Collatino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il console romano, vedi Lucio Tarquinio Collatino.
Q. XXII Collatino
Villa Gordiani - Park of Rome a.jpg
Mausoleo di Villa Gordiani
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma IV
Municipio Roma V
Data istituzione13 settembre 1961[1]
Codice222
Superficie6,1646 km²
Abitanti66 829 ab.[2] (2016)
Densità10 840,77 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°54′13.5″N 12°33′17.6″E / 41.90375°N 12.554889°E41.90375; 12.554889

Collatino è il ventiduesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XXII.

Deve il suo nome alla via Collatina, che inizia all'interno del quartiere dal lato sinistro della via Prenestina e che conduce a Lunghezza.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area est della città. Si presenta di forma pressoché quadrangolare, suddiviso in sei settori dal tratto urbano della A24 e dalla ferrovia Roma-Sulmona-Pescara, che lo attraversano da ovest ad est, e dalle vie della Serenissima e Filippo Fiorentini che lo tagliano centralmente da sud a nord.

Il quartiere confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diventa ufficialmente quartiere nel 1961, soppiantando il suburbio Tiburtino[1], del quale si possono ancora trovare alcune targhe stradali con la numerazione S. III.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Parco Baden Powell, da viale Sacco e Vanzetti.
  • Parco Domenico Taverna, lungo via San Giusto e via Pisino.
  • Parco Achille Grandi, fra via Collatina e via Mario Chiri.
  • Giardino Danilo di Veglia, lungo via Dino Penazzato.
  • Giardino Aldo Tozzetti, da via Piero Caleffi.
  • Parco Tiburtino III, fra via del Frantoio e via del Badile.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio del Collatino si estendono le zone urbanistiche 5A Casal Bertone, 5B Casal Bruciato (intera), 5D Tiburtino Sud, 6D Gordiani e 7A Centocelle.

Fanno inoltre parte del Collatino le aree urbane di Portonaccio, Santa Maria del Soccorso (già borgata Tiburtino III), Verderocca, la sezione ovest di Colli Aniene, Villa Gordiani e Parco Prampolini.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalle stazioni Santa Maria del Soccorso e Ponte Mammolo.
Ferrovia regionale laziale FL2.svg
 È raggiungibile dalle stazioni di: Roma PrenestinaSerenissima e Palmiro Togliatti.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. P. Vigor Perconti che, nel campionato 2019-20, milita nel campionato maschile di Eccellenza.[12]
  • A.S.D. Atletico Vescovio che, nel campionato 2019-20, milita nel campionato maschile di Eccellenza.[13]

Judo[modifica | modifica wikitesto]

  • S.S.D. Blu 3000. La storica palestra di via Dino Penazzato, attiva dal 1969, è una delle realtà sportive più antiche del quartiere. Le società che si sono avvicendate nella gestione della struttura, il C. S. Collatino, la A.S.D. Albatros 1 e recentemente la polisportiva S.S.D. Blu 3000, hanno sempre mantenuto attivo il settore Judo con apprezzabili risultati agonistici. Nella classifica delle Società Sportive della Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali del quadriennio olimpico 2017/2020 la S.S.D. Blu 3000 risulta al 115º posto a fronte di 1078 affiliate (dato 2019) e fra le prime venti società romane.[14]

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

  • PGS Borgo Don Bosco che, nel campionato 2019-2020, milita nel campionato maschile di Serie C Silver.[15]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Separato da via Tiburtina, nel tratto da via di Portonaccio a viale Palmiro Togliatti.
  4. ^ Separata da viale Palmiro Togliatti, nel tratto da via Tiburtina alla Autostrada A24.
  5. ^ Separata da viale Palmiro Togliatti, nel tratto dalla Autostrada A24 a via Prenestina.
  6. ^ Separato da via Prenestina, nel tratto da viale Palmiro Togliatti a via Tor de Schiavi.
  7. ^ Separato da via Prenestina, nel tratto da via Tor de Schiavi a largo Preneste.
  8. ^ Separato da via di Portonaccio, da largo Preneste a via Tiburtina.
  9. ^ Stefano Buonaguro, pp. 75-102.
  10. ^ Catacomba di via Rovigno.
  11. ^ Cisterna di piazza Ronchi.
  12. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  13. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  14. ^ [1]
  15. ^ Il campionato regionale sul sito della FIP

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Carpaneto e altri, I quartieri di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1997, ISBN 978-88-8183-639-0.
  • Mauro Quercioli, QUARTIERE XXII. COLLATINO, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 8, Roma, Newton Compton Editori, 1991.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Claudio Rendina, I quartieri di Roma, vol. 2, Roma, Newton Compton Editori, 2006, ISBN 978-88-541-0595-9.
  • Stefano Buonaguro, La cosiddetta catacomba anonima di Via Rovigno d'Istria, in Rivista di archeologia cristiana, vol. 82, Città del Vaticano, Pontificio Instituto de Archeologia Cristiana, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma