Domenico Sarro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Natale Sarri, o Sarro (Trani, 24 dicembre 1679Napoli, 25 gennaio 1744), è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le uniche notizie relative alla sua giovinezza e alla sua formazione musicale ci pervengono dal suo contratto di matrimonio del 6 febbraio 1705. Dopo esser giunto a Napoli, fu ammesso al Conservatorio di Sant'Onofrio a Porta Capuana, dove fu allievo di Angelo Durante (lo zio del celebre Francesco Durante). Nel 1702 scrisse la sua prima composizione, l'opera sacra L'opera d'amore, la quale fu rappresentata presso la Confraternita della Santissima Trinità dei Pellegrini. L'anno successivo partecipò a un concorso per occupare il posto di maestro di cappella della corte napoletana lasciato vacante da Alessandro Scarlatti: dovette quindi competere con Gaetano Veneziano, Cristoforo Caresana e Francesco Mancini. Non riuscendo ad ottenere la posizione di direttore titolare, assegnata a Veneziano, prese nel 1704 quella di vice maestro di cappella.

Tra il 1706 e il 1707 compose parecchie opere per i teatri napoletani: nell'estate del 1706 collaborò con il compositore veneziano Tomaso Albinoni nella composizione del dramma La Griselda e la sua prima opera, Candaule, re di Lidia, vide la sua prima nell'ottobre dello stesso anno al Teatro dei Fiorentini. Nel 1707 a causa dell'occupazione di Napoli da parte degli austriaci, Veneziano e Sarro persero i rispetti posti: in loro sostituzione rientrò Alessandro Scarlatti come primo maestro e fu nominato Mancini per la posizione di secondo maestro. Dunque fino al 1709 si dedicò prevalentemente alla composizione di oratori e serenate. Dal 1709 al 1717 la sua produzione musicale subì un forte decremento: in questi anni si ricordano principalmente gli intermezzo Barilotto, rappresentato a Venezia nell'autunno del 1712, due opere messe in scena nel 1713 a Napoli e un gran numero di cantate per la Chiesa di San Paolo Maggiore (della quale fu maestro di cappella) e altre chiese napoletane.

Dal 1718 al 1741 si diede alla composizione principalmente di drammi per musica: tra le numerose opere serie si ricordano l'Armida al campo data durante il Carnevale del 1718 al Teatro San Bartolomeo e la Didone abbandonata rappresentata nel 1724 nello stesso teatro con Annibale Pio Fabri, Marianna Bulgarelli e Nicolò Grimaldi, la quale fu la prima messa in musica di un libretto di Pietro Metastasio. Nel 1720, dopo esser stato reintegrato nel ruolo di vice maestro della cappella di corte, il 13 aprile fu nominato anche secondo maestro della cappella della città di Napoli; nel 1728 succedette a Gaetano Greco diventando primo maestro della stessa. Il 21 agosto 1737 occupò inoltre la carica di maestro della cappella reale (succedendo a Mancini). Il 4 novembre con la messa in scena dell'opera Achille in Sciro venne inaugurato il nuovo teatro San Carlo: seguirono le rappresentazioni dellEzio (4 novembre 1741) e dellAlessandro nelle Indie (Carnevale 1743).

Considerazioni sull'artista[modifica | modifica wikitesto]

Sarro fu un compositore di transizione tra due importanti genereazioni di musicisti napoletani: una rappresentata da Alessandro Scarlatti e Mancini e l'altra da Nicola Porpora, Leonardo Vinci, Leonardo Leo e altri compositori più giovani. Nelle sue prime composizioni si denota un carattere quasi contrappuntistico, in linea allo stile di Scarlatti, mentre dal 1718, nelle sue opere serie, questo viene sempre meno nella struttura musicale e le melodie iniziano ad acquisire maggior bellezza. Si avvicinò così tanto alla maniera compositiva di Vinci che molto storici (tra i quali Charles Burney) lo considerarono un "imitatore" più che un "inventore". Dopo il 1726, a causa del dominio di Vinci e di Hasse nello scenario musicale di Napoli, i suoi successi finirono ed occupò una posizione di secondo piano.

Per quanto riguarda i suo lavori sacri, si sa solo quanto riportato dal Dizionario storico di Giuseppe Bertini ossia che furono molto apprezzati in Germania.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Libretto Prima esecuzione Partitura (stato e luogo di conservazione[1]) Note
1706 Il fonte delle grazie, oratorio 20 novembre 1706, Congregazione dei dottori della Chiesa dei Gerolamini di Napoli
1707 Il Vespesiano, Dramma per musica in 3 atti Carlo De Petris 1707, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1708 Serenata a 3 voci (Amore, Eco e Narciso) 8 settembre 1708, Palazzo del duca d'Alvito di Napoli
1713 I gemelli rivali Nicolò Serino 11 febbraio 1713, Teatro dei Fiorentini di Napoli
1713 Il comando non inteso ed ubbidito Nicola Giuvo 15 maggio 1713, Teatro dei Fiorentini di Napoli
1716 Serenata nuziale a 3 voci G.G.Alberghetti 21 gennaio 1716, Palazzo del Principe di Montaguto di Napoli
1718 Armida al campo, Dramma per musica in 3 atti Francesco Silvani 13 febbraio 1718, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1718 La fede ne' tradimenti (o Anagilda), Dramma per musica in 3 atti Girolamo Gigli 15 maggio 1718, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1718 L'Eudamia  ?
1718 Arsace, Dramma per musica in 3 atti Antonio Salvi 17 dicembre 1718, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1719 Alessandro Severo, Dramma per musica in 3 atti Apostolo Zeno 14 maggio 1719, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1720 Ginevra principessa di Scozia, Dramma per musica in 3 atti Apostolo Zeno 20 gennaio 1720, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1720 Scherzo festivo fra le ninfe di Partenope, Serenata Domenico Gentile 28 agosto 1720, Teatro del Palazzo Reale di Napoli
1721 Serenata nuziale a 6 voci, Serenata 28 gennaio 1721, Palazzo del Principe della Rocca di Napoli
1721 Endimione, azione teatrale a 4 voci, in 2 parti Pietro Metastasio 30 maggio 1721, Palazzo del principe di Belmonte della Rocca di Napoli
1722 La Partenope, Dramma per musica in 3 atti Silvio Stampiglia 16 dicembre 1722, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1723 La caduta de decemviri, Dramma per musica in 3 atti (pasticcio) Silvio Stampiglia 26 dicembre 1723, Regio Teatro Ducale di Milano
1724 Didone abbandonata, Dramma per musica in 3 atti (1^ Versione) Pietro Metastasio 1º febbraio 1724, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1724 L'impresario delle Canarie (o Dorina e Nibbio), Intermezzo in 2 parti Pietro Metastasio 1º febbraio 1724, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1727 Siroe, re di Persia, Dramma per musica in 3 atti Pietro Metastasio 25 gennaio 1927, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1727 Moschetta, Intermezzo 25 gennaio 1927, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1727 Grullo, Intermezzo 25 gennaio 1927, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1731 Artemisia, Dramma per musica in 3 atti Giovanni Ambrogio Migliavacca 7 gennaio 1731, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1731 La furba e lo sciocco, Intermezzo 7 gennaio 1731, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1732 Berenice 13 gennaio 1732, Teatro di Torre Argentina di Roma
1735 Demofoonte, Dramma per musica in 3 atti (Pasticcio) Pietro Metastasio 20 gennaio 1735, Teatro San Bartolomeo di Napoli
1735 Gli amanti generosi, opera comica Tommaso Mariani 15 maggio 1735, Teatro dei Fiorentini di Napoli
1737 La passione di Gesù Christo Signor Nostro , oratorio sacro in 2 parti Pietro Metastasio 14 aprile 1737, Oratorio San Filippo Neri di Genova
1737 Achille in Sciro, Dramma per musica in 3 atti Pietro Metastasio 4 novembre 1737, Inaugurazione del Nuovo Grande Real Teatro San Carlo di Napoli
1738 Le nozze di Teti e Peleo, Intermezzo Nicola Giuvo 2 dicembre 1738, Real Teatro San Carlo di Napoli
1741 Ezio, Dramma per musica in 3 atti Pietro Metastasio 4 novembre 1741, Real Teatro San Carlo di Napoli
1743 Alessandro nelle Indie, Dramma per musica in 3 atti Pietro Metastasio Carnevale 1743, Real Teatro San Carlo di Napoli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da qui in poi si designeranno le biblioteche che ospitano manoscritti con le sigle fornite dal RISM Repertoire International des Sources Musicales

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Chatrian, Il fondo musicale della Biblioteca Capitolare di Aosta, Torino 1985, pp. 56-57

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32796656 · LCCN: (ENn79127799 · ISNI: (EN0000 0000 8112 3715 · GND: (DE118980939 · BNF: (FRcb122075732 (data)