Carlentini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlentini
comune
Carlentini – Stemma Carlentini – Bandiera
Carlentini – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Siracusa-Stemma.png Siracusa
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Basso (lista civica) dal 10/06/2013
Territorio
Coordinate 37°17′00″N 15°01′00″E / 37.283333°N 15.016667°E37.283333; 15.016667 (Carlentini)Coordinate: 37°17′00″N 15°01′00″E / 37.283333°N 15.016667°E37.283333; 15.016667 (Carlentini)
Altitudine 228 m s.l.m.
Superficie 158,91 km²
Abitanti 17 981[1] (31-10-2012)
Densità 113,15 ab./km²
Frazioni Carlentini Nord, Pedagaggi
Comuni confinanti Augusta, Buccheri, Catania, Ferla, Francofonte, Lentini, Melilli, Sortino
Altre informazioni
Cod. postale 96013
Prefisso 095
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 089006
Cod. catastale B787
Targa SR
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona C, 1 007 GG[2]
Nome abitanti carlentinesi
Patrono Santa Lucia da Siracusa
Giorno festivo 13 dicembre e quarta domenica di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carlentini
Carlentini
Posizione del comune di Carlentini all'interno della provincia di Siracusa
Posizione del comune di Carlentini all'interno della provincia di Siracusa
Sito istituzionale

Carlentini (Carruntini in siciliano) è un comune italiano di 17.981 abitanti della provincia di Siracusa in Sicilia.

Cittadina situata in una collina sull'altopiano confinante con la più grande Lentini, a ridosso della Piana di Catania, in vicinanza del Lago di Lentini e alle pendici del Monte Pancali e dei Monti Iblei.

È rinomata per la produzione dell'Arancia Rossa di Sicilia (IGP), insieme con le città di Lentini e Francofonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Carlentini si trova nel nord-ovest della provincia di Siracusa e dista 50 chilometri dal capoluogo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della città si lega alla vicinanza col comune di Lentini. Il viceré Giovanni De Vega nel 1551 fondò una città nuova in onore dell'imperatore Carlo V, perché fosse la "Lentini di Carlo"; da ciò Carlentini.

« Da Lentini sono salito sulla sommità della collina, posta ad est di questa città. Qui ho trovato la città moderna di Carlentini, situata due miglia dall'altra e chiamata così perché fu fondata da Carlo V nel 1550 circa. Oggi la città cadde in rovina: le sue porte, le mura, sebbene molto spesse, si stanno distruggendo. Le abitazioni, dal famoso terremoto del 1693, hanno soltanto il pianterreno e sono completamente degradate per la miseria degli abitanti e per lo spopolamento del luogo. Quando il padrone di casa amore senza figli, gli eredi portano via il mobilio e abbandonano la casa, che non possono affittare perché scarseggiano gli abitanti: al mio arrivo trovai appena 120 persone. Anche Lentini sta scomparendo: c'erano soltanto quattromila anime. L'aria in salubre il malgoverno, a cui nessuno pone rimedio, sono le principali cause: è sempre più facile fuggire da un paese piuttosto che purificarne l'atmosfera o risanarne l'amministrazione. »
(Jean-Pierre Houël[3])

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Arcipretura Immacolata Concezione
  • Chiesa Santa Maria degli Angeli
  • Chiesa di Santa Anna
  • Chiesa di San Sebastiano
  • Chiesa di Santa Tecla (Santuzzi)
  • Chiesa Maria SS. della Stella (Pedagaggi)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Economia[modifica | modifica wikitesto]

Produzione agrumicola ed ortofrutticola di vari tipi, tra cui l'arancia rossa e i limoni, infatti il paese costituisce uno dei tre centri urbani del cosiddetto triangolo delle arance rosse di Sicilia, insieme ai paesi di Lentini e Francofonte. Altra coltura arborea ben presente nel territorio carlentinese è l'ulivo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 gennaio 1989 23 luglio 1990 Giuseppe Favara Partito Socialista Italiano Sindaco [5]
23 luglio 1990 27 luglio 1993 Gaetano Failla Partito Socialista Italiano Sindaco [5]
23 novembre 1990 20 dicembre 1990 Girolamo Di Benedetto Comm. pref. [5]
24 dicembre 1990 6 maggio 1992 Rosario Iapichello Democrazia Cristiana Sindaco [5]
22 novembre 1993 15 dicembre 1997 Sergio Monaco Partito Socialista Italiano Sindaco [5]
15 dicembre 1997 1º maggio 2000 Giovanni Liuzzo centro-sinistra Sindaco [5]
15 dicembre 1999 1º maggio 2000 Leonardo Pipitone Comm. pref. [5]
1º maggio 2000 17 maggio 2005 Mario Battaglia centro-sinistra Sindaco [5]
17 maggio 2005 31 luglio 2007 Sergio Monaco centro-sinistra Sindaco [5]
17 giugno 2008 12 giugno 2013 Giuseppe Basso Il Popolo della Libertà Sindaco [5]
12 giugno 2013 in carica Giuseppe Basso Sindaco [5]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l' A.S.D. Carlentini che milita nel girone G siciliano di 1ª Categoria. I colori sociali sono: il celeste ed il bianco.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Tratto da F. Gringeri Pantano, L. Rubino (a cura di) Jean Hoüel: voyage a Siracusa: le antichità della città e del suo territorio nel 1777, Palermo 2003.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g h i j k http://amministratori.interno.it/

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN243852746
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia