Lido di Ostia Ponente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Q. XXXIII Lido di Ostia Ponente
Ostia-Mare station.jpg
Immagine della demolita stazione di Ostia Mare sulla ferrovia Roma-Lido
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàInsigne Romanum coronatum.svg Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma X
Data istituzione13 settembre 1961
Codice233
Superficie5,87 km²
Abitanti43 291 ab.
Densità7 374,58 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°44′24.36″N 12°15′56.88″E / 41.7401°N 12.2658°E41.7401; 12.2658

Lido di Ostia Ponente è il trentatreesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XXXIII.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova sul litorale tirrenico, separato dal complesso cittadino.

Il quartiere confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu istituito con delibera 2453 del 13 settembre 1961 da parte del Commissario Straordinario Francesco Diana, frazionando il quartiere "Lido di Ostia"[6] (già Lido di Roma), esistente sin dal maggio del 1933. Costituisce la sezione occidentale della frazione di Lido di Ostia di Roma Capitale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Edifici in stile barocchetto dell'architetto Camillo Palmerini.[7]
Progetto dell'architetto Vincenzo Fasolo su precedente del 1916 dell'architetto Marcello Piacentini.[8]
Realizzata durante la bonifica agraria per volere dell'ingegner Pio Perrone, fu dismessa nel 1973. Dal 1999 ospita il cinema multisala Cineland.[9]
Progetto dell'architetto Angiolo Mazzoni del Grande.[10][11]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Progetto dell'architetto Vincenzo Fasolo.

Architetture scolastiche[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Progetto di Michelangelo Buonarroti, lavori terminati da Giovanni Lippi durante il pontificato di Papa Pio V.[12]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Sui resti fu eretta la torre Boacciana.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Comprende il Parco Pier Paolo Pasolini

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Lido di Ostia Ponente si estende la zona urbanistica 13F Ostia Nord.

La parte periferica più ad ovest è volgarmente chiamata "Nuova Ostia", per via dell'edificazione in tempi relativamente recenti di edifici in edilizia popolare.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovia Roma-Lido.svg
 È raggiungibile dalle stazioni: Lido di Ostia Nord e Lido di Ostia Centro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Separato dal fiume Tevere, dalla foce al ponte di Tor Boacciana.
  2. ^ Separato da via di Tor Boacciana e via Guido Calza, dal Ponte di Tor Boacciana a via Ostiense.
  3. ^ Separato dalla via Ostiense, nel tratto da via Guido Calza fino all'altezza di via Capo dell'Argentiera.
  4. ^ Separato dalla via Ostiense, da viale Capitan Consalvo e da viale della Marina fino alla rotonda (piazza dei Ravennati).
  5. ^ Dalla rotonda alla foce del Tevere.
  6. ^ Ufficialmente istituito nel 1940.
  7. ^ Aldo Marinelli, Le case popolari a Corso Duca di Genova, su La mia Ostia.
  8. ^ Ex-colonia marina Vittorio Emanuele III (PDF), su Roma Capitale.
  9. ^ Cineland (PDF), su Roma Capitale.
  10. ^ Fande e Federico Lorenzetti, Ufficio postale di Ostia Lido, su ArchiDiAP, 23 novembre 2015.
  11. ^ Aldo Marinelli, La Posta Centrale, su La mia Ostia.
  12. ^ Tor San Michele (PDF), su Roma Capitale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma