Marina di Melilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marina di Melilli
frazione
Marina di Melilli – Veduta
Veduta di Marina di Melilli e, sullo sfondo, di Marina di Priolo.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Libero consorzio comunaleProvincia di Siracusa-Stemma.png Siracusa
ComuneMelilli-Stemma.png Melilli
Territorio
Coordinate37°07′30″N 15°13′18″E / 37.125°N 15.221667°E37.125; 15.221667 (Marina di Melilli)
Altitudine10 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale96010
Prefisso0931
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Marina di Melilli
Marina di Melilli

Marina di Melilli (Funnucu Novu in siciliano) era una località balneare sita nel territorio di Melilli in provincia di Siracusa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1954 la spiaggia di Fondaco nuovo fu sede di stabilimenti balneari e favorì l'insediamento abitativo a sud della stessa. Ma a seguito della costruzione della raffineria ISAB negli anni settanta, la località si trovò ad essere costretta tra il Polo petrolchimico e il mare.

A causa dell'inquinamento ambientale (ma anche per lasciare spazio all'ingrandimento degli impianti) nel 1979 i quasi 1000 abitanti furono trasferiti e distribuiti nei centri abitati viciniori. Marina di Melilli fu quasi del tutto rasa al suolo. Con l'istituzione del comune di Priolo Gargallo la spiaggia di Fondaco Nuovo fu assegnata al nuovo comune, mentre la zona abitata rimase in territorio di Melilli. Gli abitanti trasferiti furono indennizzati ma alcune famiglie opposero comunque resistenza. Per questa ragione fu staccata la corrente elettrica e l'acqua, non risparmiando neanche minacce. L'ultimo abitante di Marina di Melilli, Salvatore Gurreri, fu brutalmente assassinato nel 1992[1].

Delle abitazioni delle circa 180 famiglie rimasero solo pochi edifici abitabili, la maggior parte delle case divennero diroccate o furono demolite, mentre nella porzione priolese sono sorti negli anni alcuni insediamenti industriali, la centrale Archimede dell'Enel ma anche una riserva naturale e alcuni stabilimenti balneari della cosiddetta "Marina di Priolo".

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]