Ardeatino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Q. XX Ardeatino
Roma-fosseardeatine6.jpg
Il sacrario alle vittime delle Fosse Ardeatine
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma I e Municipio Roma VIII
Data istituzione 13 settembre 1961[1]
Codice 220
Superficie 14,7076 km²
Abitanti 66 647 ab.[2] (2016)
Densità 4 531,47 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°50′41.28″N 12°30′12.24″E / 41.8448°N 12.5034°E41.8448; 12.5034

Ardeatino è il ventesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XX.

Prende il nome dalla via Ardeatina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area sud della città, a ridosso delle Mura aureliane.

Il quartiere confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi giorni di settembre del 1943, dopo l'armistizio, il quartiere, come molte altre zone a sud della città fu teatro di diversi combattimenti tra la popolazione resistente e i nazifascisti.[7][8] Nel dopoguerra fu eretto, nella piazza della zona detta Montagnola, un monumento ai caduti circondato da un parco pubblico, a ricordo dei tragici eventi del 1943.[9] Il 24 marzo 1944, presso le Fosse Ardeatine, avvenne uno dei più efferati atti di rappresaglia dell'esercito di occupazione tedesco.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Edificio in stile razionalista dell'architetto Giuseppe Zander. Parrocchia eretta il 23 maggio 1959 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara "Supremam in Ecclesia".
Parrocchia eretta il 4 settembre 1970 con il decreto del cardinale vicario Angelo Dell'Acqua "Pervigili cura".
Edificio in stile modernista dell'ingegnere Ignazio Breccia Fratadocchi.
Edificio in stile modernista dell'architetto Lucio Passarelli. Parrocchia eretta il 22 maggio 1968 con il decreto del cardinale vicario Angelo Dell'Acqua "Quotidianis curis".
Chiesa annessa ad un Istituto religioso, e luogo sussidiario di culto della parrocchia di Nostra Signora di Lourdes.
Il complesso abbaziale delle Tre Fontane

Il complesso dell'Abbazia delle Tre Fontane si trova su via di Acque Salvie, lungo la via Laurentina.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

I resti della chiesa di San Nicola a Capo di Bove.

Catacombe e sepolcri[modifica | modifica wikitesto]

Sull'antica via Appia, II miglio
Sull'antica via Appia, III miglio
Sull'antica via Appia, IV miglio

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Fu commissionata da Pio IX e posta di fronte alla basilica di San Sebastiano fuori le mura, sul lato opposto di via Appia Antica.
Dedicato ai martiri delle Fosse Ardeatine, fu inaugurato il 24 marzo 1949.
Dedicato ai caduti della Montagnola del 10 settembre 1943.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Separato da via Appia Antica, nel tratto dalle Mura Aureliane (Porta San Sebastiano) a via Cecilia Metella
  4. ^ Separata dalla intera via di Tor Carbone, da via Appia Antica a via Ardeatina
  5. ^ Separato dalla intera via di Vigna Murata, da via Ardeatina a via Laurentina
  6. ^ Separato da via Laurentina, nel tratto da viale dell'Atletica a via Cristoforo Colombo, e da via Cristoforo Colombo, nel tratto da via Laurentina a via di Porta Ardeatina
  7. ^ Romanotizie.It - Il Municipio XI ricorda la Battaglia della Montagnola
  8. ^ il Giornale.it - Roma - Corone d'alloro alla Montagnola per le vittime del 10 settembre 43
  9. ^ Roma Capitale - Piazza Caduti della Montagnola
  10. ^ Marina De Franceschini, cap. 78. Villa di Tor Carbone Domus marmeniae, pp. 217-219.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Carpaneto e altri, I quartieri di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1997, ISBN 978-88-8183-639-0.
  • Marina De Franceschini, Ville dell'Agro romano, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2005, ISBN 978-88-8265-311-8.
  • Alberto Manodori, QUARTIERE XX. ARDEATINO, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 7, Roma, Newton Compton Editori, 1991.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Claudio Rendina, I quartieri di Roma, vol. 2, Roma, Newton Compton Editori, 2006, ISBN 978-88-541-0595-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma