Cassaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cassaro (disambigua).
Comune di Cassaro
comune
Comune di Cassaro – Stemma
Comune di Cassaro – Bandiera
Comune di Cassaro – Veduta
Comune di Cassaro – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Sicilia
Libero consorzio comunale Siracusa
Amministrazione
SindacoMirella Garro (lista civica) dal 12-6-2022
Territorio
Coordinate37°06′N 14°57′E / 37.1°N 14.95°E37.1; 14.95 (Comune di Cassaro)
Altitudine560 m s.l.m.
Superficie19,62 km²
Abitanti723[1] (31-10-2023)
Densità36,85 ab./km²
Comuni confinantiBuscemi, Ferla, Palazzolo Acreide, Sortino
Altre informazioni
Cod. postale96010
Prefisso0931
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT089007
Cod. catastaleC006
TargaSR
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[2]
Cl. climaticazona D, 1 409 GG[3]
Nome abitanticassaresi
Patronosan Giuseppe
Giorno festivo19 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Comune di Cassaro
Comune di Cassaro
Comune di Cassaro – Mappa
Comune di Cassaro – Mappa
Posizione del comune di Cassaro nel libero consorzio comunale di Siracusa
Sito istituzionale

Cassaro (IPA: /'kas.sa.rɔ/; Càssaru in siciliano) è un comune italiano di 723 abitanti[1] del libero consorzio comunale di Siracusa in Sicilia. È il comune più piccolo e meno abitato del siracusano, nonché uno dei più piccoli e meno abitati dell'isola[4].

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Cassaro deriva probabilmente dalla parola araba qaṣr (قَصْر), che a sua volta è un prestito dal latino castrum 'castello', 'forte', 'fortilizio' o 'accampamento militare', 'castello'.

Secondo un'altra fonte[5], che riconduce a Plinio il Vecchio (Nat. 3.8.14) e a Claudio Tolomeo (Tetr. 3.4.14), questo nome potrebbe invece derivare dall'antico insediamento siciliano noto con il nome greco di Κάκυρον Kákyron, latinizzato poi in Cacyrum.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cassaro fu feudo di Francesco Alcassar, siracusano, governatore anche di Pantalica. Dal 1330 al 1397 si sono succeduti Giovanni, Parisio e Pietro di Cassaro, siracusani. Parisio fonda a Siracusa il monastero di San Benedetto, monache di clausura rette per 75 anni, fino al 1441, dall'Abadessa Cesaria, sua sorella. Regale Cassaro, figlia di Pietro di Cassaro, sposa Pietro de Muleto iniziando quindi la Baronia de Muleto. Margherita de Muleto sposa Pietro Siracusa, di Noto, e la cui figlia Margherita Siracusa sposa Pietro Gaetani Barone di Sortino, iniziando la Baronia dei Gaetani. Cesare Gaetani nel 1631 ottenne il titolo di Principe di Cassaro. La famiglia Gaetani vanta due Papi, Gelasio II e Bonifacio VIII. Cesare Gaetani e Bardi (Principe dal 1641 al 1651) è sepolto nella Chiesa del Gesù, meglio conosciuta Casa Professa, a Palermo. Dal 1774, per assenza di eredi diretti Gaetani, inizia la stirpe Statella con Antonio Statella, Principe di Sabuci e nipote di Maddalena Gaetani, sorella di Pietro Gaetani.

Il castello e la città furono distrutti dal terremoto del 1693. Cassaro fu ricostruita in seguito sulla locazione attuale.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 9 febbraio 1983.[6]

«D'azzurro, alla fascia d'argento; sul tutto un obelisco d'oro, murato di nero, sormontato in punta da una sfera pure d'oro. Ornamenti esteriori di Comune.»

Il gonfalone è un drappo di azzurro .

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa Madre di San Pietro in Vincoli
  • Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate
  • Chiesa di San Sebastiano Martire
Chiesa di Sant'Antonio Abate

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenica delle palme (stand gastronomici-spettacolari con artisti di strada e rappresentazioni viventi sulla passione di Cristo)
  • Festività pasquali:
    • Venerdì Santo: Scisa 'â cruci e processione dell'Addolorata
    • Sabato Santo: processione della Madonna alla ricerca del Figlio
  • A risùscita
  • Domenica di Pasqua: U Scontru
  • Festa del santo patrono (ultima domenica di luglio, si alternano San Giuseppe, San Sebastiano e Sant'Antonio)
  • Epifania: “I tre re” (stand gastronomici e presepe vivente con l'arrivo dei magi a cavallo)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
22 dicembre 1988 27 settembre 1990 Angelo Gallo Partito Comunista Italiano Sindaco [8]
27 settembre 1990 15 aprile 1992 Salvatore Bordonaro Partito Comunista Italiano Sindaco [8]
4 maggio 1992 17 agosto 1993 Francesco Iemmolo Partito Democratico della Sinistra Sindaco [8]
22 novembre 1993 1º dicembre 1997 Paolo Gallo Democrazia Cristiana Sindaco [8]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Paolo Gallo lista civica Sindaco [8]
28 maggio 2002 15 maggio 2007 Elio Rossitto lista civica Sindaco [8]
15 maggio 2007 8 maggio 2012 Nello Pisasale lista civica Sindaco [8]
8 maggio 2012 12 giugno 2017 Nello Pisasale lista civica Sindaco [8]
12 giugno 2017 in carica Mirella Garro lista civica Sindaco [8]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Le società calcistiche di Cassaro sono state il Cassaro e la Cassarese. La società più giovane, nata nel 2017 e denominata Asd Cassaro Calcio, giocava in terza categoria. La seconda categoria è la massima categoria in cui è arrivato il calcio cassarese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico mensile anno 2023 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Il paese più piccolo della Sicilia per popolazione e superficie, su siciliapreziosa.it.
  5. ^ Cacyrum, in Dictionary of Greek and Roman Geography, 1854. URL consultato il 18 febbraio 2022.
  6. ^ Cassaro, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 27 maggio 2023.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 26-12-2023.
  8. ^ a b c d e f g h i Anagrafe degli amministratori locali e regionali.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Cassaro, su castelli-sicilia.com.
  • Storia di Cassaro - Sac. Salvatore Mineo.
  • Ricerche ed opuscoli di Stelluccio Fiumara - www.stellucciofiumara.it
  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia