Municipio Roma X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Municipio Roma X
municipio
Municipio Roma X – Stemma Municipio Roma X – Bandiera
Municipio Roma X – Veduta
Palazzo del Governatorato, sede del Municipio X nel quartiere di Ostia Levante
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
ComuneRoma-Stemma.png Roma Capitale
Amministrazione
PresidenteGiuliana Di Pillo (Movimento 5 Stelle) dal 20-11-2017
Data di istituzione11 marzo 2013
Territorio
Coordinate41°43′50.38″N 12°16′49.91″E / 41.73066°N 12.280531°E41.73066; 12.280531 (Municipio Roma X)Coordinate: 41°43′50.38″N 12°16′49.91″E / 41.73066°N 12.280531°E41.73066; 12.280531 (Municipio Roma X)
Superficie150,643 km²
Abitanti231 723[1] (2016)
Densità1 538,23 ab./km²
Sottodivisioni10
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Municipio Roma X – Localizzazione
Sito istituzionale

Municipio Roma X è la decima suddivisione amministrativa di Roma Capitale, l'unico ad affacciarsi sul Mar Tirreno e a trovarsi al di fuori del Grande Raccordo Anulare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'intera area rinasce grazie alla bonifica dei così detti Ravennati tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo.

Durante il ventennio fascista, viene inaugurata, nel 1924, la Ferrovia Roma-Lido, che dalla stazione Porta San Paolo conduce alla stazione Cristoforo Colombo, e per celebrarne la costruzione viene anche aperto lo stabilimento Roma, il più grande stabilimento balneare d'Italia, poi nel 1926, viene ultimata la Chiesa di Santa Maria Regina Pacis, poi nel 1929, termina la costruzione dell'Ex Meccanica Romana, uno stabilimento industriale, ora sede del Cineland, un cinema multisala da 14 sale, e infine nel 1934, Mussolini stesso inaugura la scuola dedicata ai fratelli "Giuseppe ed Eugenio Garrone", ora sede di una scuola elementare e di una scuola media denominata "Giuliano da Sangallo".

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, il territorio del X Municipio è danneggiato, come gran parte dell'Italia dell'epoca, in modo irreparabile con la distruzione dello stabilimento Roma e il bombardamento della Stazione Vecchia di Ostia, ad opera dei Tedeschi durante la fuga dall'Italia dopo l'Armistizio di Cassibile nel 1943.

Nel 1989, come a Fiumicino, fu proposto un referendum per separarsi dal Comune di Roma, nel quale vinsero i NO.

Nel 1999 si tentò nuovamente senza però il raggiungimento del quorum.

Tuttavia nel 2008 fu concessa maggiore autonomia alla XIII Circoscrizione.

In seguito nel 2013 con la delibera n.11 dell'11 marzo 2013, nasce il X Municipio sostituendo il precedente municipio Roma XIII (già "Circoscrizione XIII").

Nel marzo del 2015 il presidente del municipio Andrea Tassone si dimette dopo le pressioni ricevute dal Partito Democratico a seguito dei suoi rapporti con la mafia, viene poi arrestato e condannato a 5 anni per corruzione nel mezzo dell'inchiesta Mafia Capitale. Alle dimissioni di Tassone il Municipio viene brevemente retto dall'assessore Alfonso Sabella per poi procedere allo scioglimento, approvato dal Consiglio dei Ministri, a seguito delle infiltrazioni mafiose avvenute in quegli anni e il successivo commissariamento.

Sempre nel 2015 viene arrestato Mauro Balini, presidente del Porto Turistico di Roma, per bancarotta fraudolenta, emissione di fatture false, riciclaggio e la corruzione, al fine di ottenere una concessione per il porto, del capogruppo di Forza Italia alla Regione Lazio, Luca Gramazio. Vengono inoltre arrestati vari membri dei clan mafiosi Spada e Fasciani.

L'8 novembre 2017 Roberto Spada aggredisce gli inviati del programma Nemo Daniele Piervincenzi ed Edoardo Anselmi in diretta tv venendo poi arrestato e condannato, nel 2018, a sei anni di reclusione.[2]

Durante il commissariamento anche gli stabilimenti sono stati controllati, a partire dallo stabilimento Faber Beach e dal vicino Village, sequestrati ad esponenti del clan dei Fasciani fino allo stabilimento Le Dune, proprietà di Renato Papagni, presidente di Federbalneari, a cui è stata revocata la concessione demaniale nel giugno 2018 per abusi edilizi e mancato pagamento del canone.

Sempre nel 2017 dopo due anni di commissariamento, viene eletta la pentastellata Giuliana di Pillo.

Nel 2018 a seguito dello scandalo legato alla costruzione del nuovo stadio della A.S. Roma di Tor di Valle, l'assessore allo sport Giampaolo Gola viene indagato, come anche l'ex capogruppo pentastellato al Comune, Paolo Ferrara, e Davide Bordoni. Nel frattempo il presidente del municipio, Giuliana di Pillo, revoca le deleghe di Gola nominando Silvana Denicolò.

Nel 2018 con la morte di Elena Aubry, sulla Via Ostiense, e di Noemi Carrozza, sulla Via Cristoforo Colombo, si apre un'inchiesta sul dissesto delle due arterie che collegano il Litorale a Roma.[3]

Risorse e infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

Castel Porziano

Trasporto pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Le linee autobus del X Municipio sono gestite da ATAC e Roma TPL ed è collegato a Roma tramite le linee autobus 070 e 709 di giorno e N3 di notte e tramite la Ferrovia Roma-Lido.

ATAC gestisce inoltre il collegamento con Pomezia tramite la linea 061.

Il collegamento con Fiumicino è invece gestito da Cotral che collega la stazione di Lido Centro sia con la Darsena che con l'Aeroporto di Fiumicino.

Viabilità[modifica | modifica wikitesto]

Il Municipio è collegato a Roma tramite la Via del Mare, inaugurata nel 1927, la Via Ostiense, riaperta nel 1928 e tramite la Via Cristoforo Colombo, inaugurata il 28 Ottobre 1939.

Fiumicino è collegato al X Municipio tramite il Ponte della Scafa.

Pomezia è collegata tramite la Via Litoranea.

Altre vie di grande importanza che attraversano il Municipio sono il Lungomare, Via di Acilia e Viale dei Romagnoli.

Nel 2018, all'interno del X Municipio si contano circa 100 strade dissestate, con la velocità limitata a 30 Km/h.[4]

Sanità[modifica | modifica wikitesto]

Il X Municipio è servito da un unico complesso ospedaliero, il Giovanni Battista Grassi, in Via Giancarlo Passeroni ad Ostia, perciò gli abitanti del X Municipio si rivolgono spesso agli ospedali romani più vicini, come il Sant'Eugenio.

È presente inoltre sul territorio anche la Casa della Salute di Ostia, sul Lungomare Paolo Toscanelli.

Attrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Municipio X presenta diverse attrazioni come il Porto Turistico di Roma (inaugurato nel 2001 e sequestrato nel 2015 nell'indagine contro Mauro Balini), il Centro Habitat Mediterraneo, un'oasi gestita dalla LIPU con annesso un parco dedicato alla memoria di Pier Paolo Pasolini, e il complesso del Cineland, Ex Mecanica Romana, che è oggi un cinema multisala da 14 sale con annesse varie attività di svago.

Di interesse archeologico sono invece gli scavi di Ostia antica, fondata dal Re di Roma Anco Marzio nel VII secolo a.C., situati in una vasta zona al confine con la Via del Mare e il Fiume Tevere.

Il Municipio dispone anche di vari parchi urbani e aree naturali, come il Parco della Madonetta (tra Via Bruno Molajoli e Via Tespi) e la Pineta di Castel Fusano (lungo la Via Cristoforo Colombo).

La spiaggia è in parte occupata dagli stabilimenti con vari tratti di spiaggia libera.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio vanta un'emittente televisiva locale (Canale 10) interamente dedicata al territorio del litorale romano.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

La suddivisione urbanistica del territorio comprende le dieci zone urbanistiche dell'ex Municipio Roma XIII e la sua popolazione è così distribuita[5]:

Municipio Roma X
13A Malafede 17 064
13B Acilia Nord 28 423
13C Acilia Sud 26 245
13D Palocco 27 515
13E Ostia Antica 17 167
13F Ostia Nord 45 161
13G Ostia Sud 37 105
13H Castel Fusano 1 623
13I Infernetto 29 192
13X Castel Porziano 144
Non Localizzati 2 084
Totale 231 723

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
dicembre 1997 25 marzo 2000 Massimo Di Somma PDS Presidente ex Municipio XIII
18 maggio 2000 27 maggio 2001 Paolo Orneli DS Presidente ex Municipio XIII
27 maggio 2001 29 maggio 2006 Davide Bordoni Forza Italia Presidente ex Municipio XIII
29 maggio 2006 28 aprile 2008 Paolo Orneli[6] Partito Democratico Presidente ex Municipio XIII
28 aprile 2008 10 giugno 2013 Giacomo Vizzani[7] il Popolo della Libertà Presidente ex Municipio XIII
10 giugno 2013 28 aprile 2015 Andrea Tassone[8] Partito Democratico Presidente
28 aprile 2015 27 agosto 2015 Alfonso Sabella[9] Commissario
27 agosto 2015 20 novembre 2017 Domenico Vulpiani Commissario
20 novembre 2017 in carica Giuliana Di Pillo[10] Movimento 5 Stelle Presidente [11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per zone urbanistiche.
  2. ^ Roberto Spada condannato a sei anni: riconosciuta l'aggravante del metodo mafioso, in RomaToday. URL consultato il 22 giugno 2018.
  3. ^ Buche Roma, Di Pillo: "Chiudere Ostiense alle moto", in Repubblica.it, 21 giugno 2018. URL consultato il 22 giugno 2018.
  4. ^ X Municipio a 30 km/h: mancano i fondi, le strade con limite di velocità salgono a 102, in RomaToday. URL consultato il 22 giugno 2018.
  5. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per zone urbanistiche.
  6. ^ Centrosinistra, eletto al primo turno delle elezioni amministrative del 28-29 maggio 2006 con il 59,33% dei voti.
  7. ^ Centrodestra, eletto al ballottaggio delle elezioni amministrative del 27-28 aprile 2008 con il 51,27% dei voti.
  8. ^ Centrosinistra, eletto al ballottaggio delle elezioni amministrative del 9-10 giugno 2013 con il 64,65% dei voti.
  9. ^ Nominato dal sindaco il 28 aprile 2015.
  10. ^ Movimento 5 Stelle, eletta al ballottaggio delle elezioni amministrative del 19 novembre 2017 con il 59,60% dei voti.
  11. ^ Amministrative Roma 2017, Municipio X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma