Clitarco di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Clitarco di Alessandria (in greco antico: Κλείταρχος, Cleìtarchos; in latino: Clitarchus; 285 a.C o 246 a.C – dopo il 221?) è stato uno storico greco antico.

Alessandro Magno ritratto come il dio Elio

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Dinone[1], Clitarco sarebbe nato o, quantomeno, vissuto ampiamente ad Alessandria d'Egitto, da dove si mosse per ascoltare il filosofo Stilpone, di cui fu allievo[2]. Secondo un recente papiro[3] sarebbe vissuto fino a diventare maestro (διδάσκαλος) di Tolomeo IV Filopatore (che regnò negli anni 221205 a.C.).

Storie di Alessandro[modifica | modifica wikitesto]

Clitarco scrisse le Περὶ 'Aλεξάνδρου ἱστορίαι, cioè Storie di Alessandro, in 12 libri, di cui abbiamo solo pochi frammenti[4]ː ciò è in netto contrasto con il fatto che l'opera era una delle più lette in età imperiale, tanto che diversi autori come Curzio Rufo ne imitarono il tema e gli intenti.

Da ciò che si riesce ad intuire soprattutto dai suoi imitatori, l'opera doveva seguire un intento romanzato[5], caratterizzato da aneddoti che esaltavano la figura divina di Alessandro Magno e vari episodi non sorretti da altre fonti storiche, come, ad esempio, l'arrivo del sovrano macedone fino all'Oceano, cosa che invece viene smentita dagli storici maggiori dell'epoca[6]. Fra i frammenti tramandati, in effetti, molti mostrano un notevole gusto per il meravigliosoː dai vari sistemi utilizzati per catturare le scimmie indiane all'incontro di Alessandro con un gruppo di scimmie e cacciatori; ancora, un incontro galante fra Alessandro e la regina Talestri, capo delle Amazzoni, ad una ambasceria ad Alessandro addirittura inviata dai Romani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FGrHist 137, T 2 Jacoby.
  2. ^ T 3 Jacoby.
  3. ^ P.Oxy. LXXI 4808.
  4. ^ 36 nell'edizione di Felix Jacoby.
  5. ^ K. Meister, La storiografia greca, Roma-Bari, Laterza, 1992, pp. 141-143.
  6. ^ Cfr. i frammenti 2, 9-10, 14, 16, 19 34 Jacoby.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • K. Meister, La storiografia greca, Roma-Bari, Laterza, 1992, pp. 141-143.
  • L. Prandi, Fortuna e realtà dell'opera di Clitarco, Stuttgart, Franz Steiner Verlag, 1996.
  • L. Prandi, New Evidence for the Dating of Cleitarchus (POxy LXXI.4808)?, in "Histos", n. 6 (2012), pp. 15-26.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56220108 · ISNI (EN0000 0000 8842 4772 · LCCN (ENno97061760 · GND (DE119457652 · CERL cnp00406140