Marsia il Giovane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marsia il Giovane (in greco antico: Μαρσύας ὁ νεώτερος, Marsýas ho neòteros; Filippi, ... – III secolo a.C.) è stato uno storico greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le fonti antiche hanno tramandato poche notizie di Marsia il Giovane, così chiamato per distinguerlo dall'omonimo studioso macedone vissuto nel IV secolo a.C.

Marsia il Giovane era di Filippi, in Tracia, e sicuramente visse prima di Ateneo di Naucrati e di Plinio il Vecchio, che lo citano nelle loro opere.[1] In particolare, Ateneo riporta che Marsia era un sacerdote di Eracle.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Marsia scrisse un'opera storica o geografica in almeno sei libri chiamata Cose macedoni (in greco antico: Μακεδονικά, Makedonikà), citata da Arpocrazione, un'opera di antiquaria in dodici libri detta Archeologia (in greco antico: Ἀρχαιολογία, Archaiologhia), citata dalla Suda, [3] e un trattato in sette libri intitolato Cose mitiche (in greco antico: Μυθικά, Mythikà).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Smith.
  2. ^ Ateneo, 11, 467c.
  3. ^ Suda.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]