Zuccarello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'insegnante e scrittore di Catania, vedi Gioacchino Zuccarello.
Zuccarello
comune
Zuccarello – Stemma Zuccarello – Bandiera
Uno scorcio del borgo con i caratteristici portici
Uno scorcio del borgo con i caratteristici portici
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Provincia Provincia di Savona-Stemma.png Savona
Amministrazione
Sindaco Stefano Mai (Lista civica di Centro-destra "Uniti per Zuccarello") dal 29/03/2010
Territorio
Coordinate 44°06′40.21″N 8°06′56.08″E / 44.111169°N 8.115578°E44.111169; 8.115578 (Zuccarello)Coordinate: 44°06′40.21″N 8°06′56.08″E / 44.111169°N 8.115578°E44.111169; 8.115578 (Zuccarello)
Altitudine 130 m s.l.m.
Superficie 10,81 km²
Abitanti 319[1] (31-12-2011)
Densità 29,51 ab./km²
Frazioni Martinetto
Comuni confinanti Arnasco, Balestrino, Castelbianco, Castelvecchio di Rocca Barbena, Cisano sul Neva, Erli
Altre informazioni
Cod. postale 17039
Prefisso 0182
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 009069
Cod. catastale M197
Targa SV
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 689 GG[2]
Nome abitanti zuccarellesi
Patrono san Bartolomeo
Giorno festivo 24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zuccarello
Posizione del comune di Zuccarello nella provincia di Savona
Posizione del comune di Zuccarello nella provincia di Savona
Sito istituzionale

Zuccarèllo (Sucâelo in ligure[3]) è un comune italiano di 319 abitanti[1] della provincia di Savona in Liguria.

L'antico nucleo medievale fu la capitale del Marchesato di Zuccarello, antico stato italiano preunitario dal XIV secolo al XVII secolo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Zuccarello è situato nella valle del torrente Neva, a monte della confluenza di quest'ultimo con il torrente Pennavaira.

Oltre al borgo medievale del capoluogo comprende l'unica frazione di Martinetto, località sparse e la borgata storica di Sant'Antonio per una superficie territoriale di 10,81 km²[4].

Confina a nord con i comuni di Erli e Castelvecchio di Rocca Barbena, a sud con Cisano sul Neva, ad ovest con Castelbianco, ad est con Balestrino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Marchesato di Zuccarello.
Planimetria del borgo da una mappa settecentesca del cartografo Matteo Vinzoni

Il borgo medievale di Zuccarello fu fondato con atto notarile del 4 aprile (o 30 aprile[5]) del 1248[6] - con firma dal notaio Martino di Bossoleto presso il castello zuccarellese (citato per la prima volta nel 1233[5]) - dai marchesi di Clavesana Bonifacio III, Emanuele I e Francesco I, e dai rappresentanti locali (procuratori e sindaci) della popolazione della val Neva, l'antica Vallis Cohedani[6]; l'atto di fondazione è ancora oggi conservato presso l'archivio storico comunale[6]. Gli stessi marchesi doteranno il nuovo feudo di regolamenti e statuti datati al 1281[6], tra i più antichi del ponente ligure dopo Sanremo ed Apricale[6].

Già in epoca medievale, a causa della strategica posizione geografica, fu più volte conteso tra le varie fazioni nobiliari[6].

Il matrimonio nel 1326[5] tra Enrico Del Carretto e la figlia di Enrico II di Clavesana, Caterina, portò per la famiglia carrettesca al possedimento di metà dei territori di Zuccarello e Castelvecchio di Rocca Barbena[5]; nel 1335 la restante parte dei due feudi fu ereditato con il matrimonio tra Argentina, altra figlia del marchese di Clavesana, e Giacomo Saluzzo[5].

Con Carlo I Del Carretto, nel 1397[5], Zuccarello divenne sede dell'omonimo marchesato che assoggettò tra i territori, villaggi e fortificazioni il castello di Balestrino, Castelvecchio di Rocca Barbena, Erli e Nasino, quest'ultimo nel 1420. In questa fase storica nacque dal ramo carrettesco finalese il nuovo ramo dei Del Carretto di Zuccarello[5]. Già con atto del 18 maggio 1449[5] i marchesi zuccarellesi Carlo e Giorgino Del Carretto fecero atto di vassallaggio alla Repubblica di Genova, ma, successivamente, non sdegnarono un rapporto di dedizione pure verso il Ducato di Milano[5].

