Tower Bridge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tower Bridge
London 2010 Tower Bridge.jpg
Stato Regno Unito Regno Unito
Città Londra
Attraversa Tamigi
Coordinate 51°30′20″N 0°04′32″W / 51.505556°N 0.075556°W51.505556; -0.075556Coordinate: 51°30′20″N 0°04′32″W / 51.505556°N 0.075556°W51.505556; -0.075556
Mappa di localizzazione: Londra
Tipo ponte mobile
Materiale composito
Lunghezza 244 m
Progettisti Horace Jones
John Wolfe Barry
Costruzione 1886-1894
 

Il Tower Bridge è un ponte mobile di Londra situato sul fiume Tamigi. Il suo nome (che significa letteralmente "Ponte della Torre") deriva dal fatto che collega il distretto di Southwark alla Torre di Londra, un'antica costruzione in cui venivano rinchiusi e giustiziati i prigionieri.

Il Tower Bridge è un ponte piuttosto recente (la costruzione iniziò nel 1886 e fu completata solo nel 1894) che grazie a moderne tecnologie riesce ad aprirsi in soli 90 secondi (un minuto e mezzo) per lasciar passare le navi fino al ponte adiacente, il London Bridge. Si tratta di un ponte costituito da due torri che sono collegate in cima da due passerelle luminose che hanno la funzione di aiutare la struttura nel suo insieme a resistere alla forte sollecitazione dovuta alle forze orizzontali causate dal sollevamento del ponte. I perni che consentono il movimento rapido e preciso del ponte si trovano in ognuna delle due torri, ciascuna è adatta a far sollevare una parte del ponte.

Specialmente nella seconda metà del XX secolo il Tower Bridge ha cominciato a riscuotere un successo internazionale, diventando uno dei principali simboli di Londra, preceduto soltanto dal Big Ben e affiancato da Trafalgar Square e dal London Eye. Proprio per la sua notorietà, spesso nel linguaggio comune si tende a confonderlo con il London Bridge (che invece è un ponte a sé stante, alla sua sinistra), sebbene le due strutture abbiano storie e architettura differenti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preambolo[modifica | modifica wikitesto]

Progetto del Tower Bridge

Il progetto di edificazione di un ponte apribile, ultimo elemento architettonico fra Londra e il mare (escluse le chiuse del Tamigi), cominciò nel 1886 quando l'intensificazione e lo sviluppo del traffico sia terrestre che fluviale rese necessaria la realizzazione di un ulteriore ponte che affiancasse il London Bridge. Furono in parecchi ad avanzare ipotesi sulla costruzione di un ponte fisso come gli altri, ma ciò avrebbe comportato l'isolamento delle navi più grandi dal centro di scambi fra il London Bridge e la Torre di Londra.

Circa dieci anni prima, nel 1876, fu istituita una commissione con il nome di Special Bridge or Subway Committee allo scopo di trovare una soluzione di comune accordo. Alla fine, dopo una riunione presieduta da Albert Joseph Altman, si decise di dare a un qualunque architetto la possibilità di progettare un ponte adatto a risolvere il problema. Nonostante fossero stati inviati oltre 50 bozzetti, la commissione non si decise fino al 1884 quando approvò il progetto di Horace Jones, che tra l'altro era pure uno dei giudici nonché Architetto della Città[1]. Il suo apprendista e ingegnere sir John Wolfe Barry ebbe l'interessante idea di far sostenere a due torri il peso del ponte una volta aperta e di fornire un ulteriore sostegno con dei perni al di sotto di esse. A Jones piacque molto quest'ultima deviazione dal progetto originale e così poterono entrambi dare inizio ai preparativi.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte in costruzione nel 1892

Alcuni registri dell'epoca tramandano che la prima pietra fu posata in data 21 giugno 1886[2] dal Principe di Galles (il futuro re Edoardo VII). Per la realizzazione della struttura furono impiegati quasi otto anni e il lavoro di 432 operai. E. W. Cruttwell fu l'ingegnere che seguì l'operazione sul campo.[3]

Due massicci pilastri, il cui interno racchiude più di 70 000 tonnellate di cemento, vennero spinti giù nel letto del fiume per permettere la costruzione della struttura. Per il rivestimento delle torri e delle passerelle sono servite circa 11 000 tonnellate di acciaio.[2] Il rivestimento è stato poi coperto con granito della Cornovaglia e pietra di Portland, questo sia per proteggere la struttura in acciaio sottostante, sia per dare al ponte nel complesso un aspetto più gradevole.

Il signor Jones morì nel 1887 e il suo successore, nonché colui che mandò avanti il progetto, fu George D. Stevenson. Stevenson sostituì la facciata in mattoni voluta da Jones con uno stile gotico-vittoriano più ornato, caratteristica che ha reso il Tower Bridge un distinto punto di riferimento, armonizzandolo tra l'altro con lo stile della vicina Torre di Londra.[3] Questo rifacimento costò circa £1'184'000[3] (£100 milioni corrispettivi del 1889).[4]

Apertura[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte venne ultimato agli inizi del giugno 1894 e la sua apertura al pubblico risale al 30 dello stesso mese, con l'apertura ufficiale da parte del Principe di Galles Edoardo VI e la moglie Alessandra di Danimarca.[5] Il ponte collegava l'Iron Gate, sulla riva settentrionale del fiume, con Horselydown Lane a sud, uno sbocco oggi noto con i nomi Tower Bridge e Tower Bridge Road.[3] Fino a prima dell'apertura di questo ponte mobile, Tower Subway - 400 metri circa ad ovest - era la maniera più breve per attraversare il ponte da Tower Hill fino al distretto di Southwark. Aperto nel 1870-1871, Tower Subway era la prima ferrovia sotterranea al mondo, ma fu chiusa dopo soli tre mesi di servizio e riaprì in seguito dopo una ristrutturazione che la rese un sottopassaggio pedonale. Con l'inaugurazione del Tower Bridge, in meno di un anno la maggior parte degli utenti di Tower Subway preferì spostarsi di qua e di là dal fiume adoperando le corsie sul ponte in superficie, anche perché non c'era bisogno di pagare un pedaggio per usufruirne. Avendo perso quasi tutti gli introiti, il tunnel sotterraneo fu chiuso nel 1898 lasciando il posto al Tower Bridge.[6]

Vista a volo d'uccello del ponte.

Il Tower Bridge è oggi uno dei cinque ponti della capitale inglese passato sotto la proprietà e gestione della City Bridge Trust, un'associazione di beneficenza. Questo è l'unico dei ponti sotto la supervisione della CBT a non collegare la City alla riva di Southwark, dato che il ponte ha un'estremità posta sul distretto di Tower Hamlets.

Quest'opera di ingegneria vittoriana divenne in breve uno dei simboli della capitale britannica. Le sue torri, con le guglie e le passerelle di collegamento, sostengono il meccanismo che solleva il ponte durante il passaggio di grandi navi e in occasioni speciali.

Il ponte ospita The Tower Bridge Exhibition, un museo che ne illustra la storia attraverso percorsi interattivi; si può vedere da vicino anche il motore a vapore che costituì la fonte di energia del meccanismo fino al 1976, quando il sistema venne elettrificato. Il passaggio coperto, aperto al pubblico, offre una notevole vista sul fiume Tamigi.

Quando fu eretto, il ponte era alto 40 m e largo 60. Nel suo periodo di massimo splendore veniva aperto fino a cinque volte al giorno.

Ci sono quasi 300 gradini per raggiungere la cima delle torri anche se vi si può giungere per mezzo di un ascensore.

Il progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte visto da City Hall

Il ponte è lungo circa 244 m (800 piedi) con due torri ciascuna di altezza pari a 65 m (213 piedi), costruite su dei pilastri. Il meccanismo che rende possibile il sollevamento del ponte fa in modo che le due piattaforme si aprano a formare un angolo di 83° per consentire al traffico fluviale di oltrepassare il ponte.

Le due campate laterali sono dei veri e propri ponti sospesi, ciascuna lunga 82 metri (270 piedi), con le aste di sospensione ancorate in parte ai pilastri e in parte collocate in punti strategici uniti alle passerelle superiori al ponte. Tali percorsi pedonali raggiungono i 44 metri (143 piedi) di altezza dal livello del fiume quando c'è l'alta marea.[3]

Sistema idraulico[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei motori a vapore originali

L'originale meccanismo di sollevamento era reso possibile grazie ai condotti attraverso cui scorreva acqua pressurizzata, conservata all'interno di capienti accumulatori idraulici[7]. Il sistema fu progettato e in seguito installato dalla Hamilton Owen Rendel[8] (sorta intorno al 1843) mentre era alle dipendenze della Sir W. G. Armstrong Mitchell & Company, con sede a Newcastle upon Tyne. L'acqua che attraversava i condotti era pompata dagli accumulatori idraulici grazie alla forza provvista dai motori a vapore.

Nel lontano 1974, il precedente e ormai antico sistema originale è stato sostituito con uno a conduzione elettro-idraulica. Gli unici componenti della struttura originale sono i pignoni finali, grazie al cui esercizio delle cremagliere rendono possibile il sollevamento del ponte. Tali strumenti sono azionati da ingranaggi e motori moderni, mediante l'utilizzo di olio piuttosto che acqua come fluido idraulico[9]. Una parte dei macchinari originali è stata mantenuta o migliorata per restare al passo coi tempi, ma non viene più usata. Questa sezione è aperta al pubblico, che ne è molto attratto, e costituisce una delle colonne portanti del museo all'interno del Tower Bridge, che include i motori a vapore, due degli accumulatori idraulici e soltanto uno dei motori originali sopravvissuti che dava la spinta al ponte. Anche tantissimi artefatti correlati sono esposti nel museo.

Terzo motore a vapore[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo della seconda Guerra Mondiale, in veste di precauzione contro eventuali attacchi dei nemici agli altri due motori, un terzo motore venne installato nel 1942, prodotto dalla Vickers Armstrong Ltd nella sede di Newcastle upon Tyne.[10]

Controlli generali[modifica | modifica wikitesto]

Il Tower Bridge si apre
Tower Bridge,London Getting Opened 1.jpg
Tower Bridge,London Getting Opened 2.jpg
Tower Bridge,London Getting Opened 3.jpg
Tower Bridge,London Getting Opened 4.jpg
Tower Bridge,London Getting Opened 5.jpg
Tower Bridge,London Getting Opened 6.jpg
The Tower Bridge, London completely opened.jpg

Per gestire il traffico fluviale al di sotto del ponte, vennero adoperati un certo numero di regole e segnali. Un primo controllo giornaliero consisteva nelle luci dei semafori, di colore verde o rosso per indicare il libero passaggio o meno, installati su delle cabine ad entrambe le estremità del ponte, lungo la zona dei perni di sostegno. Due luci rosse segnalavano l'indisponibilità al passaggio; al contrario, le due luci verdi preannunciavano il "via libera". In caso il maltempo, come spesso accade nelle città inglesi colpite dalla foschia, qualche addetto suonava un gong se i semafori erano scarsamente visibili.[3]

Anche le navi che passavano al di sotto del ponte dovevano avvisare il loro arrivo con dei segnali. Nelle ore di luce, i marinai o i comandanti della ciurma dovevano occuparsi di appendere in alto all'imbarcazione una palla nera delle dimensioni di poco più di mezzo metro (2 ft); nelle ore notturne, invece, due grandi luci rosse dovevano essere esposte nel medesimo punto. Nel caso in cui il tempo avesse impedito scrutare i segnali sia della nave che del ponte, il capo del ponte richiedeva che la nave lanciasse segnali di avvertimento con dei fischi di vapore.[3]

Talvolta, se due palle nere (oppure due enormi luci rosse) erano appese al centro di entrambe le passerelle, i naviganti capivano che il ponte non poteva essere aperto per una qualche ragione, spesso l'assenza di personale nelle ore tarde. Segnali simili erano ripetuti a Cherry Garden Pier, dove le barche che necessitavano di passare attraverso il ponte dovevano issare le loro segnaletiche in alto per avvisare l'immediata apertura del ponte o venire a conoscenza dell'impraticabilità del passaggio.[3]

