Monte Sacro Alto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Q. XXVIII Monte Sacro Alto
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàInsigne Romanum coronatum.svg Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma III
Data istituzione13 settembre 1961
Codice228
Superficie2,26 km²
Abitanti32 501 ab.
Densità14 362,54 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°56′51.51″N 12°33′14.85″E / 41.947642°N 12.554125°E41.947642; 12.554125
Monte Sacro Alto
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàInsigne Romanum coronatum.svg Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma III
Data istituzione30 luglio 1977
Codice04C
Superficie2,48 km²
Abitanti33 675 ab.
Densità13 578,63 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Monte Sacro Alto, comunemente noto come Talenti, è il ventottesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XXVIII.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 4C del Municipio Roma III di Roma Capitale.

Prende il nome dall'omonimo monte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area nord-nord-est della città.

Il quartiere confina:

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Considerato la naturale estensione del quartiere di Monte Sacro, è più comunemente denominato Talenti, dal cognome della famiglia proprietaria della tenuta su cui è sorta la zona abitata. La sua piazza principale è dedicata a Pier Carlo Talenti, scomparso prematuramente nel 1925 per un incidente automobilistico[4], e fratello di Achille Talenti, ultimo discendente della famiglia.

La zona è delimitata ai quattro lati da altrettanti assi viari: via Nomentana, via della Bufalotta, via di Settebagni/via di Casal Boccone e quello, mai completato, per salvaguardare il verde, tra via Jacopo Sannazzaro e via della Cecchina.

Negli anni cinquanta, quando la tenuta era essenzialmente animata da pastori con le loro greggi al pascolo.[5], l'azienda agricola della famiglia Talenti si è fusa con l'impresa edile di proprietà dell'Ing. Giuseppe Tudini, dando vita alla nuova "Impresa Tudini & Talenti".

Nei primi anni sessanta l'attività ha ottenuto l'autorizzazione da parte del comune di Roma di poter edificare sui terreni dei Talenti: l'area è stata convertita in un quartiere abitato caratterizzato prevalentemente da palazzi e condomini residenziali di altezza contenuta (4-5 piani di media) rivestiti in cortina e dotati di giardini ai piani terra, destinati alla borghesia medio-alta, quasi a fare da contraltare al "vecchio" Monte Sacro, tradizionalmente popolare.

Le strade sono tutte dedicate a letterati di vario genere vissuti tra l'Ottocento e la prima metà del Novecento.

Fino al 1965, il quartiere era servito da una compagnia privata di trasporto pubblico chiamata "Sira", i cui biglietti erano venduti a 15 lire l'uno[5].

Il quartiere è dotato di spazi verdi, residuali dell'Agro romano, tra cui il Parco Talenti, il parco delle Mimose e il parco della Cecchina.

Altre aree di interesse sono via Ugo Ojetti, strada principale del quartiere, con la sua alta concentrazione di attività commerciali; e l'adiacente Largo Pugliese, punto nodale del trasporto pubblico locale.

Nonostante la presenza degli ex studi cinematografici della Dear (in precedenza Incom), attualmente utilizzati come studi televisivi della Rai che vi registra numerosi show, tra cui il celebre "Domenica in", il quartiere è privo di strutture quali teatri e cinema.

Il quartiere ospita anche la villa in cui Peppino De Filippo ha vissuto gli anni della sua maturità artistica.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo piano regolatore generale comunale di Roma prevede il passaggio della futura linea D nel quartiere con le fermate Talenti, Pugliese ed Ojetti. La linea collegherà il quartiere con la città storica ed i quartieri Monte Sacro, Salario ed a sud con Trastevere, San Paolo, Marconi, Magliana ed EUR.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Separato da via Nomentana, da via di Casal Boccone a via Giovanni Zanardini
  2. ^ Separato da via Nomentana, da via Giovanni Zanardini a via Jacopo Sannazzaro
  3. ^ Separato in linea da via Jacopo Sannazzaro, via Matteo Bandello e via della Cecchina, da via Nomentana a via della Bufalotta
  4. ^ Giulio Salvadori, Lettere (1878-1928), a cura di Nello Vian, Edizioni di Storia e Letteratura, 1976, p. 952.
  5. ^ a b Talenti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Carpaneto e altri, I quartieri di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1997, ISBN 978-88-8183-639-0.
  • Giorgio Carpaneto, QUARTIERE XXVIII. MONTE SACRO ALTO, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 8, Roma, Newton Compton Editori, 1991.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Claudio Rendina, I quartieri di Roma, vol. 2, Roma, Newton Compton Editori, 2006, ISBN 978-88-541-0595-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma