Ostiense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ostiense (disambigua).
Q. X Ostiense
Piazzale Ostiense Piramide porta san Paolo.jpg
Piazzale Ostiense: piramide Cestia (sx) e porta San Paolo (dx)
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàInsigne Romanum coronatum.svg Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma I, Municipio Roma VIII e Municipio Roma IX
Data istituzione20 agosto 1921
Codice210
Superficie7,12 km²
Abitanti61 712 ab.
Densità8 663,64 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°51′49.14″N 12°28′44.08″E / 41.863651°N 12.478911°E41.863651; 12.478911
Ostiense
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàInsigne Romanum coronatum.svg Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma VIII
Data istituzione30 luglio 1977
Codice11A
Superficie1,07 km²
Abitanti7 673 ab.
Densità7 171,03 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Ostiense è il decimo quartiere di Roma, indicato con Q. X.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 11A del Municipio Roma VIII di Roma Capitale.

Fino al 1930 esisté anche un suburbio omonimo indicato con S.O.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area sud della città, a ridosso delle Mura aureliane e del fiume Tevere.

Il quartiere confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ponte dell'Industria. Sullo sfondo è possibile notare il gazometro, entrambe costruzioni dell'anteguerra (epoca regia ed industriale)

A seguito della proclamazione del Regno d'Italia sotto i Savoia di Francia, viene costruito nei primi anni '60 del XIX secolo il Ponte dell'Industria che collega le aree di Ostiense e Portuense, divise dal Fiume Tevere. Dapprima Ponte San Paolo ed adibito alla mobilità ferroviaria, viene sostituito da ponte di nuova costruzione agli inizi del XX secolo, passando ad altro uso. Al giorno d'oggi è conosciuto ai romani semplicemente come Ponte di ferro e serve il trasporto su strada e la mobilità pedonale.

Antica Porta Ostiensis. A lato è possibile notare la Piramide Cestia, una tomba mausoleo della Roma Antica, entrambe costruzione imperiali

Etimologicamente deriva dal termine latino "hostia", cioè "vittima". L'area del quartiere Ostiense nasce a ridosso del centro storico di Roma, nello specifico, delle antiche Mura Aureliane, come accesso militare romano alle acque del mare. Ostiense comunque, prese il nome dall'antica "Porta Ostiensis" (caduta in disuso presto, in favore di altre antiche porte romane), dalla quale si estende via Ostiense collegante il Colle Aventino della città di Roma, al litorale di Ostia, che deve essere stata la primo vero successo militare degli antichi romani. Oggi, questo monumento è chiamato Porta San Paolo per la, poco distante, enorme basilica papale di San Paolo fuori le mura, seconda per grandezza soltanto alla basilica di San Pietro in Vaticano. Intorno ad essa durante il processo di cristianizzazione medievale iniziò a formarsi nel IX secolo un insediamento fortificato che prese il nome di Giovannipoli, da Papa Giovanni VIII. I personaggi antichi di Pietro, Paolo, e Giovanni, sono di riferimento per la religione cristiana in quanto apostoli missionari del Vangelo di Gesù vissuti al tempo di Cristo in Galilea, ed approdati nel mondo antico greco-romano in predicazione.

Sviluppo moderno[modifica | modifica wikitesto]

Il moderno sviluppo urbanistico comincia intorno al 1907 quando il sindaco Ernesto Nathan iniziò a promuovere la creazione di una zona industriale all'inizio della via Ostiense. Su questo impulso, e complice anche il Piano Regolatore del 1909, furono costruiti un porto fluviale, un Gasometro, la Centrale Montemartini, i Mercati Generali inaugurati con l'ascesa del fascismo nel 1921.[6][7]

Durante il fascismo viene usata la terza stazione ferroviaria di Roma Stazione Ostiense (nel 1938) di nuova costruzione, per accogliere Hitler e le sue delegazioni naziste nella capitale, decorata in maniera di mitologia, papale, ed imperiale fascista.[8]

Dopo la seconda guerra mondiale, la zona si rivela molto legata al sentimento religioso campanilistico di devozione sociale alla chiesa cattolica. Filo-meridionale dunque, negli anni '70 viene riconosciuta zona urbanistica al fianco delle zone di Marconi e San Paolo ad ovest, e di Garbatella ad est.

Con il declino degli anni '80 dell'USSR, seguito dai Mondiali del '90, la fine della Prima Repubblica e l'avvento di Silvio Berlusconi, la piccola zona attraversa una fase di transizione lunga due decenni. In occasione dei Mondiale del '90 viene costruito l'Air Terminal che collega il retro della Stazione Ostiense alla zona Garbatella. Il quartiere Ostiense contraddistinto sin dagli inizi del XX secolo da grande vitalità dovuta alla presenza di siti industriali, tra i quali quello dei Mercati Generali è stato il più caratteristico fino alla sua chiusura, ospita dal 1992 l'Università degli Studi Roma Tre. Con il nuovo Piano Regolatore del 2008 la zona Ostiense come definita dagli anni '70 si evolverà come parte della nuova Città metropolitana di Roma.

Ponte Settimia Spizzichino, in Circonvallazione Ostiense (anche noto semplicemente come Ponte Ostiense); sovrappassa la ferrovia Roma-Lido e la linea B della metropolitana

Il 30 marzo del 2008, è stato inaugurato, nel parco Schuster, un monumento commemorativo per le vittime dell'attentato del 12 novembre 2003 alla base militare di Nassiriya. L'opera è stata progettata dallo scultore Giuseppe Spagnulo. All'inizio della crisi economica mondiale del 2008 terminano i lavori del cavalcaferrovia Ponte Ostiense che collega la Via Ostiense alla Via Cristoforo Colombo (Roma). Artisticamente ricercata opera di infrastruttura, ed intitolato a Settimia Spizzichino, sopravvissuta alla deportazione nazi-fascista nel corso del secondo conflitto mondiale.

Tra le numerose iniziative di carattere sociale, il quartiere è anche sede di attività della comunità cristiana di base fondata da Giovanni Franzoni, oltre che di comunità gay, quali Arcigay, Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, Di' Gay Project. Negli anni novanta, nei pressi dell'ex gasometro di via Ostiense, nacquero gli eventi del Muccassassina. Ferzan Özpetek, che vive tuttora nel quartiere, ambientò buona parte del film del 2001 Le fate ignoranti in un palazzo di via del Porto Fluviale 35.

Mappa del municipio di appartenenza del Quartiere Ostiense: la maggioranza dell'area territoriale è quella delle zone 11A, 11B, 11C, ad ovest (nei pressi del Tevere).

A seguito dell'istituzione della città metropolitana di Roma, tra il 2008 e l'ufficializzazione per decreto di legge, dal 2015 diviene Quartiere X - Ostiense accorpando la zone di San Paolo e Garbatella. Al contempo la numerazione ordinale progressiva indicante Municipio (dal 2001, da Circoscrizione) con numeri romani, passa da undici "XI" ad otto "VIII" nel 2013 in via ufficiale attraverso delibera n.11 dell'11 marzo 2013 dell'Assemblea Capitolina.

Rappresenta ad oggi il centro infrastrutturale di Municipio Roma VIII. Ferrovie metropolitane e statali sono accessibili nel quartiere:

Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalle stazioni Garbatella, Basilica San Paolo e Marconi.
Ferrovia Roma-Lido.svg
 È raggiungibile dalla stazione Basilica San Paolo.
Ferrovia regionale laziale FL1.svg
 È raggiungibile dalla stazione di: Roma Ostiense.
Ferrovia regionale laziale FL3.svg
 È raggiungibile dalla stazione di: Roma Ostiense.
Ferrovia regionale laziale FL5.svg
 È raggiungibile dalla stazione di: Roma Ostiense.

La zona della Garbatella ospita il numero più alto di abitanti del quartiere, circa tre su quattro.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

D'azzurro al faro d'argento.[9]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Complesso INA-Casa e IACP di edilizia sociale con quattro torri stellari. Progetti degli architetti Mario De Renzi, Saverio Muratori, Eugenio Montuori, Mario Paniconi, Giulio Pediconi e Fernando Puccioni.
Mercati Generali all'Ostiense, 1908-1916, progettisti: arch. ing. Francesco La Grassa; ing. Emilio Saffi

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Luogo sussidiario di culto della parrocchia di San Francesco Saverio alla Garbatella.
Luogo sussidiario di culto della parrocchia di San Francesco Saverio alla Garbatella.
Luogo sussidiario di culto della parrocchia di San Francesco Saverio alla Garbatella.
Luogo sussidiario di culto della parrocchia di San Filippo Neri in Eurosia.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Architetture scolastiche[modifica | modifica wikitesto]

Progetto dell'architetto Angelo Brunetta[11] e inizialmente intitolata al gerarca fascista Michele Bianchi per volontà di Benito Mussolini.[12]
  • Villaggio scuola primaria Principe di Piemonte presso la Roccia di San Paolo.

Archeologia industriale[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio del quartiere Ostiense si estendono le seguenti zone urbanistiche: l'omonima 11A, la 11B Valco San Paolo e la 11C Garbatella per intero, a sud la parte nord della 12A Eur e a nord la parte sud della 1C Aventino.

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalle stazioni Piramide, Marconi, Garbatella e Basilica San Paolo.
Ferrovia regionale laziale FL1.svg
 È raggiungibile dalla stazione di: Roma Ostiense.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. W3 Roma Team (colori sociali Nero Bianco) che, nel campionato 2019-20, milita nel campionato maschile di Promozione.[15]

Calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. History Roma 3Z 1983 che, nel 2019-2020, milita nel campionato maschile di Serie B.[16]
  • PGS Club San Paolo che, nel 2019-2020, milita nel campionato maschile di Serie B.[17]

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

  • San Paolo Ostiense che, nel campionato 2019-2020, milita nel campionato maschile di Serie C Gold.[18]
  • Basket Marconi Roma che nel 2019-2020 milita nel campionato maschile di Serie D.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Separato dalle Mura Aureliane, dal fiume Tevere a Porta San Paolo.
  2. ^ Separato dalle Mura Aureliane, da Porta San Paolo a Porta Ardeatina.
  3. ^ Separato da via Cristoforo Colombo, nel tratto da via di Porta Ardeatina a via Laurentina, e da via Laurentina, nel tratto da via Cristoforo Colombo a viale dell'Atletica.
  4. ^ Separato da viale dell'Atletica e dal viadotto della Magliana fino al fiume Tevere.
  5. ^ Separato dal fiume Tevere, dal viadotto della Magliana al Ponte dell'Industria.
  6. ^ Quartiere Ostiense, su Rerum Romanarum, 3 febbraio 2014.
  7. ^ Quartiere Ostiense, su Roma.it.
  8. ^ Stazione Ostiense, su Rerum Romanarum, gennaio 2019.
  9. ^ Carlo Pietrangeli, p. 192.
  10. ^ Osmar, Quartiere Valco San Paolo. Torri stellari, su ArchiDiAP, 25 febbraio 2015.
  11. ^ Osmar, Scuola in piazza Damiano Sauli alla Garbatella, su ArchiDiAP, 23 gennaio 2015.
  12. ^ Istituto comprensivo Piazza D. Sauli - Plesso "Cesare Battisti", su IC Piazza D. Sauli.
  13. ^ Silvia Rosati, Gazometro. Società Romana del Gas, su ArchiDiAP, 5 maggio 2016.
  14. ^ Necropoli di San Paolo, su Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.
  15. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  16. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  17. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  18. ^ a b Il campionato regionale sul sito della FIP

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sara Bernardi, Claudia Pagani, Michele Furnari e Maddalena Ferretti, La fabbrica del gas all'Ostiense. Luogo e forma di un'area industriale, Roma, Gangemi Editore, 2006, ISBN 978-88-492-1154-2.
  • Giorgio Carpaneto e altri, I quartieri di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1997, ISBN 978-88-8183-639-0.
  • Claudia Cerchiai, QUARTIERE X. OSTIENSE, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 7, Roma, Newton Compton Editori, 1991.
  • Rita D'Errico, Ostiense. Assetti proprietari e trasformazioni economico-sociali di un settore dell'Agro romano (secoli XVIII-XX), Roma, Casa dell'Architettura, 2007, ISBN 978-88-8368-100-4.
  • Carlo Pietrangeli, Insegne e stemmi dei rioni di Roma (PDF), in Capitolium. Rassegna di attività municipali, anno XXVIII, n. 6, Roma, Tumminelli - Istituto Romano di Arti Grafiche, 1953.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Claudio Rendina, I quartieri di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2006, ISBN 978-88-541-0594-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma