Davide Rebellin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Rebellin
Leuven - Brabantse Pijl, 15 april 2015, vertrek (B131).JPG
Davide Rebellin alla Freccia del Brabante 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 171 cm
Peso 63 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Kuwait-Cartucho.es
Carriera
Squadre di club
1992-1994 GB-MG Boys
1995 MG Boys Maglificio
1996 Team Polti
1997 Française des Jeux
1998-1999 Team Polti
2000-2001 Liquigas
2002-2008 Gerolsteiner
2009 Serr. Diquigiovanni
2011 Miche
2012 Meridiana-Kamen
2013-2016 CCC Polkowice
2017- Kuwait-Cartucho.es
Nazionale
1992-2008 Italia Italia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Argento Stoccarda 1991 In linea Dil.
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Atene 1991 In linea
Statistiche aggiornate al gennaio 2017

Davide Rebellin (San Bonifacio, 9 agosto 1971) è un ciclista su strada italiano che corre per il team Kuwait-Cartucho.es. Professionista dal 1992, è uno specialista delle classiche:[1] in carriera ha vinto un'edizione dell'Amstel Gold Race (nel 2004), tre della Freccia Vallone (nel 2004, 2007 e 2009) e una della Liegi-Bastogne-Liegi (nel 2004), oltre a una tappa al Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi e i primi anni nel professionismo[modifica | modifica wikitesto]

Si segnala già da dilettante distinguendosi con la maglia della nazionale: nel 1991 vince il Giro delle Regioni, la prova su strada ai Giochi del Mediterraneo e la medaglia d'argento ai Campionati del mondo di Stoccarda, preceduto solo dal sovietico Viktor Rjaksinski. Nel 1992 è l'uomo di punta della nazionale ai Giochi olimpici di Barcellona, ma corre in appoggio del compagno di squadra Fabio Casartelli che vince la medaglia d'oro.

Esordisce da professionista dopo i Giochi olimpici nella squadra di Franco Chioccioli, Franco Ballerini e Mario Cipollini, la GB-MG Maglificio. Onora i primi mesi di professionismo con un brillante nono posto al Giro di Lombardia e coglie il primo successo da professionista l'anno successivo, vincendo la classifica finale della Hofbrau Cup, breve gara a tappe tedesca. Dopo un paio di anni in sordina, si mette in luce nel 1996 al Giro d'Italia, dove trionfa nella tappa con arrivo a Monte Sirino[2] e veste la maglia rosa indossandola per sei giorni consecutivi. Sesto nella classifica finale di quel Giro, si ripeterà con una buona prestazione alla Vuelta a España, che concluderà al settimo posto.

1997-2008: le vittorie nelle classiche[modifica | modifica wikitesto]

Davide Rebellin nel 2006

Per via degli incoraggianti piazzamenti nelle due grandi corse a tappe di tre settimane, decide di programmare le prime stagioni da professionista per la conquista dei grandi Giri. Tuttavia, nonostante la meticolosità nella preparazione, i risultati sono deludenti a causa dei vistosi cali di condizione che lo colpiscono nell'ultima settimana di gara. Nel 1997 sigla una prestigiosa doppietta, vincendo nel giro di pochi giorni la Clásica San Sebastián e il Gran Premio di Svizzera a Zurigo sfruttando la condizione raggiunta al termine della Grande Boucle, suo principale obiettivo della stagione, conclusosi in modo fallimentare. Così, ormai trentenne, dopo diverse stagioni in cui avrebbe potuto vincere molto di più, si specializza finalmente nelle gare in linea e nelle brevi corse a tappe conquistando la Tirreno-Adriatico nel 2001,[3] e il Gran Premio di Francoforte nel 2003.