La torre medievale

La repubblica genovese acquistò nel corso del 1567[5] dal marchese Gio Andrea Del Carretto un terzo del feudo (più il locale castello e la sua giurisdizione) concedendo a Genova, tra l'altro, il diritto di prelazione.

Un nuovo scenario politico avvenne nell'aprile del 1588 quando il marchese di Zuccarello Scipione Del Carretto vendette la parte del suo feudo al duca Carlo Emanuele I di Savoia per la somma di 60.000 scudi d'oro[7] (e ottenendo altri privilegi monetari pure per la sua famiglia), una cessione che certamente avrebbe giovato e consolidato il dominio sabaudo sul ponente ligure. Tale trattativa, però, fu impugnata[7] a stretto giro da Genova che inviò alla corte di Praga dell'imperatore Rodolfo II un proprio ambasciatore affinché il sovrano annullasse tale decisione. Sovrano che, su consiglio del gentiluomo di corte Ottavio Del Carretto[7], fratello minore del marchese Scipione, decise sul finire dello stesso anno di "congelare"[7] il passaggio di proprietà tra la famiglia carrettesca e lo stato sabaudo nell'attesa di un responso giuridico da parte di un'apposita commissione.

La "causa di Zuccarello" si protrasse a lungo nel tempo, nonostante gli appelli dei vari ambasciatori sabaudi e genovesi che nell'ordine si recarono a Praga, e solamente all'inizio del 1593[7] l'imperatore pronunziò un diploma ufficiale in favore di quel Ottavio Del Carretto che ottenne l'investitura sul feudo zuccarellese. L'ambasciatore per i Savoia Manfredo Goveano ottenne solamente da Rodolfo II che all'estinzione del ramo Del Carretto di Zuccarello, il duca di Savoia avesse il diritto di prelazione all'acquisto del feudo[7], diritto che venne annullato nel 1622[7].

Diviso nelle proprietà tra il marchese Ottavio Del Carretto e la Repubblica di Genova, il feudo di Zuccarello si consolidò nel 1624 quando per la somma di 200.000 fiorini[6][5] il primo decise di vendere la sua parte a Genova. La vendita provocò un nuovo scontro tra lo stato genovese e il vicino ducato sabaudo che nel corso del 1625 sfociò nella cosiddetta "guerra del sale". Dopo una lunga controversia legale tra le parti, che vide tra l'altro il controllo del marchesato da parte di commissari imperiali[5], con atto del 1633[5] lo stato genovese poté assumere pieno controllo di Zuccarello e della sua ex giurisdizione marchionale[5].

Zuccarello vide altre battaglie nei suo territori: nel 1672[6]; nel 1746-1747[6] nei fatti d'armi correlati alla guerra di successione austriaca dove il paese fu difeso e riconquistato dai soldati genovesi e corsi dall'assedio piemontese; tra il 1795 e il 1797[6] durante la Campagna d'Italia di Napoleone Bonaparte. Il borgo medievale fu sede del quartier generale delle truppe francesi del generale Andrea Massena durante la battaglia di Loano del 23 e 29 novembre 1795[6].

Con la dominazione francese il territorio di Zuccarello rientrò dal 2 dicembre 1797 nel Dipartimento del Letimbro, con capoluogo Savona, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 fece parte del III cantone, come capoluogo, della Giurisdizione di Centa e dal 1803 centro principale del IV cantone della Centa nella Giurisdizione degli Ulivi. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte.

Nel 1815 Zuccarello fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel I mandamento di Albenga del Circondario di Albenga facente parte della Provincia di Genova; nel 1927 con la soppressione del circondario ingauno passò, per pochi mesi, nel Circondario di Savona e, infine, sotto la neo costituita Provincia di Savona.

