João Pedro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri calciatori di nome João Pedro, vedi João Pedro (disambigua).
João Pedro
JoaoPedro2022.png
João Pedro con la maglia del Cagliari nel 2022
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia (dal 2022)
Altezza 184 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Cagliari
Carriera
Giovanili
2006-2010Atlético Mineiro
Squadre di club1
2010Atlético Mineiro11 (0)
2010-2011Palermo1 (0)
2011Vitória Guimarães6 (0)
2011-2012Peñarol15 (6)
2012-2013Santos10 (0)
2013-2014Estoril Praia28 (9)
2014-Cagliari255 (84)
Nazionale
2009Brasile Brasile U-1711 (1)
2022-Italia Italia1 (0)
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano Under-17
Oro Cile 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 maggio 2022

João Pedro Geraldino dos Santos Galvão, noto come João Pedro (Ipatinga, 9 marzo 1992), è un calciatore brasiliano naturalizzato italiano, attaccante del Cagliari, di cui è capitano, e della nazionale italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Alessandra, una donna siciliana conosciuta nel 2011 quando giocava a Palermo; la coppia ha due figli.[1][2]

Dal 2017 è in possesso anche della cittadinanza italiana.[3][4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la carriera come centravanti, per poi venire spostato nel ruolo di trequartista. La sua duttilità gli consente di giocare anche da seconda punta e da mezzala[5][6], oltre ad avere giocato da esterno in passato.[5] Abile nel dribbling,[5][6] dispone di un tiro potente e preciso,[6] che lo rende pericoloso anche da fuori area,[5] oltre ad avere un'ottima visione di gioco.[5][6] È inoltre bravo negli inserimenti offensivi,[5] e in più è un ottimo rigorista, ha messo a segno 21 rigori su 26 calciati.[7] Col tempo ha anche affinato uno spiccato senso del gol, tanto da diventare un vero uomo d'area di rigore capace di segnare con entrambi i piedi e di testa. Ciò ha portato il brasiliano a giocare sempre più vicino alla porta, tornando al suo ruolo originale di attaccante, riuscendo ad arrivare al gol con grande costanza.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Mineiro[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nell'Atlético Mineiro, dal 2008 al 2010 si è diviso fra Under-17, Under-18, Under-19 e Under-20, per arrivare definitivamente in prima squadra nella stagione 2010. L'esordio arriva alla terza giornata del Campeonato Brasileiro Série A 2010, disputata il 25 marzo 2010, subentrando a Corrêa all'85' della gara casalinga contro l'Athl. Paranaense (3-1).[8] L'esordio da titolare arriva tre giornate dopo, nella sconfitta in casa del Grêmio (2-1).[9] Il 5 agosto 2010 debutta in Coppa Sudamericana, nella gara d'andata del secondo turno preliminare contro il Grêmio Prudente (0-0).[10][11]

Palermo e prestiti a Vitória Guimarães e Peñarol[modifica | modifica wikitesto]

João Pedro ai tempi del Peñarol nel 2012.

Il 30 agosto 2010 viene ufficializzato il suo ingaggio da parte del Palermo, con cui sigla un accordo quinquennale.[12] Debutta con i rosanero il 16 settembre seguente, in occasione della gara esterna di UEFA Europa League contro lo Sparta Praga (3-2)[13], per poi essere inserito nella formazione Primavera per il resto dell'anno.[14] Esordisce in Serie A il 16 gennaio 2011, prendendo parte alla sconfitta in casa del Cagliari (3-1).[15][16]

Il 29 gennaio 2011 il brasiliano viene ceduto in prestito al Vitória Guimarães.[17][18] Esordisce con i lusitani il 6 febbraio successivo, nella gara di campionato contro il Nacional (0-0).[19] Ad inizio aprile, tuttavia, l'esperienza in Portogallo si chiude anticipatamente, a causa di problemi disciplinari.[20][21]

Di ritorno in Sicilia, il 19 agosto 2011 viene girato nuovamente in prestito, questa volta al Peñarol.[22]

Santos ed Estoril Praia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver rescisso il contratto con il Palermo,[23] il 4 luglio 2012 viene tesserato dal Desportivo Brasil, per poi passare l'indomani al Santos, siglando con quest'ultimo club un accordo biennale.[24] Nel 2013 si trasferisce tuttavia in prestito all'Estoril Praia, venendo riscattato al termine dell'annata.

Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2014 il brasiliano viene prelevato dal Cagliari, nell'ambito di uno scambio con Matías Cabrera.[25] Fa il suo debutto con i rossoblù il 14 settembre seguente, in occasione della sconfitta di campionato contro l'Atalanta (1-2). Il 3 novembre 2014 mette a segno il suo primo centro nella massima serie italiana, non riuscendo però a evitare la sconfitta contro la Lazio (4-2).[26] La prima stagione in Sardegna si conclude per il sudamericano con la retrocessione in Serie B.

Il 7 settembre 2015 esordisce nel campionato cadetto, subentrando nella ripresa della gara casalinga contro il Crotone (4-0).[27] Due mesi dopo, mette a segno le sue prime reti in Serie B, decidendo la gara contro il Modena (2-1).[28] Il 16 aprile 2016, il calciatore realizza la sua prima tripletta in carriera, contribuendo al reboante successo sul Brescia (6-0).[29] I suoi 13 gol e 7 passaggi decisivi accumulati durante l'annata risultano cruciali per la conquista del titolo cadetto, successo che riporta il Cagliari in Serie A.

Costretto a saltare la prima parte della stagione 2016-2017 a seguito della frattura al terzo distale del perone destro, rimediata il 1º ottobre 2016 durante una seduta di allenamento,[30] il 15 aprile 2017 il brasiliano mette a segno la sua prima doppietta in Serie A, a danno del Chievo (4-0).[31]

Il 9 marzo 2018, nel corso della quarta stagione del brasiliano in rossoblù, viene riscontrata la sua positività all'idroclorotiazide a seguito di un test antidoping effettuato l'11 febbraio precedente, al termine di Cagliari-Sassuolo (0-0); il giocatore risulta positivo anche ad un secondo controllo, nella giornata seguente di campionato.[32] Alla luce di ciò, la Procura Nazionale Antidoping richiede una squalifica di quattro anni per il calciatore.[33] Il 16 maggio 2018 viene infine inflitta una squalifica di sei mesi al giocatore.[34] Torna a calcare i campi di calcio il 16 settembre seguente, in occasione della gara interna di campionato contro il Milan (1-1), contribuendo al risultato finale con la rete del provvisorio vantaggio cagliaritano.[35]

È nella stagione 2019-2020 che il brasiliano, su iniziativa del tecnico Rolando Maran, comincia ad essere schierato come seconda punta come soluzione all'infortunio di Leonardo Pavoletti e al rientro a centrocampo di Radja Nainggolan.[36][37] Il 30 ottobre 2019 realizza una doppietta decisiva per la vittoria sul Bologna (3-2), entrando nella top ten dei migliori marcatori rossoblù di tutti i tempi.[38] La scelta tecnica di cui sopra si rivela quindi vincente: il brasiliano conclude la stagione con 19 reti realizzate complessivamente, superando i 50 gol in maglia cagliaritana e facendo di tale annata la sua migliore di sempre a livello realizzativo.[39]

Al termine della stagione 2020-2021, conclusa con un bilancio di 16 reti in tutte le competizioni, diventa il primo brasiliano dai tempi di Kaká e il primo cagliaritano dai tempi di Gigi Riva a siglare almeno 15 centri per due campionati consecutivi.[40]

Il 23 gennaio 2022 segna il suo decimo gol in Serie A nella partita interna contro la Fiorentina (1-1), con cui diventa il quarto brasiliano ad arrivare la doppia cifra per tre campionati consecutivi dopo Adriano (4), Kakà (4) e Alexandre Pato (3) e il terzo nella storia rossoblù dopo Gigi Riva e Roberto Muzzi.[41]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Con le nazionali giovanili del Brasile ha disputato il campionato sudamericano di calcio Under-17 2009.

Il 30 novembre 2010 venne pre-convocato dalla Nazionale Under-20 verdeoro per prendere parte alle partite del Campionato sudamericano Under-20 che si disputarono in Perù nel mese di gennaio 2011,[42][43] salvo poi risultarne escluso dopo la restrizione della rosa dei convocati.[44]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 gennaio 2022, per via della cittadinanza acquisita 5 anni prima e per non aver mai giocato nella nazionale maggiore brasiliana, ha ottenuto il via libera dalla FIFA diventando così convocabile per la nazionale dell'Italia.[45] Il 24 gennaio seguente viene convocato dal C.T. Roberto Mancini per uno stage in vista degli spareggi per le qualificazioni al campionato del mondo 2022.[46] Il 24 marzo debutta, trentenne, in maglia azzurra, subentrando a Berardi negli ultimi minuti di gioco della semifinale del turno di spareggio valido per la qualificazione mondiale, nel quale l'Italia viene eliminata dopo la sconfitta in casa contro la Macedonia del Nord.[47] Rimasto con il gruppo in vista dell'amichevole con la Turchia, gli viene assegnata per la prima volta la maglia numero 10,[48] ma non viene schierato in campo.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 23 maggio 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2010 Brasile Atlético Mineiro A 11 0 - - - CS 2 0 - - - 13 0
2010-gen. 2011 Italia Palermo A 1 0 CI 0 0 UEL 3 0 - - - 4 0
gen.-giu. 2011 Portogallo Vitória Guimarães PL 6 0 CP+CdL 1+0 0 - - - - - - 7 0
2011-2012 Uruguay Peñarol PD 15 6 - - - CL 8 1 - - - 23 7
2012 Brasile Santos A 10 0 - - - CL 0 0 RS 0 0 10 0
2013-2014 Portogallo Estoril Praia PL 25 8 CP+CdL 4+3 0+1 UEL 10[49] 0 - - - 42 9
ago. 2014 PL 3 1 CP+CdL 0 0 UEL 0 0 - - - 3 1
Totale Estoril Praia 28 9 7 1 10 0 - - 45 10
set. 2014-2015 Italia Cagliari A 29 5 CI 1 0 - - - - - - 30 5
2015-2016 B 38 13 CI 3 0 - - - - - - 41 13
2016-2017 A 22 7 CI 0 0 - - - - - - 22 7
2017-2018 A 22 5 CI 2 1 - - - - - - 24 6
2018-2019 A 34 7 CI 2 0 - - - - - - 36 7
2019-2020 A 36 18 CI 3 1 - - - - - - 39 19
2020-2021 A 37 16 CI 3 0 - - - - - - 40 16
2021-2022 A 37 13 CI 2 0 - - - - - - 39 13
Totale Cagliari 255 84 16 2 - - - - 271 86
Totale carriera 321 97 24 3 23 1 0 0 368 101

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
24-3-2022 Palermo Italia Italia 0 – 1 Macedonia del Nord Macedonia del Nord Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 90’ 90’
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Atletico Mineiro: 2010

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cagliari: 2015-2016

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Santos: 2012

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cile 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ...Joao Pedro, su Tuttomercatoweb.com, 22 dicembre 2017. URL consultato il 18 novembre 2021.
  2. ^ Benvenuta, Elisabetta!, su cagliaricalcio.com, 24 aprile 2019. URL consultato il 18 novembre 2021.
  3. ^ Roberto Pinna, Cagliari: Joao Pedro e la Nazionale, cosa c’è di vero?, su centotrentuno.com, 18 novembre 2021. URL consultato il 19 novembre 2021.
  4. ^ Italia, Joao Pedro può essere convocato. Capozucca: "Servono punte, perché no?", su sport.sky.it, 18 novembre 2021. URL consultato il 19 novembre 2021.
  5. ^ a b c d e f Joao Pedro conosce bene i propri limiti, su L'Ultimo Uomo, 30 ottobre 2018. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  6. ^ a b c d João Pedro sino al 2023, su cagliaricalcio.com, 7 novembre 2019. URL consultato il 7 novembre 2019.
  7. ^ [1], Transfermarkt.it.
  8. ^ Atlético Mineiro-Atlético Paranaense 3-1 Transfermarkt.it
  9. ^ Grêmio-Atlético Mineiro 2-1 Transfermarkt.it
  10. ^ Grêmio Prudente-Atlético Mineiro 0-0 Transfermarkt.it
  11. ^ Flamengo-Atlético Mineiro 0-0 Transfermarkt.it
  12. ^ Acquisito Joao Pedro, su ilpalermocalcio.it, 30 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2015).
  13. ^ Il Palermo si arrende a Praga Archiviato il 4 dicembre 2010 in Internet Archive. it.uefa.com
  14. ^ Primavera: Palermo-Catania 4-2, su ilpalermocalcio.it. URL consultato il 7 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  15. ^ Livia Taglioli, Il Cagliari stende il Palermo Pastore non brilla, Matri a quota 9, in La Gazzetta dello Sport, 16 gennaio 2011. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  16. ^ Cagliari-Palermo 3-1 Archiviato il 22 gennaio 2011 in Internet Archive. Ilpalermocalcio.it
  17. ^ (PT) João Pedro é o último reforço Archiviato il 23 luglio 2015 in Internet Archive. Vitoriasc.pt
  18. ^ Preso Paolucci dal Siena. Joao Pedro ceduto in prestito Ilpalermocalcio.it
  19. ^ Guimarães-Nacional 0-0 Transfermarkt.it
  20. ^ Palermo, Pedro fuori squadra Tuttopalermo.net
  21. ^ Joao Pedro conosce bene i propri limiti, su L'Ultimo Uomo, 30 ottobre 2018. URL consultato il 24 settembre 2021.
  22. ^ Joao Pedro in prestito al Peñarol Ilpalermocalcio.it
  23. ^ Palermo, Zamparini ritrova Joao Pedro: costò 5 milioni, giocò una sola partita, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 24 settembre 2021.
  24. ^ (PT) Buscando reforçar equipe, Santos FC acerta contratações de Bruno Peres e João Pedro Archiviato il 31 dicembre 2012 in Archive.is. santosfc.com.br
  25. ^ Joao Pedro è del Cagliari, in cagliaricalcio.net, 1º settembre 2014. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2015).
  26. ^ Cagliari sconfitto per 4-2, ma che paura per la Lazio, su lanuovasardegna.it, 3 novembre 2014. URL consultato il 20 settembre 2021.
  27. ^ Calcio: Cagliari-Crotone 4-0 - Sardegna, su ANSA.it, 7 settembre 2015. URL consultato il 24 settembre 2021.
  28. ^ Cagliari-Modena 2-1, doppietta di Joao Pedro e i sardi sono soli in testa, su corrieredellosport.it. URL consultato il 24 settembre 2021.
  29. ^ La prima tripletta di Joao Pedro, protagonista in una gara speciale, su unionesarda.it, 16 aprile 2016. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  30. ^ Frattura del perone per Joao Pedro, su cagliaricalcio.com, 1º ottobre 2016. URL consultato il 18 gennaio 2017 (archiviato il 6 ottobre 2016).
  31. ^ Cagliari-Chievo 4-0, doppietta di Joao Pedro, su gazzetta.it. URL consultato il 7 novembre 2019.
  32. ^ Doping, positivo Joao Pedro del Cagliari ansa.it
  33. ^ Doping, Joao Pedro: Procura ha chiesto 4 anni di squalifica gazzetta.it
  34. ^ Joao Pedro squalificato per sei mesi ansa.it
  35. ^ Cagliari-Milan 1-1: il gol di Higuain risponde al ritorno di Joao Pedro, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 7 novembre 2019.
  36. ^ Giovanni Podda, Joao Pedro dà il meglio schierato nel ruolo di seconda punta, su blogcagliaricalcio1920.net, BlogCagliariCalcio1920.it, 9 ottobre 2018. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  37. ^ Joao Pedro, quando meno te lo aspetti, su L'Ultimo Uomo, 24 settembre 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  38. ^ Francesco Velluzzi, Joao Pedro e Simeone mandano il Cagliari in paradiso. Bologna, non basta Santander, su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 30 ottobre 2019. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  39. ^ Sergio Cadeddu, Joao Pedro, 50 gol in rossoblù: settimo marcatore del Cagliari in A, su Cagliari News 24, 22 dicembre 2019. URL consultato il 24 settembre 2021.
  40. ^ Joao Pedro come Kakà e sulle orme di Gigi Riva: ecco l'uomo-salvezza del Cagliari, su gazzetta.it. URL consultato il 26 agosto 2021.
  41. ^ Lorenzo Schirru, Joao Pedro, il gol con la Fiorentina vale ben due record, su Cagliari News 24, 23 gennaio 2022. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  42. ^ (PT) Os vinte e cinco de Ney Franco Archiviato il 3 dicembre 2010 in Internet Archive. cbf.com.br
  43. ^ Inter senza Coutinho a gennaio sportmediaset.mediaset.it
  44. ^ (PT) Três jogadores foram desconvocados Archiviato il 3 gennaio 2011 in Internet Archive. cbf.com.br
  45. ^ Arriva il via libera della Fifa: Joao Pedro potrà giocare per l’Italia, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita, 5 gennaio 2022. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  46. ^ Trentacinque convocati per lo stage: torna Balotelli, in sette alla prima chiamata, su figc.it, 24 gennaio 2022. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  47. ^ Trajkovski allo scadere punisce l’Italia, gli Azzurri sono fuori dal Mondiale, su figc.it, 24 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
  48. ^ Italia, la 10 tocca a Joao Pedro: i numeri per la sfida alla Turchia, su Corriere dello Sport.it. URL consultato il 29 marzo 2022.
  49. ^ Comprese 2 presenze nei turni preliminari e 2 nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]