Nel 2004 è protagonista di una stagione che lo vede vincente in Amstel Gold Race,[4] Freccia Vallone[5] e Liegi-Bastogne-Liegi:[6] diventa così il primo ciclista capace di conquistare le tre classiche delle Ardenne in una sola settimana;[7] inoltre arriva secondo nella classifica finale della Coppa del mondo, preceduto dal connazionale Paolo Bettini. In chiusura di stagione decide, a causa della mancata convocazione nella nazionale olimpica italiana, di correre il campionato del mondo con i colori dell'Argentina: il ritardato arrivo del passaporto, però, non glielo permette.

Nel 2005, grazie ai piazzamenti nelle classiche del calendario (quarto all'Amstel Gold Race, terzo alla Freccia Vallone, quinto al Giro di Lombardia), ottiene il terzo posto finale nella classifica UCI ProTour. Il 2006 è l'anno della ritrovata convocazione in Nazionale, dove recita un ruolo fondamentale per la conquista, ad opera di Paolo Bettini, del campionato del mondo.[8] Dopo circa un mese, trionfa sulle rampe del San Luca, conquistando così il Giro dell'Emilia.[9] Il 2007 inizia con il secondo posto nella Parigi-Nizza. La campagna delle Ardenne lo vede nuovamente protagonista: secondo, primo e quinto posto rispettivamente ad Amstel Gold Race, Freccia Vallone[10] e Liegi-Bastogne-Liegi. Onora poi l'ottava maglia azzurra ai campionati del mondo di Stoccarda, riuscendo a piazzarsi in sesta posizione a sei secondi dal vincitore Bettini. Chiude la stagione al secondo posto nella graduatoria finale dell'UCI ProTour.

Davide Rebellin in maglia gialla di leader alla Parigi-Nizza 2008

Nel 2008 conquista la sua prima Parigi-Nizza, terminando davanti a Rinaldo Nocentini per soli 3 secondi, distacco minimo nella storia della corsa a tappe francese.[11][12] Il 9 agosto seguente ai Giochi olimpici di Pechino, nel giorno del suo trentasettesimo compleanno, si aggiudica la medaglia d'argento nella prova in linea, superato in volata a pochi metri dal traguardo dallo spagnolo Samuel Sánchez, al termine di una fuga durata una quindicina di chilometri che aveva coinvolto, insieme ai due, un ristretto numero di corridori, tra i quali l'elvetico Fabian Cancellara, terzo al traguardo.[13] Partecipa come co-capitano della nazionale italiana ai campionati del mondo di Varese: conquista un quarto posto, suo miglior risultato in un mondiale.[14] Salta quindi il Giro di Lombardia a causa del ritiro del suo gruppo sportivo, la Gerolsteiner, dopo una serie di positività al doping.

2009-2010: la squalifica e l'assoluzione postuma[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimento della Gerolsteiner per il 2009 si accasa alla Diquigiovanni-Androni Giocattoli di Gianni Savio.[15] Dopo un avvio di stagione con le vittorie di Benahavís[16] e Antequera[17] alla Vuelta a Andalucía e una successiva fase di leggero appannamento, torna in aprile nelle classiche del Nord, conquistando sul Muro di Huy la sua terza Freccia Vallone.[18]

Il 28 aprile seguente, però, Rebellin risulta positivo al CERA, in seguito a nuove e più rigorose analisi effettuate su campioni di sangue prelevati durante i Giochi olimpici di Pechino (durante i quali aveva ottenuto l'argento nella prova in linea) e congelati.[19] Il 17 novembre il CIO ritiene revocato l'argento olimpico vinto nella gara di ciclismo su strada dall'atleta e ne ordina la restituzione.[20] L'atleta il giorno successivo, tramite i suoi legali, annuncia di volere impugnare la sentenza.[21] Il 23 dicembre concede un'intervista alla Gazzetta dello Sport durante la quale denuncia anomalie nelle procedure del CIO.[22] Il 30 luglio 2010 il TAS conferma la sentenza del CONI.[23][24] Durante il periodo di squalifica, nel 2009, è stato reso pubblico un filmato, relativo al 2001, in cui Rebellin veniva ripreso da telecamere nascoste mentre cercava di procurarsi sostanze dopanti illegali da alcuni medici. Tale filmato non venne usato come prova per l'incriminazione di Rebellin a causa del ritardo con cui le autorità presentarono tale prova ma contribuì a gettare ulteriore discredito sulla carriera del ciclista.[25][26] Dopo sette anni, il 30 aprile 2015, viene assolto dalle accuse di doping ed evasione fiscale in quanto "il fatto non sussiste".[27]

