancio14 novembre 2011
Altre attivitàPilota, VKS
Tempo nello spazio533 giorni, 5 ore e 31 minuti
Numero EVA2
Durata EVA14h 28m
Missioni

Anton Nikolaevič Škaplerov, in russo: Анто́н Никола́евич Шка́плеров? (Sebastopoli, 20 febbraio 1972), è un cosmonauta russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 completò l'addestramento di volo del Yak-52 al Club di volo di Sebastopoli e nel 1994 si laureò alla Scuola dell'aeronautica Kachinsk come aviatore. Dopo aver preso una seconda laurea nel 1997 all'Accademia di ingegneria aeronautica militare "N. E. Žukovskij", servì nell'Aviazione russa come pilota istruttore con il grado di colonnello. Nel 1998 fece parte della pattuglia acrobatica "Ussari del cielo" come pilota istruttore presso la Base aerea Kubinka. Nel 2010 conseguì una laurea in Giurisprudenza all'Accademia presidenziale russa dell'economia nazionale e della pubblica amministrazione. Nel 2014 prese un'altra laurea in Scienze tecniche all'Accademia di ingegneria aeronautica militare Žukovskij - Gagarin.

Škaplerov durante la sua prima EVA

Carriera come cosmonauta[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2003 venne selezionato come candidato cosmonauta e, nel giugno 2005, dopo due anni d'addestramento al Centro di addestramento cosmonauti Jurij Gagarin, venne qualificato come cosmonauta collaudatore. Tra aprile e ottobre del 2007 occupò la posizione di Direttore delle Operazioni per Roscosmos al Johnson Space Center a Houston. Škaplerov durante la carriera di cosmonauta venne assegnato come comandante degli equipaggi di riserva Sojuz TMA-17 (2009), TMA-21 (2011), TMA-13M (2014) e MS-06 (2017).

Škaplerov (sinistra), Virts e Cristoforetti durante le celebrazioni per il compleanno di quest'ultima

Expedition 29/30[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 novembre 2011 partì per la sua prima missione a bordo della Sojuz TMA-22 da lui comandata con il cosmonauta russo Anatolij Ivanišin e l'astronauta NASA Daniel Burbank per l'Expedition 29/30. Nel periodo trascorso in orbita, Škaplerov si occupò di monitorare le operazioni di aggancio e sgancio dei veicoli cargo russi Progress M-13M M-14M, M-15M, e dell'europeo ATV-3, di effettuare esperimenti scientifici, manutenzione delle attrezzature nel Segmento russo e una attività extraveicolare con Oleg Kononenko. Si trovava a bordo quando si presentò il pericolo di impatto detriti con la ISS il 24 marzo 2012; gli equipaggi della Sojuz TMA-22 e Sojuz TMA-03M che si trovavano in quel momento sulla ISS si rifugiarono nelle loro navicelle in attesa del passaggio del detrito che fortunatamente non colpì il laboratorio orbitale. Alla fine dell'Expedition 30, dopo essersi sganciato dalla ISS con il suo equipaggio, atterrò nel Kazakistan il 27 aprile 2012.

Škaplerov subito dopo essere atterrato dal suo terzo volo spaziale

Expedition 42/43[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 novembre 2014 attraccò alla Stazione, poco meno di sei ore dopo il lancio, a bordo della Sojuz TMA-15M con l'astronauta italiana dell'ESA Samantha Cristoforetti e l'astronauta NASA Terry Virts per le Expedition 42/43. La mattina del 14 gennaio 2015 a bordo della ISS si verificò un falso allarme di perdita di ammoniaca nel Segmento americano (USOS) della Stazione; gli astronauti dell'USOS dell'Exp 42 lasciarono il loro Segmento per rifugiarsi nel Segmento russo insieme a Škaplerov e gli altri cosmonauti per monitorare l'emergenza in sicurezza. Durante l'Exp 43 come responsabile del Segmento russo diede il benvenuto ai membri della Sojuz TMA-16M, Padalka, Kornienko e Kelly; questi ultimi due fecero parte della missione annuale One Year Mission. Il lancio fallimentare della missione cargo Progress M-27M avvenuto il 28 aprile 2015 prolungò la missione dell'equipaggio della Sojuz TMA-15M di un mese, dato il posticipo della missione Sojuz successiva (Sojuz TMA-17M) che dovette aspettare la conclusione dell'investigazione. Il rientrò sulla Terra avvenne l'11 giugno 2015, dopo 199 giorni di missione.

Expedition 54/55[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 dicembre 2017 tornò sulla ISS a bordo della Sojuz MS-07 con il l'astronauta NASA Scott Tingle e l'astronauta giapponese Norishige Kanai, entrambi al primo volo, per prendere parte all'Expedition 54/55. Effettuò un'attività extraveicolare con Aleksandr Misurkin per installare una nuova scatola elettronica per le comunicazioni tra il Centro di controllo missione e il Segmento russo sulla ISS. Il 27 febbraio 2018 con lo sgancio della Sojuz MS-06 divenne il comandante dell'Expedition 55, responsabile della sicurezza dell'equipaggio e della Stazione Spaziale Internazionale. Dopo 168 giorni di missione tornò sulla Terra concludendo con successo la sua terza missione spaziale.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Škaplerov è sposato con Tatyana Petrovna e hanno due figlie, Kristina e Kira.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Federazione Russa - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Federazione Russa
— 2 novembre 2013
Pilota-cosmonauta della Federazione Russa - nastrino per uniforme ordinaria Pilota-cosmonauta della Federazione Russa
— 2 novembre 2013
Ordine al merito per la Patria di IV classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di IV classe
«Per il coraggio e l'alta professionalità mostrati durante un volo spaziale a lungo termine presso la Stazione Spaziale Internazionale»
— 26 gennaio 2017[1]
Medaglia al merito militare di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito militare di II Classe
Medaglia per distinzione nel servizio militare di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di I classe
Medaglia per distinzione nel servizio militare di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di II classe
Medaglia per distinzione nel servizio militare di III classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di III classe
Medaglia per il servizio nelle forze aeree - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il servizio nelle forze aeree

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante della ISS
Expedition 55
Successore ISS insignia.svg
Aleksandr Misurkin 27 febbraio 2017 - 3 giugno 2018 Andrew Feustel