L'ultimo aggiustamento dei confini amministrativi avvenne nel 1929[5] quando cedette al comune di Cisano sul Neva la frazione di Conscente.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità Montana Ingauna e con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008[8], in vigore dal 1º gennaio 2009, ha fatto parte della Comunità Montana Ponente Savonese, quest'ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010[9] e in vigore dal 1º maggio 2011[10].

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Zuccarello-Stemma.png
Zuccarello-Bandiera.png


« Di blu, ai tre pani di zucchero, bianchi »
(Descrizione araldica dello stemma[11])
« Drappo trinciato di giallo e di rosso... »
(Descrizione araldica della bandiera[11])


Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Bartolomeo nel cuore del borgo storico

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Bartolomeo nel centro storico di Zuccarello. La parrocchiale fu eretta assieme al borgo nel XIII secolo, anche se alcune fonti storiche riportano la fondazione tra l'XI e XII secolo e quindi molto prima della nascita "ufficiale" di Zuccarello.
  • Oratorio di Santa Maria Nascente e San Carlo nel centro storico di Zuccarello. Eretto tra il XVII e XVIII secolo conserva un crocifisso del XV secolo portato in processione nel paese, illuminato con l'ausilio di fiaccole, durante la festività religiosa del Venerdì Santo.
  • Cappella di Sant'Antonio abate nel centro storico di Zuccarello, con affreschi del tardo medioevo.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Marchionale. Sito nel centro storico conserva al suo interno diversi cicli di affreschi. Nel 1459 qui avvenne lo storico incontro tra Giovanni di Calabria, rappresentante del regno francese e della Repubblica di Genova, e i signori feudali marchesi Del Carretto per siglare ufficialmente la fine delle ostilità tra Genova e i Del Carretto del Marchesato di Finale.
  • Porta del Molino.
  • Porta Soprana o del Piemonte con la caratteristica torre medievale.
  • Porta Interiore.
  • Porta del Ponte, forse risalente al XVII secolo.
  • Porta sul torrente Neva, forse risalente all'epoca tardo medievale.
  • Porta Sottana con la presenza della torre con elementi tardo medievali.
  • Porta "del Morto".
  • Teatro Civico "Quinzio Delfino".
  • Casa "del Molino" con elementi del tardo medioevo presenti nella facciata.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcune note storiche l'edificazione del castello di Zuccarello, citato per la prima volta nel 1233[5], è antecedente alla fondazione del borgo medievale (1248[5]) e fu nei secoli successivi più volte restaurato. Tra gli ultimi interventi conservativi e di rinforzo vi furono quelli ordinati dal generale francese Andrea Massena delle truppe napoleoniche verso la fine del XVIII secolo.

Usato anticamente come abitazione fu prevalentemente utilizzato per il controllo della media val Neva assieme ai castelli di Conscente - presso Cisano sul Neva - e di Castelvecchio di Rocca Barbena. Nei pressi del castello vi è l'antico attraversamento boschivo denominato il "Sentiero di Ilaria" (dal nome della marchesa Ilaria del Carretto) che, in 3 km, permette di raggiungere il territorio di Castelvecchio di Rocca Barbena; il percorso è inserito nel parco culturale della Riviera Ligure delle Palme.

Società[modifica | modifica wikitesto]

I ruderi del castello sopra l'abitato

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[12]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Antico ponte presso il borgo zuccarellese

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2011[13] i cittadini stranieri residenti a Zuccarello sono 51, pari al 15,99% della popolazione comunale.

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2005 il Comune di Zuccarello ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale conformemente alla norma ISO 14001[14].

Il comune fa parte del circuito dei borghi liguri più belli d'Italia[15], Comuni Fioriti, Federazione Europea Città Napoleoniche, Associazione Nazionale Comuni Luoghi del Medioevo, Perle della Liguria, Antiche Vie del Sale-Strade del Mare.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Annualmente, il 24 agosto, viene festeggiato san Bartolomeo, patrono del comune. Nel mese di luglio viene annualmente rievocato il matrimonio di Ilaria del Carretto, che si conclude con il gioco della "Dama vivente".

