Stesimbroto di Taso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stesimbroto di Taso (in greco antico: Στησίμβροτος, Stesìmbrotos; Taso, seconda metà del V secolo a.C.Atene, dopo il 420 a.C. ?) è stato uno storico greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stesimbroto, nato a Taso, sarebbe vissuto nella seconda metà del V secolo a.C. ad Atene, dove potrebbe essere giunto fin dal 463 a.C., dopo che Cimone aveva soppresso la ribellione dei Tasii [1]. Stesimbroto è anche citato come fonte dagli scoliasti di Apollonio Rodio.[2]

Egli aveva una buona reputazione, tra i suoi contemporanei, di rapsodo [3] e come esperto dell'interpretazione dei poemi epici di Omero[4]. Infatti, nello Ione di Platone il rapsodo Ione si profonde in grandi lodi proprio di Stesimbroto, accomunandolo al filosofo Metrodoro di Lampsaco e Glaucone, e presentandolo, non come un rapsodista volgare, autore di popolari canzoni gradite al volgo ma come un intellettuale erudito che dava lustro alla filosofia [5]

Stesimbroto era innanzitutto un interprete professionale ed esperto dei poemi epici, ma non propriamente storico o biografo. In tal senso si spiega il fatto che Antimaco di Colofone, uno degli allievi di Stesimbroto [6], ne seguisse le orme di poeta, dotto studioso e scrittore prolifico che influenzato dal misticismo orfico scrisse anche sulle cerimonie rituali nell'opera Περὶ τελετῶν.[7].

Stesimbroto dovrebbe essere morto negli anni Venti del V secolo, sicuramente dopo la morte di Pericle e la fine della epidemia di peste ad Atene [8].

Su Temistocle, Tucidide e Pericle[modifica | modifica wikitesto]

Stesimbroto fu autore di un pamphlet politico Su Temistocle, Tucidide e Pericle, dove critica il loro imperialismo.

Plutarco studiò Stesimbroto e dalla sua opera trasse notizie per le vite di Temistocle, Cimone e Pericle, ma riconobbe la parzialità della fonte, accogliendo quindi con riserva alcune delle informazioni fornite dallo storico[9], come quella che accusava Pericle d'intrattenersi con prostitute procurategli dall'amico e confidente Fidia. Una parzialità, osservava Plutarco, dovuta anche al fatto che lo storico scriveva di cose a lui contemporanee[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Die Fragmente der Griechischen Historiker Continued, ed. by G. Schepens, vol.IVA, Biography, Leiden, Brill, 1998, p. 51.
  2. ^ Varrone Frammenti
  3. ^ Cfr T 4 e F 21-25 Jacoby.
  4. ^ T 3 Jacoby.
  5. ^ Giovanni Andres, Dell'origine, progressi e stato attuale di ogni letteratura, 1830 p.6)
  6. ^ T 5 Jacoby.
  7. ^ Enciclopedia Italiana Treccani alla voce corrispondente
  8. ^ Cfr F 11 Jacoby.
  9. ^ Cfr. B. Scardigli, Introduzione, in Plutarco, Vite Parallele. Pericle e Fabio Massimo, Milano, BUR, 1998, p. 17.
  10. ^ S. Accame, Scritti minori, vol. III, Roma, Ed. di Storia e Letteratura, p. 1277.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Fragmente der Griechischen Historiker Continued, ed. by G. Schepens, vol.IVA, Biography, Leiden, Brill, 1998, pp. 40-77.
  • A. Tsamakis, Das historische Werk des Stesimbrotos von Thasos, in "Historia", n. 44 (1995), pp. 129-152.
Controllo di autorità VIAF: (EN52482351 · GND: (DE118617974 · CERL: cnp00396602