Milano-Sanremo 1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Italia Milano-Sanremo 1996
Edizione87ª
Data23 marzo
PartenzaMilano
ArrivoSanremo
Percorso294 km
Tempo7h00'27"
Media41,955 km/h
Valida perCoppa del mondo 1996
Ordine d'arrivo
PrimoItalia Gabriele Colombo
SecondoUcraina Oleksandr Hončenkov
TerzoItalia Michele Coppolillo
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Milano-Sanremo 1995Milano-Sanremo 1997

La Milano-Sanremo 1996, ottantasettesima edizione della corsa e valida come evento d'apertura della Coppa del mondo di ciclismo su strada 1996, fu disputata il 23 marzo 1996, per un percorso totale di 294 km. Fu vinta dall'italiano Gabriele Colombo, al traguardo con il tempo di 7h00'27" alla media di 41.955 km/h.

Partenza a Milano con 198 corridori di cui 175 portarono a termine il percorso.

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Gabriele Colombo allungò nella penultima salita e a lui resistette solo Oleksandr Hončenkov. Nella discesa successiva riuscirono a rientrare su di loro Maximilian Sciandri e Michele Coppolillo. I quattro crearono un buco di quasi 30 secondi che riuscirono a mantenere anche alla fine del Poggio, l'ultima salita del percorso.

A un chilometro dall'arrivo Colombo riuscì a rilanciare la sua azione e lasciò i tre compagni di fuga, arrivando da solo al traguardo.[1]

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Gabriele Colombo Gewiss 7h00'27"
2 Ucraina Oleksandr Hončenkov Roslotto a 1"
3 Italia Michele Coppolillo MG Maglificio s.t.
4 Regno Unito Maximilian Sciandri Motorola s.t.
5 Italia Stefano Zanini Gewiss a 32"
6 Italia Fabio Baldato MG Maglificio s.t.
7 Italia Mario Cipollini Saeco s.t.
8 Belgio Johan Museeuw Mapei-GB s.t.
9 Francia Laurent Brochard Festina-Lotus s.t.
10 Russia Andrej Čmil Lotto-Isoglass s.t.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Peter Cossins, Forget the favourites, these guys did it their way, 18 marzo 2010. URL consultato il 3 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]