Lino Guanciale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lino Guanciale (Avezzano, 21 maggio 1979) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lino Guanciale nasce ad Avezzano il 21 maggio 1979. Il padre è un medico, la madre un'insegnante; ha un fratello di nome Giorgio. Si diploma al liceo scientifico per poi frequentare la facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università La Sapienza di Roma. Dopo alcuni trascorsi rugbistici (sezione Nazionale under 16 e under 19) si iscrive all'Accademia nazionale d'arte drammatica di Roma, dove si diploma nel 2003 e ottiene il Premio Gassman.[1] Ha frequentato il seminario sul metodo biomeccanico “Prima del teatro” a San Miniato, tenuto dal maestro Nikolaj Karpov[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera d'attore inizia in teatro: diretto da Gigi Proietti recita in Romeo e Giulietta, spettacolo che inaugura il Silvano Toti Globe Theatre di Roma. Tra i nomi del palcoscenico italiano con cui collabora in seguito: Franco Branciaroli, Luca Ronconi, Walter Le Moli, Massimo Popolizio, Claudio Longhi e Michele Placido, che dopo averlo diretto in Fontamara lo chiama ad interpretare Nunzio, uno dei personaggi del film Vallanzasca - Gli angeli del male.

Accanto agli impegni teatrali, dal 2005 opera come insegnante e divulgatore scientifico-teatrale all'Università e nelle scuole superiori.[3]

Nel 2009 debutta al cinema con Io, Don Giovanni di Carlos Saura, nei panni di Wolfgang Amadeus Mozart. Seguono i ruoli ne La prima linea di Renato De Maria, pellicola ispirata al libro Miccia corta, Il Gioiellino di Andrea Molaioli, Il sesso aggiunto di Francesco Antonio Castaldo, Il mio domani di Marina Spada.

Nel 2011 esordisce anche in televisione con la fiction Il segreto dell'acqua, trasmessa su Rai 1. Sulla stessa rete, nella primavera del 2012, è tra gli interpreti di Una grande famiglia, diretta da Riccardo Milani. Inoltre un piccolo ruolo in To Rome with Love di Woody Allen dove recita accanto a Jesse Eisenberg ed Ellen Page.[4]

Nonostante i lavori per il grande e il piccolo schermo, non abbandona comunque il teatro; fra il 2011 e il 2012 è uno dei protagonisti de La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht, per la regia di Claudio Longhi, premiato come miglior spettacolo dell'anno dall'Associazione Nazionale dei Critici Teatrali.[5] Alla lunga tournée italiana si è aggiunta anche una tappa in Russia, a Mosca, nell'ambito del Festival dei Teatri Europei.

Tra i film in uscita nella seconda metà del 2012: Il volto di un'altra di Pappi Corsicato, di cui è coprotagonista con Laura Chiatti e Alessandro Preziosi, La scoperta dell'alba di Susanna Nicchiarelli, in cui è al fianco di Margherita Buy, e L'estate sta finendo di Stefano Tummolini. Nel maggio 2012 ha girato come protagonista l'opera prima di Francesca Staasch, Happy Days Motel.

Dal 2013 al 2017 ricoprì il ruolo dell'avvocato Guido Corsi nella serie televisiva Che Dio ci aiuti, trasmesso su Rai 1 e nel 2015 è protagonista, insieme a Miriam Leone, della serie La dama velata, in cui interpreta il Conte Guido Fossà, sempre trasmessa su Rai 1.[6] Nel 2015 vince il Premio Flaiano come attore rivelazione dell'anno.[7]

Nel 2016 è per due stagioni tra i protagonisti della fiction Non dirlo al mio capo nel ruolo dell'avvocato Enrico Vinci[8] e nella serie tv Il sistema dove interpreta il ruolo di Michele Grandi.[9] Nello stesso anno vince il Premio Civiltà dei Marsi per la sezione Teatro e Fiction TV,[10] il Premio Flaiano per l'Abruzzo.[11] e il Premio come migliore attore di fiction al Magna Graecia Film Festival .[12] Da settembre 2016 è il protagonista, insieme ad Alessandra Mastronardi, della serie televisiva L'allieva, dove ricopre il ruolo del medico legale Claudio Conforti.[13] La serie è ispirata a diversi romanzi di Alessia Gazzola riguardanti il tema della medicina legale.

Nel 2017 è protagonista della serie poliziesca-fantastica La porta rossa, diretta da Carmine Elia e trasmessa da Rai 2. Riprende lo spettacolo Istruzioni per non morire in pace in scena dal 7 al 13 aprile al Teatro della Pergola di Firenze.[14]

Sempre nel 2017 riceve il Premio Flaiano come co-protagonista del film-documentario Un'avventura romantica di Davide Cavuti[15] e il CinèCiak d'oro per il film I peggiori di Vincenzo Alfieri. Nel 2017 è nel cast della pellicola La casa di famiglia, diretta da Augusto Fornari.[16] Nel 2018 interpreta uno strampalato professore di storia che non ha l'abilitazione all'insegnamento nel film Arrivano i prof, con la regia di Ivan Silvestrini.[17] Nel 2018 è vincitore del premio ANCT per il suo ruolo nello spettacolo teatrale La classe operaia va in paradiso e, sempre per lo stesso ruolo nel medesimo spettacolo, vince anche il premio Ubu.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • Non sei più con me di Ruben Coco, 2018

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La quinta stagione, regia di G. Ciaccia (1998)
  • La zattera di Odisseo, di G. Ciaccia (1999)
  • I Persiani, di Pino Passalacqua (2001)
  • Quel che sapeva Maisy, regia di Luca Ronconi (2002)
  • Frammenti d'amore, di Pino Passalacqua (2002)
  • Viaggio nell'avventura di Pinocchio, regia di Maria Brigida Cuscona (2002)
  • La casa del lago, di M. Tursi, lettura - Ambasciata Argentina di Roma (2002)
  • No al fascismo, di Mario Ferrero (2003)
  • Scenari del Novecento, di Lorenzo Salvati (2003)
  • A solo, di Lorenzo Salvati (2003)
  • Romeo e Giulietta di William Shakespeare, regia di Gigi Proietti (2003)
  • Caligola, di Albert Camus, regia di Claudio Longhi (2003)
  • Cos'è l'amore, regia di Claudio Longhi (2004)
  • Ciclo di letture Spoletoscienza, Festival di Spoleto (2004-2005)
  • La peste di Albert Camus, regia di Claudio Longhi (2005)
  • Edipo e la sfinge, di H. Hoffmansthall, regia di Claudio Longhi (2005)
  • Lo zio, regia di Claudio Longhi (2005)
  • Salambò, di Gustave Flaubert, regia di Claudio Longhi (2005)
  • Storie naturali, di Edoardo Sanguineti, regia di Claudio Longhi (2005)
  • Ciclo di letture Patologie italiane, Auditorium di Roma (2005)
  • Ciclo di letture Nomos Basileus, Università di Bologna (2005-2006)
  • Biblioetica: istruzioni per l'uso, regia di Luca Ronconi e Claudio Longhi (2006)
  • Atti di guerra, di E. Bond, regia di Luca Ronconi (2006)
  • La Philosophie dans le boudoir, di De Sade, regia di Claudio Longhi (2006)
  • Omaggio a Sanguineti, a cura di Claudio Longhi (2006)
  • Omaggio a Lucrezio, a cura di Edoardo Sanguineti (2006)
  • In forma di parole, ciclo di letture - Teatro Stabile di Torino (2006)
  • Nella solitudine dei campi di cotone, di Bernard-Marie Koltès, regia di Claudio Longhi (2006)
  • Antigone, di Sofocle, regia di Walter Le Moli (2007)
  • Gli incostanti, di Middleton e Rowley, regia di Walter Le Moli (2007)
  • Il matrimonio di Figaro, di P.A. De Beaumarchais, regia di Claudio Longhi (2007)
  • A voi che mi ascoltate, di L. Anagnostaki, regia di Victor Arditti (2007)
  • Orlando in Paradiso, da Ludovico Ariosto e Dante Alighieri, regia di Lino Guanciale (2007)
  • Yugen o dell'incanto sottile (2007)
  • Il lancio del nano, regia di Aldo Massarenti (2008)
  • Prigionieri delle parole, di Edgar Allan Poe, regia di Claudio Longhi (2008)
  • Prendi un piccolo fatto vero, da Edoardo Sanguineti, regia di Claudio Longhi (2008)
  • I mercati invisibili, regia di Claudio Longhi (2008)
  • Ve lo faccio vedere io il teatro, a cura di Claudio Longhi (2008)
  • La notte poco prima della foresta, di B.M. Koltès, regia di Claudio Longhi (2009)
  • Ploutos, o della ricchezza, regia di Massimo Popolizio (2009)
  • Il mondo della luna, di Carlo Goldoni, regia di Claudio Longhi (2009)
  • La notte dei musei - L'abitudine all'energia, di Claudio Longhi (2009)
  • Fontamara, di Ignazio Silone, regia di Michele Placido (2009)
  • Tsotsi - il mio nome tra le mani, progetto con i ragazzi della Scuola per l'Europa di Parma (2009)
  • Sallinger, di B.M. Koltès, regia di Claudio Longhi (2010)
  • Voci sorde, di B.M. Koltès, regia di Claudio Longhi (2010)
  • La solitudine dei campi di cotone, di B.M. Koltès, regia di Claudio Longhi (2010)
  • Io parlo ai perduti, di R. Barbolini, regia di Claudio Longhi (2010)
  • La notte dei musei - Gli Orazi e i Curiazi, di L. Micheletti (2010)
  • Il dolce mondo vuoto, di Francesca Staasch, regia di Francesca Staasch (2012)
  • Una sola è la bandiera, Lettura (2012)
  • Il ratto d'Europa - Per un'archeologia dei saperi comunitari, ideato e diretto da Claudio Longhi (2012/2013)
  • La resistibile ascesa di Arturo Ui, di Bertolt Brecht, regia di Claudio Longhi (2012/2013)
  • Beni comuni – Un teatro partecipato (2014)
  • Carissimi padri, progetto di Claudio Longhi (2015/2016)
  • Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini, regia di Massimo Popolizio - Teatro Argentina di Roma (2016)
  • Itaca, regia di Davide Cavuti (2017)
  • Istruzioni per non morire in pace, regia di Claudio Longhi - Teatro della Pergola (2017)
  • Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini, regia di Massimo Popolizio (2017)
  • Ritratti d'autore, regia di Davide Cavuti, per "Agiscuola Abruzzo" (2017)
  • Un bel dì saremo progetto di Claudio Longhi, Progetto ERT Fondazione (2017)
  • L'avventura di un povero cristiano(2017-2018)
  • La classe operaia va in paradiso, regia di Claudio Longhi (2018)
  • I sognatori hanno i piedi poggiati sulle nuvole, di e con Lino Guanciale - Teatro Argentina di Roma (2018)
  • Come se fosse lei, regia di Pino Quartullo (2018)
  • After Miss Julie, di Patrick Marber, regia di Giampiero Solari (2018)
  • Ragazzi di vita, regia di Massimo Popolizio (2018)

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003: Premio Gassman[2]
  • 2005 : Premio IMAIE 2005 per Il colpo di pistola[2]
  • 2009: Premio Oscar dei Giovani[2]
  • 2011: Premio come spettacolo dell'anno con La resistibile ascesa di Arturo Ui[2]
  • 2013: Premio Speciale Ubu 2013 per l'impegno nel reinventare la funzione sociale del teatro con Il ratto d'Europa[2]
  • 2015: Golden Spike Award al Social World Film Festival[2]
  • 2015: Premio Personalità dell'anno come attore [19]
  • 2015: Premio Flaiano, come attore rivelazione dell'anno[2]
  • 2015: Premio Personalità Europea, Premi Campidoglio[2]
  • 2016: Premio Civiltà dei Marsi nella sezione Teatro e Fiction Tv[2]
  • 2016: Premio Flaiano per l'Abruzzo[2]
  • 2016: premio Migliore Attore di Fiction al Magna Graecia Film Festival[2]
  • 2016: Premio "Le radici nel cuore"[20]
  • 2017: Premio Flaiano, come attore co-protagonista del film Un'avventura romantica
  • 2017: CinèCiak d'oro, come attore per il film I peggiori di Vincenzo Alfieri
  • 2017: Premio Culturale MuMi, come miglior attore dell'anno[21]
  • 2017: premio Migliore Attore Protagonista per il film I peggiori di Vincenzo Alfieri, Festival di Roseto
  • 2018: Premio Consiglio Regionale d’Abruzzo per la valorizzazione dei personaggi e dei luoghi dell’Abruzzo
  • 2018: Premio Ovidio Giovani per l'interpretazione della Lectura Ovidii [22]
  • 2018: Nastro d'argento come miglior attore protagonista per il corto Il regalo di Alice di Gabriele Marino [23]
  • 2018 Premio Anct 2018 per la sua interpretazione ne La classe operaia va in paradiso regia di Claudio Longhi[24]
  • 2018 Premio Ubu 2018 come miglior attore per La classe operaia va in paradiso[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lino Guanciale biografia, su comingsoon.it. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m LINO GUANCIALE, su www.dibertiec.com. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  3. ^ Cenni biografici di Lino Guanciale, su movieplayer.it. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  4. ^ To Rome with Love, il conta-minuti delle star italiane: Benigni batte Scamarcio, su bestmovie.it, 19 aprile 2012. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  5. ^ La resistibile ascesa di Arturo UI, su teatrodiroma.net, 7 aprile 2013.
  6. ^ La dama velata, perché guardare la fiction con Miriam Leone, su sorrisi.com, 24 marzo 2015. URL consultato il 20 novembre 2018.
  7. ^ Premi Flaiano, vincitori in diretta su rete 8, su rete8.it, 7 luglio 2015.
  8. ^ Non dirlo al mio capo 2: le anticipazioni dell'ultima puntata, su panorama.it, 18 ottobre 2018. URL consultato il 20 novembre 2018.
  9. ^ Il Sistema: anticipazioni e messa in onda della fiction di Rai Uno, su gossipetv.com, 27 marzo 2016.
  10. ^ Ospiti premio civiltà dei Marsi 2016, su festivaldiavezzano.it, 12 marzo 2016.
  11. ^ Spettacolo, premio Flaiano per l'abruzzo a Lino Guanciale, su agi.it.
  12. ^ Magna Grecia Film Festiva, anche Lino Guanciale sul red carpet, su catanzaroinforma.it.
  13. ^ L'allieva - trama, cast e messa in onda della nuova serie di rai1, su gossipetv.com, 10 settembre 2016.
  14. ^ Istruzioni per non morire pace, su teatrodellapergola.com.
  15. ^ Guanciale apre il Flaiano Film Festival, su ilcentro.it, 27 giugno 2017.
  16. ^ La casa di famiglia: Stefano Fresi, Lino Guanciale e Matilde Gioli presentano il film, su comingsoon.it, 8 novembre 2017. URL consultato il 12 novembre 2017.
  17. ^ Arrivano i prof, su comingsoon.it.
  18. ^ Lino Guanciale su Ad Alta Voce legge UTZ su Radio 3 , Lino Guanciale,, su Libero 24x7. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  19. ^ Premiate le tre personalità dell'anno, su terremarsicane.it (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  20. ^ Premio letterario e omaggio a Guanciale, su ilcentro.gelocal.it, 14 gennaio 2017.
  21. ^ Premio letterario e omaggio a Guanciale, su ilcentro.it, 25 agosto 2017.
  22. ^ Musica e poesia protagoniste del Premio Ovidio Giovani, su zac7.it, 9 gennaio 2018.
  23. ^ Corti d’argento, vince A Christmas Carol, su cinemagazineweb.it, 18 aprile 2018.
  24. ^ Vincitori PREMIO ANCT 2018, su Emilia Romagna Teatro. URL consultato il 16 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]