Marina Spada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marina Spada (Milano, 15 novembre 1958) è una regista italiana.

Biografia professionale[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'attività professionale nel 1979 come assistente alla regia in RAI e con il film Non ci resta che piangere (1985) con Roberto Benigni e Massimo Troisi. Si diploma alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano e si laurea in Storia della musica presso l'Università di Milano. Negli anni Settanta si interessa soprattutto di musica, partecipando in ambito organizzativo a diverse tournée di Eugenio Finardi e Alberto Camerini, e lavorando a Canale '96, prima radio libera di sinistra in Italia. Collabora negli anni Ottanta con le principali case di produzione pubblicitarie e dirige numerosi documentari e servizi televisivi.

Dalla metà degli anni Novanta alterna il lavoro di docente presso la Civica Scuola di Cinema con l'attività di regista. Come autrice di documentari, firma i videoritratti di Arnaldo Pomodoro, Fernanda Pivano, Francesco Leonetti, Gabriele Basilico, Mimmo Jodice, Mario De Biasi. Tra i cortometraggi si ricordano Un giorno dopo l'altro (1989), che nel 1990 rappresenta l'Italia al Women Film Festival di Los Angeles, e L'Astice (1995), che si aggiudica il secondo premio nello Spazio Italia Fiction al Festival Cinema Giovani di Torino (1996) e il Premio Speciale della Giuria al Festival de Mediterranée di Bastia (1996).

Nel 2002 dirige Forza Cani, una delle prime esperienze di produzione indipendente e digitale realizzate in Italia. Del 2006 è il lungometraggio Come l'ombra, presentato con successo al Festival di Venezia e a quello di Toronto e premiato per la miglior regia al Festival di Mar del Plata nel 2007. In entrambi i film emerge una personale descrizione poetica della città di Milano, con le sue contraddizioni e la sua pressione spesso alienante sulla vita degli individui.

Nel 2009 dirige Poesia che mi guardi, inserito nell'edizione 2009 del Festival del Cinema di Venezia. Nel 2010 dirige Il mio domani con l'attrice Claudia Gerini, presentato in Concorso Ufficiale al Festival Internazionale del Film di Roma 2011.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna dai capelli rock (1982), documentario sulle donne nelle bande giovanili
  • Un giorno dopo l'altro (1989)
  • Le radici e le ali (1991), videoclip per il gruppo rock The Gang
  • Siamo tutti innamorati (1994), documentario sulla vita di una profuga bosniaca a Milano
  • Maratona di New York (1994), tratto dall'opera teatrale di Edoardo Erba
  • Pietro Lingeri: architetto a Milano (1994)
  • Sopralluoghi (1995)
  • Fernanda Pivano, c'era una volta l'America (1995)
  • Sheherazade per passione (1995), documentario sull'album Sheherazade (1995) di Ornella Vanoni
  • L'Astice (1996)
  • Arnaldo Pomodoro. Racconto dell'artista (1996)
  • Dove si guarda c'è quello che siamo (1998), lavoro di videodanza in concorso al Festival di Locarno
  • Francesco Leonetti, lo scrittore a sette code (1998)
  • Forza Cani (2002)
  • Come l'ombra (2006)
  • Poesia che mi guardi (2009)
  • God is in the Mushroom - MadMartigan (2010)
  • Il mio domani (2011)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN103043793 · ISNI: (EN0000 0000 7292 5759 · SBN: IT\ICCU\LO1V\269382 · LCCN: (ENno2009183484 · GND: (DE102751510X · BNF: (FRcb169252748 (data)