Termini (metropolitana di Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo Metropolitane Italia.svg Termini
Roma ingresso metro A-B Termini.jpg
Ingresso su piazza dei Cinquecento alle due fermate della metropolitana
Stazione della metropolitana di Roma
Gestore ATAC
Inaugurazione 1955
Stato In uso
Linea linea A e linea B
Tipologia Fermata sotterranea con due binari in canna singola (linea B) e in canne parallele (linea A)
Interscambio stazione di Roma Termini
Dintorni
Note Ristrutturata nel 2013[1]
Mappa di localizzazione: Roma
Termini
Termini
Metropolitane del mondo

Coordinate: 41°54′05.55″N 12°30′02.15″E / 41.901542°N 12.500596°E41.901542; 12.500596

Banchina linea A
Banchina linea B (foto scattata dalla banchina in direzione Laurentina)

Termini è una fermata d'interscambio della metropolitana di Roma tra le linee A e B nel sottosuolo della stazione ferroriaria Roma Termini, in piazza dei Cinquecento, al confine tra i rioni Esquilino e Castro Pretorio.

La fermata lungo la linea B fu inaugurata nel 1955 e fino al 1990 fu il capolinea settentrionale del tracciato, mentre quella della linea A entrò in servizio nel 1980; quest'ultima si trova a un livello inferiore rispetto a quella della linea B ed è collegata ad essa tramite scale interne; non è quindi necessario uscire dai varchi per passare da una linea all'altra. Sono presenti due collegamenti dalla linea A alla linea B (in salita e in uscita), mentre ne è presente uno solo dalla B alla A (in entrata e in discesa).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quando fu inaugurata il 9 febbraio 1955, Termini era il capolinea dell'unico tratto di linea metropolitana di Roma, che collegava la Stazione Termini con il quartiere EUR. Facevano capolinea a Termini anche i treni "rapidi" diretti al Lido di Ostia (l'attuale Ferrovia Roma-Lido), con frequenza di due convogli ogni ora. All'epoca i binari dell'attuale stazione della linea B erano dedicati uno per la Metropolitana Termini-Laurentina (attualmente banchina in direzione Laurentina), l'altro per i rapidi Termini-Lido. Lo smistamento dei treni era regolato da due scambi posti dove oggi termina la stazione, lato Cavour e controllati da una sala comandi (successivamente demolita) posta vicino alla banchina in direzione Laurentina.

Nel 1980 divenne il nodo di scambio con la nuova linea A. Il capolinea di allora della linea B subì modifiche: proprio sopra la linea A venne creato uno spazio per la linea B (oggi occupato dalle banchine nuove in direzione Cavour) ed ancora più sopra da un nuovo atrio di ingresso.

Dal 1987 i treni da Ostia non raggiungono più Termini, bensì terminano la corsa alla stazione Porta San Paolo, adiacente alla fermata Piramide.

Pochi anni dopo, nel 1990, aprì al pubblico il prolungamento della linea B fino a Rebibbia. Ciò comportò lo spostamento di alcuni metri delle banchine verso la stazione Cavour, in quanto la costruzione delle nuove gallerie dovette avvenire a maggiore profondità rispetto al resto della linea. Tutt'oggi è possibile osservare parte della stazione originaria guardando in direzione Rebibbia, al termine delle attuali banchine.

Rifacimento del nodo di Termini[modifica | modifica wikitesto]

I lavori di rifacimento e ammodernamento del nodo di Termini tra il 2010 e il 2013[1] hanno riguardato:

  • la riorganizzazione dei percorsi di scambio tra le linee A e B;
  • il rinnovo delle finiture;
  • l'adeguamento dell'impianto antincendio, non ancora a norma di legge;
  • il miglioramento dell'accessibilità mediante installazione di nuovi ascensori e scale mobili.

Il progetto comprendeva anche sistemazione e regolarizzazione della planimetria di piazza dei Cinquecento, nonché la riallocazione delle strisce pedonali perpendicolari alle corsie di arresto degli autobus. Nel progetto era previsto anche l'abbattimento e la ricostruzione del manufatto di accesso alla metro B situato sulla piazza mentre i lavori si sono limitati ad una ristrutturazione. Il costo complessivo venne stimato in 63 milioni di euro[1].

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione, che è dotata di un impianto di videosorveglianza e di un parcheggio d'interscambio, è inoltre accessibile ai portatori di disabilità.

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Servizi igienici Servizi igienici

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La fermata è collegata alla stazione ferroviaria Termini e permette quindi interscambi con i treni regionali e suburbani e con i treni nazionali di Trenitalia e Italo-NTV. È inoltre servita da due linee di tram, un filobus e numerose linee di autobus urbani gestiti da ATAC; poco distante su via Giolitti sorge il capolinea della ferrovia Roma-Giardinetti. La fermata è inoltre collegata con gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino tramite vari servizi di autobus navetta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Nodo di Termini, Roma Metropolitane. URL consultato il 26 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Formigari e Piero Muscolino, La metropolitana a Roma, Cortona, Calosci, 1983.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Capolinea Fermata precedente Linea A Fermata successiva Capolinea
Battistini TriangleArrow-Left.svg Repubblica Pfeil links.svg Termini Pfeil rechts.svg Vittorio Emanuele TriangleArrow-Right.svg Anagnina
Capolinea Fermata precedente Linea B Fermata successiva Capolinea
Rebibbia

Jonio

TriangleArrow-Left.svg Castro Pretorio Pfeil links.svg Termini Pfeil rechts.svg Cavour TriangleArrow-Right.svg Laurentina