Dal 2011: il rientro e il ritorno al successo[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 aprile 2011, al termine della squalifica, rientra alle corse con il team Miche-Guerciotti.[28] Nell'estate dello stesso anno coglie alcuni piazzamenti, come il quinto posto al Brixia Tour, la piazza d'onore al Trofeo Matteotti e il terzo posto al Gran Premio Città di Camaiore. Il 16 agosto, pochi giorni dopo aver compiuto i 40 anni, vince la novantunesima edizione della Tre Valli Varesine, per la seconda volta in carriera, scattando a 150 metri dall'arrivo e superando Domenico Pozzovivo.[29] Alcuni giorni dopo riesce a ripetersi aggiudicandosi, per la seconda volta in carriera, il Trofeo Melinda: nell'occasione scatta sull'ultima salita, precedendo sul traguardo il colombiano Miguel Ángel Rubiano e ancora Pozzovivo.[30] In settembre arriva terzo nella Settimana Ciclistica Lombarda e quinto al Giro di Padania. Nel mese di ottobre conquista il secondo posto nel Memorial Marco Pantani, battuto in volata da Fabio Taborre, e nella Coppa Sabatini alle spalle di Enrico Battaglin, infine il quarto al Giro dell'Emilia.

Nel maggio del 2012 sigla un contratto con la formazione italo-croata Meridiana-Kamen Team[31] e ottiene subito dei piazzamenti nella gara d'esordio, il Tour of Hellas, classificandosi secondo nella graduatoria finale a soli tre secondi dal vincitore Robert Vrečer. Nel mese di giugno si piazza quarto nel Trofeo Melinda e ritrova la vittoria nella seconda tappa dell'Okolo Slovenska, concludendo la competizione al terzo posto in classifica generale.[32] Si fa rivedere in estate, piazzandosi quarto al Gran Premio di Carnago e quinto a Il Padania, con due secondi posti di tappa; è poi ancora piazzato, questa volta terzo, nel Gran Premio Industria e Commercio di Prato, sconfitto in una volata a tre da Emanuele Sella e Luca Paolini. Nella stessa domenica in cui si corre il campionato mondiale, torna alla vittoria vincendo l'ultima tappa e la classifica finale dell'inedito Tour du Gévaudan Languedoc-Roussillon[33] e, in una delle ultime gare della stagione, si piazza decimo nella Coppa Sabatini.

Davide Rebellin, primo da destra, al Tour de Suisse 2014

Nell'ottobre 2012 sigla un contratto con la formazione polacca CCC-Polsat Polkowice, con cui corre nella stagione 2013.[34] Ottiene i primi piazzamenti nella Vuelta a Andalucía, classificandosi quinto nella prima tappa e terzo nella terza, e alla Vuelta a Murcia, nella quale chiude settimo. Lotta con i primi anche alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali, dove finisce ottavo in classifica.[35] Coglie la prima vittoria stagionale nella corsa polacca Szlakiem Grodów Piastowskich, vincendo le tappe di Dzierżoniów[36] e Złotoryja, concludendo secondo nella generale, dietro il ceco Jan Bárta.[37] Partecipa inoltre al ventiduesimo Trofeo Melinda, valido come campionato italiano, classificandosi al terzo posto alle spalle di Ivan Santaromita e Michele Scarponi.[38] In estate vince una tappa e la classifica generale della corsa romena Sibiu Cycling Tour;[39] è poi quarto alla Coppa Agostoni e quinto nella Tre Valli Varesine. Ad inizio settembre conclude decimo alla Settimana Ciclistica Lombarda, con un terzo posto di tappa.

Davide Rebellin al Tour de Suisse 2015

Nel 2014 gareggia ancora tra le file della squadra polacca,[40] ottenendo i primi risultati di rilievo alla Vuelta a Andalucía, con un terzo posto di tappa, e alla Vuelta a Murcia, che conclude sul terzo gradino del podio. In aprile si piazza al tredicesimo posto all'Amstel Gold Race, dimostrando di essere ancora competitivo nelle gare World Tour, al cospetto dei migliori corridori delle grandi classiche. A maggio prende parte al Presidential Cycling Tour of Turkey, durante il quale coglie un terzo posto parziale e si classifica quinto nella classifica finale. Nel mese di luglio conclude in seconda posizione il Sibiu Cycling Tour, corsa romena che aveva conquistato l'anno precedente, ottenendo comunque un successo nella cronosquadre della terza frazione.[41] Ad agosto conclude al terzo posto il Tour du Limousin, breve corsa a tappe francese, sfiorando il successo nella seconda frazione. Nel finale di stagione dopo aver concluso quarto alle Tre Valli Varesine, ottavo alla Milano-Torino e ancora in quarta piazza la Coppa Sabatini, coglie il primo successo stagionale l'11 ottobre, facendo suo il Giro dell'Emilia;[42] nell'occasione riesce ad imporsi sul traguardo del San Luca, piazzando lo scatto decisivo nell'ultimo chilometro e andando a vincere in solitaria (completano il podio Ángel Madrazo e Franco Pellizotti). Riesce così ad aggiudicarsi la corsa emiliana per la seconda volta in carriera, a distanza di ben otto anni dall'ultimo successo datato 2006.[43]

Nel 2015, sempre presente nell'organico del team arancio – ora rinominato CCC Sprandi Polkowice –[44] ottiene un successo nella cronosquadre della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali,[45] indossando per un giorno la maglia di leader e chiudendo al terzo posto finale. In seguito ad un buon quinto posto alla Freccia del Brabante, è protagonista al Presidential Cycling Tour of Turkey: nella circostanza si aggiudica la "tappa regina",[46] restando in testa alla classifica per tre giorni, dovendosi tuttavia ritirare nell'ultima tappa a causa di una caduta.[47] Dopo una serie di piazzamenti, compreso un nuovo secondo posto al Sibiu Cycling Tour così come nella seconda tappa del Tour du Limousin, si impone a metà settembre nella Coppa Agostoni: nell'occasione riesce ad avvantaggiarsi sull'ultima asperità del Lissolo, a circa 50 km dalla conclusione, assieme a Scarponi e Vincenzo Nibali, resistendo nel finale al ritorno del gruppo e battendo in una volata a due il siciliano dell'Astana.[48][49] Seguono altri piazzamenti nel finale di stagione, compresa la terza piazza al Gran Premio Industria e Commercio di Prato.