Persone legate a Zuccarello[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Ilaria del Carretto a Zuccarello
  • Ilaria del Carretto (Zuccarello, 1379 - Lucca, 1405). Figlia di Carlo I Del Carretto - quest'ultimo dal 1397 primo marchese Del Carretto di Zuccarello - divenne all'età di 24 anni la seconda moglie di Paolo Guinigi, signore di Lucca. Dal matrimonio nacquero i figli Ladislao e Ilaria Minor: il primo partecipò alla guerra del Finale del 1447-1448 mentre la secondogenita - con una dote di ventun mila fiorini - andò in sposa al figlio del doge di Genova Battista Fregoso. Secondo le cronache dell'epoca fu proprio durante il parto della figlia che Ilaria morì improvvisamente alla giovane età di venticinque anni. La sua tomba, opera marmorea dello scultore Jacopo Della Quercia di Siena, è custodita all'interno del duomo di Lucca[16]. A Zuccarello nel 2007 è stata posizionata una statua bronzea all'ingresso sud del borgo medievale.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo fu edificato dagli abitanti, che avrebbero poi costituito il paese, dal Natale del 1248 allo stesso periodo natalizio del 1249; in un antico documento storico si è potuto apprendere che un curioso patto sancì che chi non avesse terminato la propria residenza entro la data stabilita sarebbe stato bandito definitivamente dal nuovo borgo e multato di un'apposita somma a seconda della fascia di età.

L'urbanistica del centro storico si presenta ancora oggi nella sua originalità, un'unica via centrale con ai lati numerosi caruggi e portici con arcate e pilastri di diverse grandezze. Conserva inoltre numerosi resti di altre costruzioni difensive tra cui torri, mura e porte d'accesso. Di pregio artistico il ponte, risalente al Medioevo, a schiena d'asino tra i meglio conservati della Riviera di Ponente.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Basa la sua principale risorsa economica sull'attività agricola, specie nella coltivazione dell'olivo, della frutta (albicocche, pesche, ciliegie) e degli ortaggi.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Zuccarello è attraversato dalla strada provinciale 582 del Colle di San Bernardo che permette il collegamento stradale con Castelvecchio di Rocca Barbena, a nord, e Cisano sul Neva a sud.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1990 Bartolomeo Freccero Lista civica Sindaco
1990 1995 Bartolomeo Freccero Lista civica Sindaco
1995 1999 Bartolomeo Freccero Lista civica Sindaco
1999 2004 Bartolomeo Freccero Lista civica Sindaco
2004 12 ottobre 2004 Stefano Mai Lista civica di Centro-destra "Uniti per Zuccarello" Sindaco [17]
13 dicembre 2004 4 aprile 2005 Marco Di Giovanni Commissario straordinario [18]
2005 2010 Stefano Mai Lista civica di Centro-destra "Uniti per Zuccarello" Sindaco
2010 in carica Stefano Mai Lista civica di Centro-destra "Uniti per Zuccarello" Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dati Istat al 31-12-2011
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Fonte dallo statuto comunale di Zuccarello. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Fonte dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Artistiche. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  6. ^ a b c d e f g h i j k Fonte dal sito istituzionale del Comune di Zuccarello-Storia. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  7. ^ a b c d e f g Fonte dal sito Treccani.it. URL consultato il 21 febbraio 2014.
  8. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  9. ^ Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010
  10. ^ Fonte sulla soppressione delle comunità montane
  11. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  12. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  13. ^ ISTAT, cittadini stranieri al 31 dicembre 2011. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  14. ^ Fonte dal sito Ambiente in Liguria
  15. ^ Fonte dal sito de I borghi più belli d'Italia
  16. ^ Nel 2009 il sindaco di Zuccarello chiese il trasferimento del monumento funebre di Ilaria da Lucca a Zuccarello, richiesta che è stata respinta ma con la possibilità di farne eventualmente una copia per il borgo zuccarellese
  17. ^ Dopo il voto favorevole alla mozione di sfiducia presentata da otto consiglieri la giunta cade per la mancanza del numero legale
  18. ^ Nominato con Decreto del Presidente della Repubblica del 13 dicembre 2004 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 304 del 29 dicembre 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria