Walter Le Moli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Walter Le Moli (Palmi, 1947) è un regista teatrale italiano.

È stato uno dei fondatori, nel 1970, della Compagnia del Collettivo di Parma, e nel 1980 della Fondazione Teatro Due di Parma. Fra il 1997/98 è stato consigliere della Biennale di Venezia. Dal 1998 al 2002 ha guidato l'Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Dal 2002 al 2007 è stato direttore artistico del Teatro Stabile di Torino.

Ha curato importanti progetti teatrali, fra i quali la riapertura del Colosseo in occasione del Giubileo del 2000 a Roma, con la messa in scena di Antigone, Edipo re ed Edipo a Colono di Sofocle. Ha preso parte inoltre al progetto Domani, a fianco di Luca Ronconi, per i Giochi Olimpici Invernali di Torino del 2006.

Dal 2002 è direttore del corso di laurea specialistica in Scienze e tecniche del teatro alla Facoltà delle Arti dell'Università IUAV di Venezia.

Fra le sue regie si segnalano testi di Genet, Wedekind, Weiss, Sartre, Čechov, Shakespeare, Omero, Ritsos, Molière, Ionesco, Achternbusch, Sofocle e Thomas Middleton.

Nell'agosto 2008 ha realizzato una nuova produzione di Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare per il Festival di Stresa, con l'esecuzione integrale delle musiche di scena di Mendelssohn dirette da Gianandrea Noseda, nonché al Teatro Regio di Parma, con la direzione di Yuri Temirkanov, nel gennaio 2010. Nel luglio 2011 viene nuovamente realizzato al Teatro La Fenice di Venezia, con la direzione di Jeffrey Tate.

In campo operistico Le Moli ha curato la regia di importanti produzioni, fra le quali, Jenufa al Teatro San Carlo di Napoli con la direzione di Vladimir Jurowski, Così fan tutte, Rigoletto e Trittico al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, Il console di Giancarlo Menotti al Teatro Regio di Torino, Lucia di Lammermoor e La rondine al Teatro Comunale di Bologna.

Nel 2012 dirige "La voce umana" di Jean Cocteau, "La fila" di Israel Horovitz e nel 2013 il trittico di Ödön von Horváth "Fiabe del bosco viennese[1]", "Gioventù senza Dio[2]" e "Fede, Amore, Speranza".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàSBN IT\ICCU\TO0V\328821
Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro