Piramide (metropolitana di Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo Metropolitane Italia.svg
Piramide
Stazione Piramide2.jpg
La facciata della stazione su Piazzale Ostiense
Stazione dellametropolitana di Roma
GestoreATAC
Inaugurazione9 febbraio 1955
StatoIn uso
Linealinea B
LocalizzazioneP.le Ostiense
TipologiaStazione in trincea
Interscambio
Dintorni
Mappa di localizzazione: Roma
Piramide
Piramide
Metropolitane del mondo
Coordinate: 41°52′32.45″N 12°28′56.2″E / 41.87568°N 12.482279°E41.87568; 12.482279


Piramide è una fermata della linea B della metropolitana di Roma. Si trova in Piazzale Ostiense, nel quartiere omonimo, di fronte a Porta San Paolo e alla piramide Cestia, da cui la stazione prende il nome.

La stazione condivide l'accesso con la confinante stazione Porta San Paolo della ferrovia Roma-Lido e, tramite un passaggio coperto, è collegata anche alla stazione di Roma Ostiense.

L'atrio della stazione ospita alcuni mosaici di Enrico Castellani e Beverly Pepper, vincitori del concorso Artemetro Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Piramide, come la vicina stazione FS di Ostiense, è un esempio di architettura dell'epoca fascista. Progettata dall'architetto Marcello Piacentini, è caratterizzata da una geometria semplice e dalla copertura in un rigoroso bianco per mezzo di lastre di travertino. L'ingresso con scalini si affaccia sul piazzale di Porta San Paolo, affiancato dalla precedente costruzione dell'omonima stazione della Roma-Lido. L'atrio interno dell'edificio è molto vasto e consente un accesso diretto sia ai treni della linea B sia alla stazione della Roma-Lido. Come le altre stazioni nel tratto Termini-Laurentina, anche Piramide è stata ristrutturata nel 1989.[1]

Nel 1990 fu aperto un sottopassaggio per collegare la stazione Piramide a Roma Ostiense[1] e fu creato un secondo accesso con annesso atrio in via delle Cave Ardeatine; da questo atrio si può raggiungere anche il binario 1 della stazione di Porta San Paolo della Roma Lido. I primi anni di esercizio vedevano un traffico passeggeri discreto, proveniente per lo più dalla linea di Ostia, vista la posizione alquanto decentrata della stazione rispetto ai quartieri Aventino e Testaccio.[1] Il traffico è poi andato crescendo negli anni fino ad arrivare ai livelli di oggi.

Le banchine della metropolitana si trovano all'interno di una trincea all'aperto, caso unico in tutta la rete romana, e vi si può accedere tramite ascensori o scale mobili; sulla banchina in direzione Rebibbia/Jonio è anche presente una piccola cappella dedicata a san Filippo Neri. Dal punto di vista turistico, la stazione si trova in prossimità della Piramide Cestia (dalla quale trae il nome) e della Porta San Paolo, da cui si diparte la via Ostiense. Durante la seconda guerra mondiale, presso la stazione ancora in costruzione, vennero ricoverati alcuni rotabili della Roma-Lido, salvandoli dai pesanti bombardamenti del 1943 che devastarono questa parte della capitale.[1]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria Biglietteria automatica
  • WC Servizi igienici

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Storia stazione Piramide, su stazionidelmondo.it (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Capolinea Fermata precedente Linea B Fermata successiva Capolinea
Rebibbia

Jonio

TriangleArrow-Left.svg Circo Massimo Pfeil links.svg Piramide Pfeil rechts.svg Garbatella TriangleArrow-Right.svg Laurentina