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

London Thames Sunset panorama - Feb 2008.jpg
Ingrandisci
Il Tower Bridge al crepuscolo

Stradale[modifica | modifica wikitesto]

Il Tower Bridge resta ancora oggi una delle arterie principali della capitale londinese. Secondo una recente statistica, è stato calcolato che ogni giorno il ponte è attraversato da circa 40'000 persone.[11]

Data la frequenza con cui tale ponte è sfruttato dai londinesi e dai turisti, il governo londinese ha deciso di porre delle rigide limitazioni al fine di preservare l'integrità di tutta la struttura. È così che non si può violare il limite dei 32 km orari a bordo di un veicolo (20 miglia orarie) ed è vietato attraversare con un mezzo pesante più di 18 tonnellate. I sistemi di sicurezza (ovvero delle telecamere) consentono di monitorare la velocità del traffico e di spedire delle multe ai trasgressori dei limiti grazie ad un sofisticato sistema di riconoscimento delle targhe dei veicoli. Dei sensori sparsi lungo il ponte servono a calcolare alla buona il peso dei mezzi[12].

Fluviale[modifica | modifica wikitesto]

È stato stimato[2] che il ponte si sollevi all'incirca 1000 volte all'anno[13], anche se negli ultimi tempi il traffico fluviale si è notevolmente ridotto. Si è anche diffusa la voce che si è fortunati a vedere il Tower Bridge aperto.

Nel 2000 vennero installati diversi sistemi all'avanguardia per far sollevare il ponte mobile anche a distanza. Tuttavia, questo metodo si è rivelato piuttosto inaffidabile, poiché il segnale poteva essere facilmente disturbato o messo alla prova dal maltempo, causando chiusure o aperture incomplete, come accaduto nel 2005. Questi sistemi sono stati poi rimpiazzati.[11]

Il rifacimento tra il 2008 e il 2012[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di aprile del 2008 venne annunciato che il Tower Bridge avrebbe subito un rifacimento dal costo di circa 4 milioni di sterline[14], richiedendo all'incirca quattro anni per essere ultimato. Questo lavoro ha comportato la rimozione della precedente vernice, a tratti scomparsa o visibilmente corrosa, per una nuova tintura con i colori blu e bianco. Mano a mano che si procedeva con la nuova mano di vernice, ogni sezione veniva munita di impalcature e teli in plastica al fine di ridurre la quantità di vernice che cadeva nel fiume(talvolta a causa del vento) e che avrebbe potuto inquinare le acque.

Gli interni delle passerelle

metà del 2008 le imprese hanno lavorato su un quarto del ponte per minimizzare i disagi agli utenti e al turismo, ma inevitabilmente alcune strade hanno dovuto restare chiuse per un po'. Grazie alle moderne tecniche di conservazione, si stima che la vernice nuova resisterà all'azione corrosiva degli agenti atmosferici per almeno venticinque anni.[14]

Il rinnovamento degli interni delle passerelle sopraelevate è stato completato con successo nel giugno del 2009. Dentro di esse, oltre ai lavori di manutenzione, è stato aggiunto un nuovo sistema di illuminazione progettato da Eleni Shiarlis; questa nuova rete di illuminazione viene attivata soltanto se il Tower Bridge ospita una mostra o un evento in particolare.

Incomprensioni e leggende[modifica | modifica wikitesto]

Nel linguaggio comune italiano (e non solo) si tende ad identificare come Ponte di Londra il Tower Bridge. A dire la verità, a Londra esiste un ponte con quel nome, il London Bridge[15], di struttura diversa e collocato alla sinistra dell'altro ponte.

A Londra è molto diffusa una leggenda metropolitana secondo cui Robert McCulloch, nel lontano 1968, avrebbe acquistato una replica del London Bridge (trasferito in seguito a Lake Havasu City, in Arizona) credendo in realtà di portare a termine un affare sul Tower Bridge. Ad ogni modo, lo stesso McCulloch ha smentito questa voce di corridoio e il signor Ivan Luckin, il venditore, si sarebbe addirittura prodigato nello smentirla[16].

Giochi Olimpici di Londra 2012[modifica | modifica wikitesto]

Il Tower Bridge durante la Cerimonia d'Apertura
Il Tower Bridge durante la Cerimonia d'Apertura
Il Tower Bridge con il simbolo delle Paralimpiadi
Il Tower Bridge con il simbolo delle Paralimpiadi

Nel giugno del 2012, in occasione della ricorrenza dei Giochi Olimpici a Londra, sono stati appesi al centro delle passerelle sovrastanti il ponte i cerchi olimpici, simbolo dei giochi. Il loro scopo era quello di segnalare la mancanza di un solo mese alla cerimonia di apertura. Gli anelli hanno avuto un costo di realizzazione di quasi 260 milioni di sterline, misurano 25 x 12 metri e pesano all'incirca 13 tonnellate.[17] Al termine delle Olimpiadi, i cerchi sono stati sostituiti con l'emblema delle Paralimpiadi.[18]

In data 9 giugno 2012 un AgustaWestland AW139 è volato tre volte presso il Tower Bridge mentre veniva ripreso da un secondo elicottero. La sequenza è servita poi come segmento iniziale del video andato in onda all'inizio della Cerimonia d'Apertura dei Giochi Olimpici, una sequenza dal titolo Happy and Glorious[19] in cui si vedono Daniel Craig nei panni di James Bond e la Regina d'Inghilterra (impersonata da un sosia durante il volo in paracadute sopra l'Olympic Stadium).

Tra il 9 e il 10 giugno dello stesso anno sono state fatte diverse riprese per alcuni frammenti del video andato in onda in mondovisione durante la cerimonia d'apertura. Il noto calciatore inglese David Beckham[20] alla guida di un BLADERUNNER BR RIB35X[21] ha portato la torcia olimpica verso l'Olympic Stadium passando al di sotto del Tower Bridge aperto.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Uno Short Sunderland ormeggiato al Tower Bridge per la commemorazione della Battle of Britain

Nel 1952 il ponte mobile cominciò a sollevarsi quando un autobus a due piani (in inglese double-decker) lo stava attraversando dopo aver lasciato indietro la riva sud del Tamigi. In quel periodo, l'addetto al controllo del ponte era solito suonare un campanello non appena il ponte era sgombro per poter dare il via libera per il sollevamento. Quel giorno, qualcosa andò storto in tale procedura e mentre la parte sud si stava sollevando, l'autobus rimase in bilico sul ciglio rischiando pericolosamente di cadere. L'autista, il signor Alber Gunter (forse Gunton, non si sa con certezza), con la mente fredda decise senza troppi indugi di premere con forza l'acceleratore riuscendo a balzare dal lato opposto del ponte, che non aveva ancora raggiunto lo stesso livello dell'altro. Fortunatamente, non ci sono state conseguenze gravi e l'autobus ha potuto continuare la sua corsa.[22][23]

L'incidente noto al pubblico britannico come «The Hawker Hunter Tower Bridge Incident» risale al 5 aprile 1968 quando il pilota di un velivolo della Royal Air Force targato Hawker Hunter FGA-9, volò intorno al Tower Bridge più volte per festeggiare il cinquantesimo anniversario dalla fondazione della RAF. Il pilota, il signor Alan Pollock, decise di dare un'esibizione a modo suo e così, senza alcuna autorizzazione, si distaccò dal gruppo ed effettuò delle manovre a bassa quota, sfiorando il Tamigi, oltrepassando le Houses of Parliament e arrivando dritto al Tower Bridge. Qui riprese lentamente quota fino alla mancata collisione con le passerelle sopraelevate del ponte. Mentre compiva quest'ultimo passo, Pollock col senno di poi comprese la gravità dell'accaduto. All'atterraggio l'uomo venne immediatamente arrestato e, entro pochi giorni, sollevato dal suo incarico con anche l'impossibilità di fare nuovamente domanda per entrare nella RAF e difendersi dai provvedimenti della Corte Marziale.[24][25]

Nell'estate del 1973 un monomotore Beagle Pup volò per ben due volte sotto la passerella pedonale del Tower Bridge, guidato dal ventinovenne Paul Martin. Con il velivolo passò attraverso diversi edifici prima di schiantarsi nel Lake District circa due ore più tardi.[26]

Nel maggio del 1997, il corteo del Presidente degli Stati Uniti d'America Bill Clinton, in visita a Londra[27], fu diviso dall'apertura del ponte. La chiatta a vela Gladys che stava navigando lungo il Tamigi, mentre si stava recando ad una riunione a St Katharine Docks, arrivò nei tempi previsti e il ponte fu regolarmente aperto per lei. Di ritorno da un pranzo nel ristorante Le Pont de la Tour, lungo la riva del fiume, insieme al Primo Ministro Tony Blair, il Presidente Clinton non fu puntuale e giunse al ponte nell'esatto momento in cui iniziò la procedura di sollevamento. L'apertura inaspettata del ponte in pochissimi istanti divise in due il corteo, con grande costernazione da parte del personale addetto alla sicurezza. Un portavoce del Tower Bridge viene spesso citato con la sua frase: «Abbiamo più volte cercato di contattare l'Ambasciata americana, ma non s'interessavano di rispondere al telefono».[28]

In data 19 agosto 1999 Jef Smith, un cittadino onorario della città di Londra, ha fatto attraversare il ponte ad un gregge di due pecore. A suo dire stava esercitando un vecchio diritto, concesso solo ai cittadini onorari, ovvero quello di valorizzare i vecchi poteri e diritti dei cittadini più anziani, poteri che a lungo andare sono stati erosi o sminuiti dal progresso.[29]

Pochi minuti prima dell'alba, in data 31 ottobre 2003, David Crick, un attivista del movimento britannico Fathers 4 Justice, si arrampicò sulla torre di una gru alta quasi 30 metri (100 piedi) vicino al Tower Bridge come inizio di un periodo di sei giorni durante il quale aveva intenzione di protestare e diffondere la sua causa vestito con un costume da Spider-Man.[30] Temendo per la sua sicurezza e quella degli automobilisti nelle vicinanze della gru ora in mano del signor Crick, la polizia decise che la soluzione migliore doveva essere quella di chiudere il Tower Bridge al traffico, causando così un imbottigliamento incredibile nella City e nell'area orientale di Londra. La gru serviva per i lavori di costruzione di una torre chiamata "K2" e la cui ditta imprenditoriale era la Taylor Woodrow Construction Ltd., ancora parzialmente impegnata della progettazione dell'edificio. La Metropolitan Police è stata poi a lungo criticata per la sua scelta di tenere chiuso il ponte per cinque giorni[31], con i cittadini che sostenevano l'inutilità di tale provvedimento.[32][33]

L'11 maggio del 2009 un gruppo composto da sei persone è rimasto coinvolto in un incidente. Un ascensore ha avuto dei problemi e il malfunzionamento ha provocato la caduta dell'impianto di circa 3 metri (10 ft) all'interno della torre a nord.[34][35]

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il Tower Bridge nel Parco in Miniatura di Lego, a Windsor

Una replica in miniatura del Tower Bridge si trova al parco Legoland di Windsor, in Inghilterra. La fedele ricostruzione con i noti mattoncini di plastica ricalca alla perfezione la struttura originale.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il Tower Bridge è apparso in diversi cortometraggi e lungometraggi. Più di recente è stata utilizzato come location per il film del 2009 Sherlock Holmes. Si può vedere inoltre in La mummia - Il ritorno. Elenco di altri film:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberts, Chris, "Cross River Traffic", Granta, 2005
  2. ^ a b c Feola, Carlo, "Londra, Cocktail Tour Guida", Shendene & Moizzi, luglio 1999
  3. ^ a b c d e f g h Tower Bridge in Archive – the Quarterly Journal for British Industrial and Transport History, nº 3, Lightmoor Press, 1994, pp. p47, ISSN 1352-7991.
  4. ^ UK CPI inflation numbers based on data available from Lawrence H. Officer (2010) "What Were the UK Earnings and Prices Then?", MeasuringWorth.
  5. ^ John Eade, Where Thames Smooth Waters Glide, Thames.me.uk, 22 luglio 1976. URL consultato il 18 agosto 2012.
  6. ^ Denis Smith, Civil Engineering Heritage: London and the Thames Valley, Thomas Telford, 2001, pp. 22–23, ISBN 0-7277-2876-8.
  7. ^ Bridge History, Towerbridge.org.uk, 1º febbraio 2003. URL consultato il 17 agosto 2012.
  8. ^ MR Lane, The Rendel Connection: a dynasty of engineers, Quiller press, London, 1989, ISBN 1-870948-01-7.
  9. ^ Geoffrey Hartwell, Tower Bridge, London. URL consultato il 27 febbraio 2007.
  10. ^ The Tower Bridge Engine, Forncett Industrial Steam Museum. URL consultato il 27 luglio 2012.
  11. ^ a b Fix to stop bridge getting stuck, BBC News, 17 gennaio 2006. URL consultato il 19 agosto 2012.
  12. ^ Speed Check Services, Bridge Protection Scheme (PDF). URL consultato l'11 luglio 2012.
  13. ^ Bridge Lifts, Tower Bridge Official Website. URL consultato il 20 agosto 2012.
  14. ^ a b Tower Bridge to get £4m facelift, BBC News, 7 aprile 2008. URL consultato il 18 agosto 2012.
  15. ^ Jason Cochran, Pauline Frommer, Pauline Frommer's London, Frommer's, 2007, p. 184, ISBN 978-0-470-05228-0. URL consultato il 9 luglio 2011.
  16. ^ How London Bridge was sold to the States (From This Is Local London), Thisislocallondon.co.uk. URL consultato il 13 giugno 2012.
  17. ^ Olympics rings Tower over London, Mail Online, visitato in data 11 agosto 2012.
  18. ^ London 2012: let the Paralympics preparations begin, The Guardian. URL consultato il 18 agosto 2012.
  19. ^ Extraordinary moment two helicopters dived dramatically low under Tower Bridge to film Bond themed sequence for Olympic opening ceremony, Mail Online, 10 giugno 2012.
  20. ^ Olympics 2012: David Beckham brings Torch on speedboat, BBC News, visitato il 31 luglio 2012.
  21. ^ Dettagli della barca olimpica di David Beckham, Motorboats Monthly, consultato in data 10 agosto 2012.
  22. ^ Tower Bridge, London, UK, www.bbc.co.uk. URL consultato l'11 agosto 2012.
  23. ^ The Jumping Bus, Time Magazine, 12 gennaio 1953. (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2012).
  24. ^ p.157, Shaw, Michael 'No.1 Squadron', Ian Allan 1986
  25. ^ Hawker Hunter History in (scroll down half-way), Thunder & Lightnings, 29 febbraio 2004. URL consultato il 21 agosto 2012.
  26. ^ Gives Suicide Plan To Crash Plane Into Tower Of London, Dies In Crash 240 Miles Away, Lundington Daily News (1 August 1973). URL consultato il 14 febbraio 2010.
  27. ^ Presidential visits abroad in (William J. Clinton III), US Department of State. URL consultato il 30 agosto 2012.
  28. ^ John Shore, Gladys takes the rise out of Bill, Regatta Online (Issue 100, July 1997). URL consultato il 30 agosto 2012.
  29. ^ Protest Freeman herds sheep over Tower Bridge, BBC News, 19 agosto 1999. URL consultato il 17 giugno 2012.
  30. ^ Spiderman protest closes Tower Bridge, BBC News, 31 ottobre 2003. URL consultato il 30 agosto 2012.
  31. ^ Tower Bridge Closure for 5 days ("Il ponte riapre")
  32. ^ Spiderman cordon criticised, BBC News, 3 novembre 2003. URL consultato il 30 agosto 2012.
  33. ^ 'Spiderman' cleared over protest, BBC News, 14 maggio 2004. URL consultato il 30 agosto 2012.
  34. ^ Six injured after Tower Bridge lift plummets 30ft, The Times, 11 May 2009.
  35. ^ Six injured in Tower Bridge lift, BBC News, 11 maggio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]