Nel 2016, alla quarta e ultima annata con la maglia polacca,[50] Rebellin non ottiene vittorie. Ad inizio stagione si fa notare con alcuni piazzamenti al Dubai Tour e al Tour of Oman, ma nelle classiche di un giorno non riesce a incidere. Trova altri piazzamenti in gare di secondo piano, quali un terzo posto di tappa e un quinto nella generale del Tour of Malopolska, un quinto alla neonata Rad am Ring e un terzo posto di tappa con un'omonima posizione nella generale del Giro della Repubblica Ceca. Nelle classiche italiane di fine stagione non brilla, complici anche alcuni problemi fisici, ottenendo come miglior risultato l'ottavo posto al Memorial Marco Pantani.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 (GB-MG Boys Maglificio-Bianchi, due vittorie)
2ª tappa Giro delle Regioni (Orbetello > Acquapendente)
Trofeo Alcide De Gasperi
  • 1993 (GB-MG Boys Maglificio-Bianchi, una vittoria)
Classifica generale Hofbrau Cup
  • 1995 (MG Boys Maglificio-Technogym, una vittoria)
1ª tappa Giro del Trentino (Riva del Garda > Lagundo Merano Forst)
  • 1996 (Team Polti, una vittoria)
7ª tappa Giro d'Italia (Amantea > Monte Sirino)
  • 1997 (La Française des Jeux, tre vittorie)
Trophée des Grimpeurs
Clásica San Sebastián
Gran Premio di Svizzera
  • 1998 (Team Polti, quattro vittorie)
1ª tappa Tour de Suisse (Bienne > Villars-sur-Ollon)
1ª tappa Tour de Wallonie (Liegi > Visé)
Tre Valli Varesine
Giro del Veneto
  • 1999 (Team Polti, sei vittorie)
1ª tappa Tour Méditerranéen (Antibes > Mont Faron)
Classifica generale Tour Méditerranéen
Tour du Haut-Var
2ª tappa, 1ª semitappa Critérium International (Gordes > Cheval-Blanc)
Giro del Veneto
Giro del Friuli
  • 2000 (Liquigas-Pata, una vittoria)
Giro del Veneto
  • 2001 (Liquigas-Pata, undici vittorie)
Classifica generale Tour Méditerranéen
Gran Premio di Chiasso
4ª tappa Tirreno-Adriatico (Isernia > Celano)
Classifica generale Tirreno-Adriatico
1ª tappa Vuelta al País Vasco (Asteasu > Asteasu)
3ª tappa Vuelta al País Vasco (Mungia > Araia)
Gran Premio Industria e Artigianato
Coppa delle Nazioni-Memorial Fausto Coppi
2ª tappa Brixia Tour (Montichiari > Lumezzane)
Giro di Romagna
Gran Premio Industria e Commercio di Prato
  • 2002 (Gerolsteiner, due vittorie)
Gran Premio Città di Camaiore
Luk-Cup Bühl
  • 2003 (Gerolsteiner, tre vittorie)
2ª tappa Parigi-Nizza (La Clayette > Saint-Étienne)
Gran Premio di Francoforte
Gran Premio Industria e Commercio di Prato
  • 2004 (Gerolsteiner, sei vittorie)
Amstel Gold Race
Freccia Vallone
Liegi-Bastogne-Liegi
3ª tappa Sachsen-Tour International (Lipsia > Klingenthal)
4ª tappa, 1ª semitappa Sachsen-Tour International (Rittersgrün > Fichtelberg, cronometro)
Trofeo Melinda
  • 2005 (Gerolsteiner, una vittoria)
1ª tappa Brixia Tour (San Vigilio di Concesio > Toscolano Maderno)
  • 2006 (Gerolsteiner, tre vittorie)
1ª tappa Brixia Tour (San Vigilio di Concesio > Toscolano Maderno)
Classifica generale Brixia Tour
Giro dell'Emilia
  • 2007 (Gerolsteiner, tre vittorie)
Freccia Vallone
1ª tappa Brixia Tour (Brescia > Toscolano Maderno)
Classifica generale Brixia Tour
  • 2008 (Gerolsteiner, due vittorie)
Tour du Haut-Var
Classifica generale Parigi-Nizza
  • 2009 (Serramenti PVC Diquigiovanni-Androni Giocattoli, tre vittorie)
3ª tappa Vuelta a Andalucía (Marbella > Benahavís)
4ª tappa Vuelta a Andalucía (Torrox Costa > Antequera)
Freccia Vallone
  • 2011 (Miche-Guerciotti, due vittorie)
Tre Valli Varesine
Trofeo Melinda
  • 2012 (Meridiana-Kamen Team, tre vittorie)
2ª tappa Okolo Slovenska (Liptovský Mikuláš > Čierny Váh)
2ª tappa Tour du Gévaudan Languedoc-Roussillon (Mende > Mende)
Classifica generale Tour du Gévaudan Languedoc-Roussillon
  • 2013 (CCC-Polsat Polkowice, quattro vittorie)
1ª tappa Szlakiem Grodów Piastowskich (Świdnica > Dzierżoniów)
4ª tappa Szlakiem Grodów Piastowskich (Jawor > Złotoryja)
1ª tappa Sibiu Cycling Tour (Sibiu > Bâlea Lac)
Classifica generale Sibiu Cycling Tour
  • 2014 (CCC-Polsat Polkowice, una vittoria)
Giro dell'Emilia
  • 2015 (CCC-Sprandi Polkowice, due vittorie)
3ª tappa Presidential Cycling Tour of Turkey (Kemer > Elmalı)
Coppa Agostoni

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 (GB-MG Boys Maglificio-Bianchi)
Classifica a punti Giro delle Regioni
  • 1993 (GB-MG Boys Maglificio-Bianchi)
2ª tappa, 1ª semitappa Hofbrau Cup (Enzklösterle, cronosquadre)
  • 1995 (MG Boys Maglificio-Technogym)
1ª tappa, 1ª semitappa Tour Méditerranéen (Sauvian > Béziers, cronosquadre)
Cronoscalata della Futa-Memorial Gastone Nencini
  • 2000 (Liquigas-Pata)
1ª prova Memorial Turi D'Agostino-GP Città di Aci Catena
  • 2004 (Gerolsteiner)
Classifica a punti Parigi-Nizza
  • 2007 (Gerolsteiner)
Classifica a punti Brixia Tour
  • 2009 (Serramenti PVC Diquigiovanni-Androni Giocattoli)
Classifica a punti Vuelta a Andalucía
  • 2012 (Meridiana-Kamen Team)
Classifica a punti Tour du Gévaudan Languedoc-Roussillon
Classifica combinata Tour du Gévaudan Languedoc-Roussillon
  • 2013 (CCC-Polsat Polkowice)
Classifica a punti Sibiu Cycling Tour
Classifica scalatori Sibiu Cycling Tour
  • 2014 (CCC-Polsat Polkowice)
3ª tappa, 1ª semitappa Sibiu Cycling Tour (Sibiu, cronosquadre)
  • 2015 (CCC-Sprandi Polkowice)
1ª tappa, 2ª semitappa Settimana Internazionale di Coppi e Bartali (Gatteo a Mare > Gatteo, cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1994: 20º
1995: 22º
1996: 6º
1998: 30º
1999: 30º
2000: 29º
2001: non partito (14ª tappa)
2002: ritirato (12ª tappa)
2004: non partito (8ª tappa)
2006: non partito (11ª tappa)
2007: non partito (11ª tappa)
2008: non partito (14ª tappa)
1997: 58º
2003: ritirato (14ª tappa)
1996: 7º
1999: non partito (18ª tappa)
2006: non partito (15ª tappa)
2007: non partito (13ª tappa)
2008: non partito (14ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1993: 60º
1995: 4º
1996: 61º
1998: 13º
1999: 14º
2000: 26º
2002: 27º
2003: 76º
2004: 168º
2005: 30º
2006: 41º
2007: 30º
2008: 4º
2009: 38º
2016: 21º
1994: 33º
1995: 16º
1996: 6º
1997: 25º
1999: 14º
2000: 3º
2001: 2º
2002: 9º
2003: 13º
2004: vincitore
2005: 11º
2007: 5º
2008: 2º
2009: 3º
1992: 9º
1993: 15º
1994: 51º
1996: 5º
1997: 8º
1998: 12º
2000: 6º
2001: 30º
2002: 2º
2003: 45º
2004: 28º
2005: 5º
2006: 5º
2007: 5º
2015: 30º
2016: 54º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

UCI Europe Tour 2009: 57º
UCI Europe Tour 2011: 3º
UCI Europe Tour 2012: 27º
UCI Europe Tour 2013: 3º
UCI Europe Tour 2014: 3º
UCI Europe Tour 2015: 9º
UCI Europe Tour 2016: 156º

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 5 settembre 2008. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[51]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rebellin, obiettivo Ardenne, ciclismo.it, 26 novembre 2004.
  2. ^ Gianfranco Josti, Il Giro scopre un nome nuovo: Rebellin, in Corriere dello Sport, 26 maggio 1996. (archiviato dall'url originale il ).
  3. ^ Rebellin al fotofinish, www2.raisport.rai.it, 21 marzo 2001.
  4. ^ Amstel, Rebellin torna grande, ricerca.gelocal.it, 19 aprile 2004.
  5. ^ Rebellin vince anche la Freccia Vallone, ricerca.gelocal.it, 22 aprile 2004.
  6. ^ Liegi-Bastogne-Liegi: è sempre Rebellin, ricerca.gelocal.it, 26 aprile 2004.
  7. ^ Rebellin nella leggenda. A Liegi centra il tris, ricerca.gelocal.it, 26 aprile 2004.
  8. ^ Ciro Scognamiglio, Magica volata, Bettini mondiale, gazzetta.it, 24 settembre 2006.
  9. ^ Ciro Scognamiglio, Giro dell'Emilia, che Rebellin, gazzetta.it, 7 ottobre 2006.
  10. ^ Rebellin torna a scoccare la Freccia Vallone, su ricerca.gelocal.it, 26 aprile 2007.
  11. ^ Parigi-Nizza italiana. Rebellin non ha età, gazzetta.it, 16 marzo 2008.
  12. ^ Rebellin, trionfo in Francia, è sua la Parigi-Nizza, repubblica.it, 16 marzo 2008.
  13. ^ Rebellin, gioia d'argento. Bettini: "Ho sbagliato", gazzetta.it, 9 agosto 2008.
  14. ^ Antonino Morici, Ballan, scatto Mondiale. "Siamo una grande squadra", gazzetta.it, 28 settembre 2008.
  15. ^ Paolo Marabini, Simoni e i vecchietti terribili. "Si può vincere ovunque", gazzetta.it, 12 gennaio 2009.
  16. ^ Paolo Marabini, Rebellin-show alla Ruta. "Ma sogno la maglia rosa", gazzetta.it, 18 febbraio 2009.
  17. ^ Simoni chiude al terzo posto, gazzetta.it, 19 febbraio 2009.
  18. ^ Luigi Panella, Fantastico Rebellin. Tris alla Freccia Vallone, repubblica.it, 22 aprile 2009.
  19. ^ Cera, sei atleti positivi a Pechino. C'è anche Davide Rebellin, repubblica.it, 28 aprile 2009.
  20. ^ Il Cio a Rebellin "Restituisca la medaglia", gazzetta.it, 17 novembre 2009.
  21. ^ DOPING - Rebellin dovrà restituire la medaglia di Pechino, ciclonews.it, 17 novembre 2009.
  22. ^ Ciclismo, Rebellin rompe il silenzio: "Doping? Non c'entro", sport.sky.it, 23 dicembre 2009.
  23. ^ DOPING - Il Tas respinge il ricorso di Rebellin, ciclonews.it, 30 luglio 2010.
  24. ^ Rebellin, il Tas respinge ricorso: via l'argento di Pechino, sport.sky.it, 30 luglio 2010.
  25. ^ Eugenio Capodacqua, Doping, Rebellin perde tutto. Ora spunta anche un video, repubblica.it, 30 aprile 2009.
  26. ^ Eugenio Capodacqua, Quando Rebellin chiedeva l'Epo. Due filmati del 2001 lo accusano, repubblica.it, 30 aprile 2009.
  27. ^ Claudio Ghisalberti, "Il fatto non sussiste", Rebellin assolto due volte, gazzetta.it, 1º maggio 2015.
  28. ^ Alla fine Davide Rebellin firma per la Miche-Guerciotti, cicloweb.it, 3 maggio 2011.
  29. ^ Giuseppe Cristiano, Tre Valli Varesine 2011: Infinito Rebellin!!!. Davide a 40 anni trionfa a Campione d'Italia su Pozzovivo e Pinot, cicloweb.it, 16 agosto 2011.
  30. ^ Nicola Stufano, Trofeo Melinda: Rebellin coglie un altro frutto. Davide, affondo su Rubiano e Pozzovivo, cicloweb.it, 20 agosto 2011.
  31. ^ (EN) Rebellin signs with Meridiana Kamen Guerciotti team, velonation.com, 12 maggio 2012.
  32. ^ Davide Rebellin vince la seconda tappa del Giro di Slovacchia. Enrico Rossi conserva la gialla, cicloweb.it, 6 giugno 2012.
  33. ^ Davide Rebellin vince per distacco a Mende e si aggiudica il Tour du Gévaudan, cicloweb.it, 23 settembre 2012.
  34. ^ Rebellin vola in Polonia: ha firmato per il 2013 con la CCC Polsat, cicloweb.it, 26 ottobre 2012.
  35. ^ Vivian Ghianni, Settimana Coppi e Bartali 2013: Per Caruso rose e Fiorano. Damiano, prima da professionista. A Ulissi la classifica finale, cicloweb.it, 24 marzo 2013.
  36. ^ Davide Rebellin fa subito centro in Polonia. Sua la prima tappa del Szlakiem Grodòw Piastowskich, cicloweb.it, 3 maggio 2013.
  37. ^ Rebellin ancora vincente in Polonia. Solo Barta davanti a lui nella generale dello Szlakiem Grodòw Piastowskich, cicloweb.it, 5 maggio 2013.
  38. ^ Francesco Sulas, Campionato Italiano 2013: Quel Santaromita che non t'aspetti. A Fondo Ivan d'astuzia su Scarponi e Rebellin, cicloweb.it, 22 giugno 2013.
  39. ^ Splendida vittoria di Davide Rebellin nel tappone di montagna del Sibiu Cycling Tour, su cicloweb.it, 12 luglio 2013.
  40. ^ Ufficiale, Davide Rebellin rinnova con la CCC Polsat per un altro anno, cicloweb.it, 16 novembre 2013.
  41. ^ Sibiu Tour, cronosquadre alla CCC Polsat. Davide Rebellin sale al 2º posto nella generale, Rogina sempre leader, cicloweb.it, 20 luglio 2014.
  42. ^ Ciclismo, Rebellin vince il Giro dell'Emilia a 43 anni, repubblica.it, 11 ottobre 2014.
  43. ^ Marco Grassi, Giro dell'Emilia 2014: In pensione? Andateci voi!. Rebellin trionfa a 43 anni e può guardare con fiducia al 2015, cicloweb.it, 11 ottobre 2014.
  44. ^ Ciro Scognamiglio, Voigt e Rebellin, classe '71 protagonisti nel 2015, gazzetta.it, 10 dicembre 2014.
  45. ^ Coppi e Bartali, Rebellin si prende la maglia, gazzetta.it, 26 marzo 2015.
  46. ^ Giro di Turchia, Rebellin in salita conquista la generale, gazzetta.it, 28 aprile 2015.
  47. ^ Matteo Moscati, Giro di Turchia: cane in strada, Rebellin cade e si ritira, sportlive.it, 3 maggio 2015.
  48. ^ Mattia Bazzoni, Ciclismo, Coppa Agostoni a Rebellin: battuto Nibali dopo 50 km di fuga, gazzetta.it, 16 settembre 2015.
  49. ^ Ciclismo, Coppa Agostoni: eterno Rebellin, battuto Nibali, repubblica.it, 16 settembre 2015.
  50. ^ Niccolò Anfosso, Stagione 2016: Davide Rebellin 45 primavere, ma l'obiettivo sono ancora le Ardenne, direttaciclismo.it, 2 dicembre 2015.
  51. ^ Olimpionici azzurri da Napolitano. "Giochi daranno i loro frutti in Cina", repubblica.it, 5 settembre 2008.
  52. ^ A Rebellin il Premio Torretta, cycling.it, 26 novembre 2008.
  53. ^ Monastero della Castellina: premiati Formolo, Rebellin e la Bastianelli, gazzetta.it, 22 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]