Teatro Argentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teatro Argentina
Roma Teatro Argentina.jpg
Facciata del teatro
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàRoma
Indirizzol.go di Torre Argentina 52
Dati tecnici
TipoSala a ferro di cavallo con cinque ordini di palchi e un loggione
Fossapresente
Capienza720 posti
Realizzazione
Costruzione1730-32
Inaugurazione1732
ArchitettoGerolamo Theodoli
ProprietarioSforza-Cesarini
Sito ufficiale
Coordinate: 41°53′44″N 12°28′34″E / 41.895556°N 12.476111°E41.895556; 12.476111

Il teatro Argentina di Roma, situato in largo di Torre Argentina, è uno dei principali teatri della città. Costituisce la prima sede dell'Associazione Teatro di Roma, che comprende il Teatro Argentina, il Teatro India, il Teatro Torlonia e il Teatro Valle.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro Argentina fu inaugurato il 31 gennaio dell'anno 1732 con la rappresentazione dell'opera Berenice composta da Domenico Sarro. Nel 1730 la famiglia Sforza Cesarini avviò il progetto di costruzione del teatro da una rivalutazione del palazzetto e della torre di loro proprietà (Casa del Burcardo): una parte dell'edificio secondario venne demolita per fare spazio al palcoscenico mentre la torre ed altri ambienti del palazzetto furono adibiti a servizi per il teatro e per i camerini degli artisti.
Il teatro era costruito originariamente tutto in legno ad esclusione solo delle mura e delle scale in muratura; la sala fu progettata dall'architetto e marchese Gerolamo Theodoli con la forma a ferro di cavallo, per soddisfare al meglio le necessità acustiche e visive. La platea, pavimentata con tavole di legno, era completata da quaranta file di banchi, mentre i centottantasei palchi erano disposti in sei ordini. Il Teatro Argentina, secondo le testimonianze riportate dai visitatori stranieri del XVIII secolo, era considerato il più importante tra quelli romani.

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

L'Argentina è celebre per aver ospitato la prima rappresentazione, il 20 febbraio 1816, de Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini con Manuel García (padre). Se la première si rivelò un fiasco, le repliche successive diedero finalmente il via al successo intramontabile dell'opera. Anche alcune opere di Saverio Mercadante vennero eseguite per la prima volta nel teatro.

Il 28 gennaio 1822 avviene la prima assoluta di Zoraida di Granata di Gaetano Donizetti con Domenico Donzelli e Luigia Boccabadati.

Solamente nel 1826 venne costruita la facciata ad opera dell'architetto Pietro Holl.[1] Due prime verdiane si eseguirono in questo teatro: I due Foscari nel 1844 e La battaglia di Legnano nel 1849.

Il teatro oggi[modifica | modifica wikitesto]

Il Teatro oggi è gestito dall'Associazione Teatro di Roma, il teatro stabile della capitale. Ospita rappresentazioni di prosa e manifestazioni musicali sia operistiche che sinfoniche. All'interno dell'edificio è istituito il Museo Storico del Teatro; sono previste visite guidate e consultazione del vasto archivio fotografico e documentario. È consigliato per gite scolastiche, guide turistiche o visite.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Prime rappresentazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Prime rappresentazioni al Teatro Argentina.

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

È raggiungibile dalla fermata Torre Argentina del tram 8
Metropolitana di Roma C.svg Sarà raggiungibile dalla stazione Venezia.
Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalle stazioni Colosseo e Circo Massimo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raffaella Catini, HOLL, Pietro, in Dizionario biografico degli italiani, LXI volume, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2004. URL consultato il 30-08-2013.
  2. ^ ADNKRONOS - AGENZIA STAMPA, TEATRO ROMA: CDA NOMINA ANTONIETTA RAME NUOVO DIRETTORE, in ADNKRONOS - AGENZIA STAMPA, 3 marzo 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN155599651 · BAV 494/42949 · LCCN (ENn82134538 · GND (DE5269669-8 · BNF (FRcb120043545 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n78044578