Nāṣiriyya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il centro abitato della Libia, vedi al-Nasiriyya.
Nassiriya
capoluogo di Governatorato
الناصرية al-Nāṣiriyya
Nassiriya – Veduta
Centro di al-Nāṣiriyya
Localizzazione
StatoIraq Iraq
GovernatoratoDhi Qar
DistrettoNon presente
Territorio
Coordinate31°02′54.68″N 46°15′19.91″E / 31.048522°N 46.255531°E31.048522; 46.255531 (Nassiriya)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti632 135[1] (2008)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Iraq
Nassiriya
Nassiriya

Nassiriya o Nāṣiriyya (in arabo: الناصرية‎, al-Nāṣiriyya), talvolta scritta Nasiriyah, Nassirya, Nassiria, al-Nasiriyah o an-Nasiriyah, è una città irachena, capoluogo del governatorato di Dhi Qar.

Geografia e demografia[modifica | modifica wikitesto]

Situata sulle rive dell'Eufrate, circa 360 km a sud-est di Baghdad vicino alle rovine di Ur, l'antica città dei Caldei, Nāṣiriyya ha una popolazione di 632 135 abitanti (dati del 2008[1]), in gran parte di religione musulmana sciita. Ma esistono anche piccole comunità di musulmani sunniti e di Mandei (Cristiani di San Giovanni).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La città nacque nel 1872 e prese il nome dal suo fondatore lo Shaykh Nāṣir al-Saʿdūn della confederazione tribale araba degli al-Muntafiq.

Durante la Prima Guerra Mondiale, nel luglio 1915, i britannici conquistarono la città che a quel tempo faceva parte dell'Impero ottomano. Nella battaglia per Nāṣiriyya morirono circa 400 soldati, fra britannici e indiani, e circa 2 000 soldati dell'esercito turco.

Attualità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 è stata coinvolta nella Seconda guerra del golfo. La guerra, e soprattutto il dopoguerra, hanno danneggiato molti edifici della città. La scelta di Nassiriya come acquartieramento delle truppe italiane (3 000 militari) della missione umanitaria, finanziato con 232 000 451 di euro, a fronte dei restanti aiuti italiani all'Iraq (l'ospedale italiano a Baghdad, protetto da 30 carabinieri e costato 12 000 000 €) è sempre stata giustificata ufficialmente per ragioni umanitarie e anche culturali, a motivo dell'alto valore storico/archeologico della zona di Nāṣiriyya. Tale scelta è stata oggetto di una interpellanza parlamentare[2] in quanto, secondo anche un'inchiesta televisiva di RaiNews24, tale acquartieramento sarebbe stato dettato da motivi ben diversi, di natura prettamente strategico-economica.[3]

L'area attorno a Nāṣiriyya possiede importanti giacimenti di petrolio, è attraversata da un importante oleodotto, ed è ricca di uranio (non ancora sfruttato). L'AGIP, in partnership con Repsol, controlla una raffineria a 4 km da Nassiriya, dove ha anche sede la Oil Distribution Company [3]. Il principale fatto d'arme del dopoguerra avvenne il 12 novembre 2003 quando in un attentato suicida morirono 28 persone, tra cui 19 italiani (12 carabinieri, 5 militari dell'esercito e 2 civili). Altre azioni armate si verificarono il 6 aprile 2004 e il 27 aprile 2006.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il museo della città ha una importante collezione di reperti Sumeri, Assiri, Babilonesi e Abbasidi. Le rovine delle antiche città di Ur e Larsa sono situate nelle vicinanze.

Impianto per la produzione di acqua potabile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b PopulationData.net
  2. ^ On. Antonello Falò, marzo 2004.
  3. ^ a b Sigfrido Ranucci, In nome del petrolio - la verità scomoda, su RaiNews24, RaiTV, 13 maggio 2005. URL consultato il 18 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129127064 · LCCN (ENn89146532