Portale:Siracusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale Siracusa antica Siracusa medievale Siracusa moderna Territorio Progetto Siracusa


Opzione Portale 1.png



Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Immagine del giorno

Il Castello Maniace


Vedi altre immagini di Siracusa e la sua provincia su Commons-logo.svg Commons.

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Citazione

Citazione del giorno...

« Il vero specchio ustorio di Siracusa è l'alba. Il sole che esce sul mare immobile del mattino ti schianta come lo scettro di un faraone egizio. È il disco incandescende di Ammon-Ra... Non hai scampo. Nell'isola di Ortigia, d'estate, l'unica attività che ti viene concessa è scegliere il percorso per evitare il sole, sempre che tu non preferisca una sovrana immobilità. »

(Paolo Rumiz, Annibale. Un viaggio.)

Leggi altre citazioni su Siracusa su Wikiquote-logo.svg Wikiquote.

Pix.gif


Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
La città
Demareteion 0667.jpg
Siracusa-Stemma.png

Siracusa (IPA: [siraˈkuːza], Sarausa in siciliano) è un comune italiano di 122 291 abitanti, capoluogo della provincia omonima in Sicilia.

Posta sulla costa sud-orientale dell'isola, Siracusa possiede una storia millenaria: la sua fondazione avvenne intorno all'anno 734-733 a.C., ad opera dei Corinzi. Annoverata tra le più vaste metropoli dell'età classica, primeggiò per potenza e ricchezza con Atene, la quale tentò invano di assoggettarla. Numerose le personalità influenti accolte al suo interno, come Platone che giungendovi per ben tre volte, cercò di instaurarvi lo Stato ideale della Repubblica. Patria di artisti, filosofi e uomini di scienza, diede i natali, tra gli altri, al celebre Archimede. Fu conquistata dall'antica Roma nel 212 a.C. Nell'anno 61 vi sostò per tre giorni l'apostolo Paolo, mentre veniva condotto a Roma. Siracusa è altresì nota per essere la città natale di Santa Lucia, il cui martirio avvenne il 13 dicembre del 304. Importante centro dell'Impero bizantino, ne divenne la capitale durante il VI secolo. La conquista araba, avvenuta nell'anno 878, pose fine all'egemonia siracusana.

Dopo il violento terremoto del 1693, il centro storico della città assunse lo stile Barocco che tutt'oggi lo contraddistingue. In epoca moderna fu una delle tappe principali del Grand Tour europeo.

Leggi la voce Open book nae 02.png
Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Pagina di storia

Dalle cronache della città...

I domini di Siracusa e Cartagine all'epoca di Dionisio I
Le guerre greco puniche

Siracusa divenne nei secoli la principale avversaria di Cartagine nell'ambito delle guerre greco-puniche. Le due capitali si affrontarono più e più volte contendendosi il controllo della Sicilia. Il rapporto tra Fenici e Greci fu tanto antico da influenzare la crescita dei due popoli e della stessa civiltà occidentale. Anche i Greci avevano ben chiaro l'apporto culturale dei Fenici alla nascita della Civiltà minoica, il primo collegamento nella serie delle civiltà europee. Quando le antiche città fenicie del Libano passarono sotto il giogo persiano fu chiaro che solo le colonie occidentali avrebbero potuto opporsi alle ondate coloniali elleniche. Fu Cartagine a raccogliere la sfida ergendosi a capofila della cultura Fenicia in Occidente. E qui i popoli più importanti prima di Roma si contesero il Mediterraneo. Le contendenti erano città di prima grandezza nel panorama mediterraneo.

« Grande si diceva fosse la forza di Gelone, molto maggiore di ogni altra potenza ellenica. »

(Erodoto definisce la potenza del tiranno di Siracusa subito prima della battaglia di Imera.)
Leggi la voce Open book nae 02.png
Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
I musei del territorio

Il museo del giorno...

Museo aretuseo dei pupi
L'esposizione al museo aretuseo dei pupi

Il museo aretuseo dei pupi si trova a Siracusa. Mostra al pubblico materiale artistico-teatrale sulla tradizione dell'Opera dei Pupi. Il Museo aretuseo dei pupi è il primo museo monotematico sui pupi in Italia. Nasce dalla volontà dell'associazione Vaccaro-Mauceri, la quale ha dato vita oltre al museo anche ad un "Centro studi sull'opra siracusana" ospitato dentro lo stesso museo.

Leggi la voce Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Geografia

Immgine del giorno dalla natura nel siracusano

Delfini nuotano a sud della città di Siracusa

La geografia del territorio siracusano funge da cerniera nell'ordito territoriale della Sicilia sud-orientale. Rappresenta la parte geografica più meridionale d'Italia, l'estrema punta sud-orientale dell'isola; Capo Passero è uno dei tre vertici che formano il nome di Trinacria, ovvero l'isola dalle tre punte. Il suo maggiore tratto distintivo viene dato dalla presenza dei monti Iblei. Il plateau ibleo è un complesso vulcanico sottomarino emerso tra il Miocene e il Pleistocene, composto da roccia lavica e carbonatica; contenente un elevato numero di fossili e conchiglie. Nel mar Ionio, a est di Siracusa (nella quale la piattaforma continentale è quasi del tutto assente) sorge la scarpata Ibleo-Maltese (o di Malta-Siracusa) che separa il blocco Pelagiano (avampaese africano) dal bacino ionico, delimitando la piana abissale più profonda del Mediterraneo. La vastità di caratteristiche geomorfologiche ha portato alla suddivisione del territorio in quattro sub-aree fisiche, che per le singole peculiarità danno luogo a paesaggi anche molto diversi tra loro...

Leggi la voce Open book nae 02.png Twemoji 1f33f.svg

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Enogastronomia del territorio

Hanno detto della cucina siracusana:

« Ricche eran le sue mense per la copia, e varietà dei cibi, saporite le vivande, lieti i desinari, e molti scrivevano e s'occupavano della cucina. Miteco da Siracusa, uomo colto, ed erudito, mandava fuori il cucinare siciliano, ed insegnava alla Grecia l'arte di condire i cibi alla maniera di Sicilia che riputavasi allora la più squisita. »

(Domenico Scinà, Storia letteraria di Sicilia ne' tempi greci.)
Le fragole di Cassibile

La cucina siracusana è costituita da quell'insieme di piatti e preparazioni che nel corso dei millenni hanno formato il patrimonio tradizionale culinario del territorio. Lodata e discussa fin dai tempi antichi per la sua particolarità e per la sua popolarità, essa ha risentito, in maniera certamente positiva, dell'apporto enogastronomico lasciato in eredità dai vari popoli qui avvicendatisi. Situato tra la costa e i monti Iblei, il territorio si avvale, da sempre, dei prodotti pescati dal mare e li amalgama con quelli ricavati dalla terra, creando un prodotto unico nel suo genere; non a caso la tradizione colloca il primo piatto della storia denominato «mare-monti» proprio nella zona di Siracusa (fu un cuoco arabo a unire pesce ed erbe selvatiche del territorio). Antichissima è anche la produzione di miele e di vino: celebre ai tempi dell'Antica Roma fu il miele ibleo, mentre si narra che il vino Pollio di Siracusa fosse vetusto e leggendario, persino legato alle origini della città. Le olive di Siracusa erano già note a Platone e in generale agli antichi greci.

Numerosi alimenti siracusani sono odiernamente rinomati e apprezzati sia in Italia che all'estero, come ad esempio: il limone, la patata novella e l'anguria di Siracusa, la fragola di Cassibile, l'arancia rossa di Sicilia, i pomodorini di Pachino, la mandorla di Avola e il vino Nero d'Avola, il miele di Sortino, l'olio ibleo e tanti altri ancora.

Leggi la voce Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Provincia di Siracusa-Stemma.png
Libero consorzio comunale di Siracusa
Geografia provincia di Siracusa 1.jpg

Per approfondire i comuni del territorio vedi apposita sezione del portale


Immagine del giorno dai comuni del territorio

L'isolotto Brancati di Marzamemi (Pachino)

Il libero consorzio comunale di Siracusa (SR) è un libero consorzio comunale della Sicilia di oltre 400.000 abitanti, con capoluogo Siracusa. È subentrato nel 2015 alla soppressa provincia regionale di Siracusa. Occupa una superficie di 2.109 km quadrati con una densità di popolazione di 188,8 abitanti per chilometro quadrato e confina a nord e nord-ovest con la Città metropolitana di Catania, ad ovest con il Libero consorzio comunale di Ragusa, mentre ad est ed a sud è bagnata rispettivamente dai mari Ionio e Mediterraneo. Punto di riferimento commerciale grazie al porto di Augusta, con i tre siti di Siracusa e la Necropoli Rupestre di Pantalica, Noto, Palazzolo Acreide (gli ultimi due insieme con il Val di Noto) insigniti dall'UNESCO del titolo di Patrimonio dell'umanità il Libero consorzio comunale di Siracusa rappresenta un rilevante polo d'attrazione turistico, storico, artistico ed archeologico. Nei suoi confini sorge il Lago di Lentini, il bacino artificiale più grande d'Europa. Il capoluogo, Siracusa, è infine un importante snodo stradale e ferroviario della Sicilia.

Leggi la voce Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Siracusa nel passato

Immagini dal passato

Fonte Aretusa (William Wilkins).PNG

Siracusane lavano i panni alla Fonte di Aretusa in un'incisione di William Wilkins (1778-1839)

Pix.gif


Cartella blu.jpg
UNESCO World Heritage Site logo.svg
Siti UNESCO
Flag of UNESCO.svg

La provincia siracusana è nota per essere sede di una delle maggiori concentrazioni di siti UNESCO al mondo: la città di Siracusa, nel suo insieme, è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'umanità congiuntamente alle necropoli rupestri di Pantalica, inoltre diversi monumenti di 8 città del Val di Noto sono stati dichiarati anch'essi siti UNESCO (denominazione complessiva: le città tardo barocche del Val di Noto), proseguendo, l'area siracusana confina a nord con un altro sito del World Heritage: il vulcano Etna. Infine, Siracusa e la sua provincia fanno naturalmente parte di altre due liste di patrimoni immateriali e orali dell'umanità: la dieta mediterranea e l'opera dei pupi siciliani. La presenza notevole di siti UNESCO è dovuta alla trimillenaria storia del territorio e alle sue ingenti ricchezze architettoniche, naturalistiche, culturali.

Il sito UNESCO: Pantalica nella valle dell'Anapo
Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Lo sapevi che...

Siracusa da scoprire

Raffigurazione di Omero
SYRA è la forma più antica del nome di Siracusa che si legge nelle sue prime emissioni monetali
Siracusa nell'Odissea

Se pur il nome di Siracusa non viene citato espressamente nei testi di Omero, in uno dei poemi epici che gli vengono attribuiti, l' Odissea, sono stati notati vari passi che gli storici pensano possano contenere impliciti rimandi alla città siciliana. In particolare è il noto passo che si trova nel XV libro dell'Odissea a far discutere da decenni gli studiosi, indecisi se riconoscere nelle parole di Omero Siracusa e la sua isola, Ortigia, o Syrios e la sua vicina Delos (che in principio si chiamava Ortigia):

« Cert’isola, se mai parlar ne udisti,
Giace a Ortigia di sopra, e Siria è detta,
Dove segnati del corrente Sole
I ritorni si veggono. Già grande
Non è troppo, ma buona: armenti, e greggi
Produce in copia, e ogni speranza vince
Col frumento, e col vino...
Due cittadi ivi son di nerbo eguale
 »

(Omero, Odissea, XV, 403-412)

Suggerisci una curiosità su Siracusa ~ Leggi la voce Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Biografia del giorno...

Personalità legate a Siracusa

San Marciano di Siracusa
Marciano, o Marziano di Siracusa (Antiochia, I secolo d.C.Siracusa, ...), è stato un vescovo e martire, venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa. La più antica notizia su Marciano risale alla seconda metà del VII secolo e si tratta di un Kontakion — composto da un'omelia poetica e un inno liturgico, come l'Akathistos in uso nel VI secolo —, attribuito all'innografo Gregorio, anche se il gesuita Gaetani lo aveva erroneamente attribuito al siciliano Giuseppe l'Innografo. Nel Contacio Marciano viene presentato come:

« la prima stella… che dall’Oriente venne ad illuminare i popoli di Occidente »

Secondo la tradizione Marciano fu il protovescovo di Siracusa; discepolo dell'apostolo Pietro. Viene considerato il primo vescovo d'Occidente, poiché giunse in Sicilia quando l'apostolo si trovava ancora ad Antiochia.

Leggi la voce Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Monumenti

Monumento in evidenza

Le mikveh di Siracusa
Due dei mikva ebraici scoperti a Siracusa

A Siracusa si trova la mikveh (bagno per il rito religioso ebraico) definita come la più antica d'Europa, risalente intorno al III secolo, poiché la città ha ospitato una delle più antiche e numerose comunità ebraiche del Mediterraneo occidentale. Siracusa ha numerosi bagni rituali del popolo ebraico, la cui nascita è stata favorita dalle sorgenti naturali d’acqua dolce che scorrono nel sottosuolo della città: il più vasto di questi, andato perduto e poi riscoperto intatto di recente, è quello di «Casa Bianca», dal nome della famiglia che abitava in passato il caseggiato di Ortigia posto in via Alagona e ora divenuto Hotel Residence "Alla Giudecca" di proprietà della marchesa Amalia Danieli. Poi ve ne è un altro sotto la chiesa di San Filippo Apostolo, un altro, il terzo, si trova in vicolo dell'Oliva e anch'esso è situato sotto una ulteriore abitazione privata, e infine si suppone che un quarto bagno sorgesse all'interno del castello Maniace, nel quale è stata rinvenuta una scrittura ebraica, nel cosiddetto «Bagno della Regina».

Leggi la voce Open book nae 02.png

Per approfondire vedi Architetture di Siracusa Tempietto tipo 2.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Eventi

Oggi in evidenza...

Porto Grande: l'equipaggio aretuseo campione d'Italia nel 1938

Il Palio del mare

Detto anche la regata dei quartieri storici di Siracusa, è una competizione sportiva che si svolge nel porto della città aretusea con cadenza annuale. Questo evento ha origini antiche, poiché fu già in uso nella prima metà del 1900: verso il 1930 e il 1940 alcuni pescatori iniziarono, quasi per gioco, a fare delle gare con le loro barche, note come u buzzettu siracusano. Nel corso dei decenni l'evento è diventato una tradizione popolare con grande riscontro di pubblico. I quartieri in gara sono cinque; i più antichi di Siracusa. La gara sportiva odierna ha conservato i nomi che inizialmente usavano gli equipaggi dei pescatori partecipanti, i quali prendevano il loro nominativo in base al mestiere di mare che essi praticavano.

Leggi la voce... Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Sport a Siracusa

L'immagine sportiva del giorno...

Dai mondiali di canoa polo svolti a Siracusa: Spagna vs Finlandia

Siracusa è una città a forte vocazione sportiva. Tanti gli atleti che durante la storia d'Italia hanno vestito l'azzurro nazionale. La città è stata e continua ad essere sede di importanti eventi e manifestazioni sportive regionali, nazionali, internazionali e finanche mondiali. Per citare alcuni degli eventi più significativi che hanno coinvolto la città e il suo territorio: nel 1960 fu la prima tappa italiana ad accogliere la fiaccola olimpica, proveniente da Olimpia e diretta a Roma. Nel suo circuito la Ferrari ha ottenuto le sue prime vittorie automobilistiche, durante il Gran Premio di Siracusa; il Giro d'Italia, che si vede pochissimo al sud, vi ha fatto tappa due volte; il Trofeo 8 Nazioni (successivamente detto Trofeo Syracusae) della pallanuoto e le tappe della World League della medesima disciplina; la finale della Supercoppa Italiana di pallavolo e la Final Eight Coppa Italia di pallamano; le gare internazionali ippiche all'Ippodromo del Mediterraneo; gli interi Campionati italiani assoluti di scherma, fino a giungere all'organizzazione del campionato mondiale di canoa polo nel 2016.

Leggi la voce Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Quartieri in primo piano

Il quartiere del giorno

Mazzarona

Il quartiere della Mazzarona visto dal mare

La Mazzarona (Mazzarruna in siracusano), è un quartiere situato nella periferia nord-est di Siracusa, appartenente alla IV circoscrizione Grottasanta. Il quartiere è sorto durante il boom edilizio (popolare e privato) partito dagli anni sessanta e terminato negli anni ottanta. La Mazzarona è una zona dalle due facce; da un lato mostra evidenti difficoltà sociali classiche di un quartiere periferico; da un altro si trova presso una delle zone naturali più belle della città, in quanto caratterizzata dalla presenza del mare e di scogliere che di fatto formano la lunga costa (storicamente chiamata dai siracusani a costa re piliceddi) che parte da sud (Borgata Santa Lucia) e termina a nord della città (Santa Panagia).Negli ultimi anni l'amministrazione facente capo all'ex sindaco Giambattista Bufardeci ha avviato alcuni progetti di recupero.

Leggi la voce... Open book nae 02.png

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Accadde a Siracusa...

Oggi si ricorda...

Italiani e anglo-americani firmano l'armistizio sotto una tenda nei pressi di Siracusa

La firma dell'armistizio della Seconda Guerra Mondiale

Il 3 settembre del 1943 a Santa Teresa Longarini - contrada di Siracusa sita nelle vicinanze di Cassibile - fu firmato segretamente l'armistizio che sanciva l'uscita dell'Italia dall'alleanza con la Germania nazista. La firma avvenne sotto una tenda, montata all'interno di un uliveto nella tenuta San Michele di proprietà della baronessa Aline Grande. Alla firma presenziò Eisenhower - futuro presidente degli Stati Uniti d'America -, e il suo stato maggiore in memoria dell'evento donò alla baronessa una pietra con su scritto «The armistice signed here» (la pietra è stata in seguito trafugata). Solamente cinque giorni dopo, il famoso 8 settembre, sarebbe stata resa pubblica la notizia dell'avvenuto armistizio con il Proclama Badoglio.

Leggi la voce...

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Voci di Qualità

Tra le voci che hanno ottenuto un riconoscimento di Qualità dalla comunità di Wikipedia:

Puzzle stamp.png
Archimede

Archimede di Siracusa è stato un matematico, fisico e inventore. Considerato come uno dei più grandi scienziati e matematici della storia, i contributi di Archimede spaziano dalla geometria all'idrostatica, dall'ottica alla meccanica. Fu in grado di calcolare la superficie e il volume della sfera e intuì le leggi che regolano il galleggiamento dei corpi. In campo ingegneristico, Archimede scoprì e sfruttò i principi di funzionamento delle leve e il suo stesso nome è associato a numerose macchine e dispositivi, come la vite di Archimede, a dimostrazione della sua capacità inventiva. Circondate ancora da un alone di mistero sono invece le macchine da guerra che Archimede avrebbe preparato per difendere Siracusa dall'assedio romano.

La vita di Archimede è ricordata attraverso numerosi aneddoti, talvolta di origine incerta, che hanno contribuito a costruire la figura dello scienziato nella mente collettiva. Ad esempio, è rimasta celebre nei secoli l'esclamazione hèureka! (εὕρηκα! - ho trovato!) a lui attribuita dopo la scoperta del principio che porta il suo nome.

Leggi la voce...

Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Categorie correlate
Pix.gif
Cartella blu.jpg
Siracusa-Stemma.png
Altri progetti
Pix.gif
Portali correlati


Flag of Europe.svg Europa  · Flag of Italy.svg Italia  · Sicilian Flag.svg Sicilia  · Agrigento-Stemma.png Agrigento  · Palermo-Stemma da Il blasone in Sicilia (Tav 86).png Palermo
Visita gli altri Portali sulle città italiane Italy looking like the flag.svg
Visita il Portale dei portali Gnome-globe.svg