Mirsilo di Metimna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mìrsilo di Mètimna, (in greco antico: Μύρσιλος, Mìrsilos), chiamato anche Mìrsilo Lesbio, (Metimna, III secolo a.C. – ...), è stato uno storico e paradossografo dell'antica Grecia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario della città di Mètimna, sull'isola greca di Lesbo, di lui si hanno solo rare e incerte notizie sulla sua vita.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Due opere gli sono attribuite dalla tradizione antica, ossia una storia di Lesbo (in greco antico: Λεσβιακά, Lesbiakà)e un'opera aneddotica, (in greco antico: Ἱστορικὰ παράδοξα, Historikà paràdoxa), raccolta di paradossi e mirabilia.

Di entrambe le opere sono pervenuti solo pochi frammenti[1]. Sono invece da considerarsi spurie le cronache De origine Italiae et Tyrrhenorum (o De origine Italiae et Turrenae) a lui attribuite da Giovanni Nanni (Annio dda Viterbo) che se ne servì nella sua colossale falsificazione nota come Antiquitates variae[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Circa 7 in FGrHist 477.
  2. ^ Walter Stephens, «Annius of Viterbo», in Anthony Grafton, Glenn Warren Most e Salvatore Settis (a cura di), The Classical Tradition, Harvard University Press, 2010, p. 46, ISBN 9780674035720.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Steven Jackson, Myrsilus of Methymna, Hellenistic paradoxographer, Amsterdam, Adolf M. Hakkert, 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12653508 · LCCN (ENno96065441 · GND (DE100534430 · BNF (FRcb13092820r (data) · CERL cnp00136737