Ellen Page

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ellen Page

Ellen Grace Philpotts-Page (Halifax, 21 febbraio 1987) è un'attrice canadese.

È nota per essere la protagonista di Juno, Hard Candy e per aver interpretato Kitty Pryde / Shadowcat in X-Men - Conflitto finale e in X-Men - Giorni di un futuro passato, nonché per il suo ruolo dell'architetto Arianna in Inception di Christopher Nolan. Precedentemente era conosciuta soprattutto in Canada per i ruoli interpretati in diverse serie televisive nazionali.

Ha ricevuto una candidatura all'Oscar alla miglior attrice per il film Juno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlia di Dennis Page, un graphic designer, e Martha Philpotts, una maestra. È cresciuta nella sua città natale ed ha frequentato tre diverse scuole prima di diplomarsi nel 2005.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ellen Page ai Breakthrough Awards 2007

Ellen Page ha iniziato a studiare recitazione alla Neptune Theatre School. La sua prima apparizione avviene all'età di 11 anni nel film per la TV (trasformato poi in una serie) Pit Pony. Questa le permise di ottenere piccoli ruoli in film e serie televisive canadesi. A sedici anni ottenne un ruolo nel film indipendente Mouth to Mouth, che rafforzò la sua posizione fra le giovani attrici canadesi più promettenti. Scelta tra 300 aspiranti al ruolo, nel 2005 interpreta una quattordicenne che si improvvisa giustiziera nei confronti di un pedofilo, nel thriller Hard Candy.[1]

Nel 2006 raggiunge la notorietà del grande pubblico per aver interpretato il personaggio di Kitty Pryde / Shadowcat in X-Men - Conflitto finale di Brett Ratner e a fianco di attori del calibro di Hugh Jackman, Halle Berry e Patrick Stewart.[2]

Nel 2007 è la protagonista di Juno, in cui interpreta Juno MacGuff, ragazza che dopo una prima e unica esperienza sessuale con il suo migliore amico, Paulie Bleeker, rimane incinta.[3] La commedia ottiene uno straordinario successo di pubblico e critica, incassando un totale di $231 milioni,[4] e Page per la sua interpretazione ottiene una candidatura all'Oscar come miglior attrice protagonista.[5] Ha partecipato anche al film drammatico The Stone Angel e alla commedia Smart People. Nel 2008 è stata inserita dalla rivista Time nella lista delle "100 persone più influenti al mondo"[6] ed è anche apparsa nella campagna Burma: It Can't Wait Campaign a favore della democrazia in Birmania.[7]

In seguito ha interpretato il ruolo di una pattinatrice su rotelle nel film Whip It, le cui riprese sono iniziate nel luglio 2008 con la regia di Drew Barrymore.[8] Sarebbe dovuta apparire come protagonista nel film Drag Me to Hell, ma ha rinunciato a causa degli eccessivi impegni.[9] Ha inoltre rinunciato al ruolo di protagonista di Jane Eyre, adattamento cinematografico del romanzo omonimo di Charlotte Brontë.[10]

Nel 2009 viene scelta da Christopher Nolan per il kolossal Inception, nel quale affianca il protagonista Leonardo DiCaprio e un'altra giovane promessa hollywoodiana proveniente dal circuito indipendente, Joseph Gordon-Levitt.[11][12]

Nel 2012 è protagonista di uno degli episodi di To Rome with Love di Woody Allen.[13] L'anno dopo ha recitato come protagonista interpretando Jodie Holmes per il videogioco Beyond: Due anime con Willem Dafoe, usando il Motion capture.[14]

Nel 2016, insieme all'amico Ian Daniel, crea Gaycation, una serie televisiva/documentario che la porta in giro per il mondo alla scoperta dell'universo LGBT.[15]

Esperienze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Ellen è anche una chitarrista ed appassionata di musica. Per il film Juno ha composto le musiche di Zub Zub partendo dal testo scritto da Diablo Cody nel copione originale del film, ed ha cantato una cover di Anyone Else but You dei The Moldy Peaches assieme a Michael Cera; entrambe le canzoni appaiono nella colonna sonora del film.

Si è inoltre esibita in una scena del videogioco Beyond: Two Souls, dove ha suonato e cantato l'inedito brano Lost Cause. La Page ha però dichiarato che al momento non ritiene possedere abbastanza esperienza per intraprendere una carriera professionale come cantante.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ellen Page al Toronto International Film Festival per la prima di Whip It nel 2009

È vegana e, assieme a Jared Leto, è stata nominata quale "vegetariana più sexy" del 2014 dalla PETA.[16] È atea e si definisce una femminista pro-scelta.[17]

Il 14 febbraio del 2014, a Las Vegas, in occasione della conferenza Time to Thrive dell'organizzazione LGBT Human Rights Campaign, fa coming out dichiarando pubblicamente la propria omosessualità.[18] A seguito di ciò, l'attrice dichiara pubblicamente, nel settembre del 2015, la propria relazione con l'artista e surfista Samantha Thomas, con la quale sfila in coppia sul tappeto rosso in occasione della prima di Freeheld - Amore, giustizia, uguaglianza al Toronto International Film Festival.[19]

Dal 2017 è fidanzata con la ballerina Emma Portner. Il 3 gennaio del 2018, l'attrice rivela, tramite il proprio profilo Instagram, di essere convolata a nozze con la compagna.[20][21]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anyone Else But You - cover (con Michael Cera) - Juno: Music From The Motion Picture
  • Zub Zub - Juno B-Sides: Almost Adopted

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Ellen Page è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ellen Page: Sweet but not so innocent, in The Independent, 16 giugno 2006. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Exclusive: The New Kitty Pryde, su IGN, 27 luglio 2005. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  3. ^ Carla Cigognini, Ellen Page parla di Juno e dell'aborto, in Cineblog.it, 1º aprile 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) Juno (2007) - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  5. ^ a b (EN) Full list of Oscar winners and nominations, in The Guardian, 25 febbraio 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) The 2008 TIME 100 Finalists, in Time, 1º aprile 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  7. ^ (EN) Alex Williams, Trying to Put a Name to a Face of Evil in Myanmar, in The New York Times, 4 maggio 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  8. ^ Valentina D'Amico, Pattini e grinta per Drew Barrymore, in Movieplayer.it, 30 giugno 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  9. ^ La Lohman rimpiazza Ellen Page all'inferno, su horrormagazine.it, 11 marzo 2008. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  10. ^ (EN) 'Jane Eyre' Loses Ellen Page, But Has A New Director, imdb.com, 21 ottobre 2009. URL consultato il 31 agosto 2012.
  11. ^ Marco Triolo, Da Juno a Inception: la strada di Ellen Page, su www.film.it, 19 agosto 2010. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  12. ^ (EN) Christine Lennon, Inception: Ellen Page interview, 12 luglio 2010. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  13. ^ (EN) Woody Allen Cast Ellen Page Terribly In To Rome With Love, in www.alloy.com, 22 giugno 2012. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  14. ^ Adriano Della Corte, Beyond Two Souls: Ellen Page non è una videogiocatrice, ma ama correre dei rischi. Ha affermato David Cage, in Everyeye.it, 18 settembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  15. ^ (EN) Matt Grobar, ‘Gaycation’ Hosts Ellen Page & Ian Daniel On Recent Acts Of Intolerance And Violence: “There’s Not Two Sides Here”, in Deadline, 21 agosto 2017. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  16. ^ Marco Grigis, Jared Leto ed Ellen Page i vegetariani più sexy del mondo, in GreenStyle, 27 giugno 2014. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  17. ^ Elvira Serra, Da Beyoncé a Emma WatsonLe nuove femministe, in Corriere della Sera, 10 marzo 2015. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  18. ^ Alessia Pelonzi, Ellen Page fa coming out: "Sono stanca di mentire omettendo", Badtaste.it, 15 febbraio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  19. ^ Stefania Saltalamacchia, Ellen Page, il primo red carpet con Samantha Thomas, in VanityFair.it, 15 settembre 2015. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  20. ^ (EN) Cassie Carpenter, Ellen Page kisses dancer Emma Portner after Emmy nomination, in Mail Online, 13 luglio 2017. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  21. ^ (EN) @ellenpage su Instagram, su Instagram, 3 gennaio 2018. URL consultato il 23 febbraio 2018.
    «Can’t believe I get to call this extraordinary woman my wife. @emmaportner».
  22. ^ "Into the Wild Leads Critics Choice Nominations with Seven!" Archiviato il 13 gennaio 2008 in Internet Archive.
  23. ^ Broadcast Film Critics Association: "Critics' Choice Award 2007 Winners & Nominees"
  24. ^ Film Independent's Spirit Awards: 2008 Nominees, su filmindependent.org (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2008).
  25. ^ Alessia Starace, BAFTA 2008: 14 nomination per Espiazione, in Movieplayer.it, 16 gennaio 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  26. ^ (EN) Orange British Academy Film Awards in 2008: The nominations, su www.bafta.org, 16 gennaio 2008. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  27. ^ Hollywood Foreign Press Association 2008 Golden Globe Awards for the Year Ended December 31, 2007, goldenglobes.org, 13 dicembre 2007. URL consultato il 17 dicembre 2007.
  28. ^ Kids Choice Awards 2015: Ecco tutti i vincitori!, su www.gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107713968 · ISNI (EN0000 0001 2032 4422 · LCCN (ENno2005031915 · GND (DE140717056 · BNF (FRcb15801339b (data)