Piccadilly Circus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°30′36″N 0°08′04″W / 51.51°N 0.134444°W51.51; -0.134444

Piccadilly Circus nel 2004
(EN)
« Always, from the first time he went there to see Eros and the lights, that circus have a magnet for him, that circus represent life, that circus is the beginning and the ending of the world. »
(IT)
« Sempre, dalla prima volta che è andato a vedere Eros e le luci delle insegne, quella rotonda è stata un vero e proprio magnete per lui: quella rotonda rappresentava la vita, il principio e la fine del mondo. »
(Samuel Selvon, The Lonely Londoners)

Piccadilly Circus è una celebre piazza di Londra, nonché luogo di ritrovo, cuore morale della città, situata nella City of Westminster. Viene chiamata la "Times Square" di Londra.

Costruita nel 1819 per collegare Regent Street con l'omonima Piccadilly (importante strada dello shopping) è diventata col passare degli anni uno dei principali punti di snodo del traffico cittadino. La sua felice posizione, nel cuore del West End londinese, e la vicinanza con importanti luoghi di interesse come i teatri di Shaftesbury Avenue o strade come Coventry Street e The Haymarket ricchissime di negozi e locali alla moda, hanno reso Piccadilly Circus un affollato punto di ritrovo, nonché una vera e propria attrattiva turistica tanto da diventare uno dei simboli stessi di Londra.

Famosa per i display luminosi e le insegne a LED posizionate su di un edificio posto al lato settentrionale della stessa e per la celebre Shaftesbury Memorial Fountain che rappresenta “l'Angelo della Carità Cristiana” (ma realizzata da Alfred Gilbert come "Anteros" anche se è nota ai più col nome di "Eros"), la piazza è circondata da imponenti edifici quali il London Pavilion (sede di numerosi negozi e del Trocadero) ed il Criterion Theatre. Inoltre direttamente sotto il perimetro della piazza c’è l'omonima stazione della metropolitana di Londra.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Piccadilly Circus nel 1962

Ufficialmente Piccadilly Circus fu costruita nel 1819 per collegare con un incrocio circolare (da cui il nome "circus" che in inglese sta appunto ad indicare lo spazio aperto di forma circolare in prossimità di un incrocio) Regent Street con l'affollata via di traffico di Piccadilly. Già all'epoca le vie suddette erano infatti intasate da migliaia di persone che vi si riversavano per riempire i tanti negozi esistenti.

Singolare è l'origine del nome: a cavallo tra il 1500 ed il 1600 divennero molto di moda particolari tipi di colletti rigidi per indumenti definiti picadils. Un sarto di nome Robert Baker divenne particolarmente abile nella confezione e nella successiva vendita degli stessi, a tal punto che accumulò una immensa fortuna che gli consentì di comprare un terreno abbastanza distante da quello che all'epoca era il centro di Londra. Su questo terreno (costituito interamente da campagna) egli fece costruire nel 1626 una enorme casa conosciuta come "Piccadilly Hall" in luogo dell'odierna Piccadilly. La strada nel 1692 era nota come Portugal Street così chiamata in onore di Caterina di Braganza, regina consorte del re Carlo II d'Inghilterra. Ma già a partire dal 1743 era noto col nome di Piccadilly.

La costruzione di Piccadilly Circus fu eretta nel 1819 per decongestionare l'intenso traffico della zona ma in realtà la sua costruzione non fece altro che favorire l'interscambio tra le strade attigue. La sua originaria forma circolare si perse nel 1886 con la costruzione di Shaftesbury Avenue. Il 10 marzo 1906 fu aperta la stazione metropolitana di Piccadilly Circus sulla Bakerloo Line, pochi mesi dopo fu aperta anche sulla omonima Piccadilly Line. A causa dell'intenso traffico, nel 1928 furono necessari importanti lavori di ammodernamento ed ingrandimento che modificarono totalmente l'aspetto originario della stazione. La prima inserzione pubblicitaria luminosa risale al 1910.

La fontana centrale, chiamata Shaftesbury Memorial Fountain venne eretta nel 1893 per commemorare il filantropo Anthony Ashley Cooper, VII conte di Shaftesbury. La fontana è sovrastata da una statua che rappresenta l'«Angelo della Carità Cristiana» (in inglese The Angel of Christian Charity) meglio conosciuto come Eros (pur rappresentando in realtà Anteros. Il modello della statua fu Angelo Colarossi junior, originario di Picinisco, in provincia di Frosinone, garzone di bottega dello scultore Alfred Gilbert). Tranne che per un breve periodo coinciso con la seconda guerra mondiale quando fu rimosso per far posto ad allarmi anti-aerei prima e pubblicità propagandistiche poi, la statua è stata sempre lì a dominare la piazza. La fontana si trova oggi in una posizione diversa da quella originaria visto che è stata spostata durante i lavori di ammodernamento della piazza durati dal dopoguerra fino alla fine degli anni ottanta.

A causa della sua vicinanza col quartiere di Soho, Piccadilly Circus è stata da sempre un punto d'incontro per le varie comunità omosessuali londinesi, alla ricerca di prostituzione o più semplicemente di incontri occasionali. Questo è confermato dal fatto che quando il famoso sessuologo Alfred Kinsey visitò Londra per studiare i costumi sessuali degli inglesi affermò che non aveva mai visto tanta prostituzione come quella che c'era intorno a Piccadilly Circus, eccezion fatta per La Habana capitale di Cuba.

Display luminosi[modifica | modifica sorgente]

I famosissimi display LED pubblicitari di Piccadilly Circus nel 2007

I famosissimi display luminosi illuminano Piccadilly Circus sin dall'inizio del Novecento; oggi sono posizionate tutte su un solo edificio, senza nome ma soprannominato Monico a causa del Cafè Monico ivi ubicato, collocato all'angolo nordoccidentale tra Shaftesbury Avenue e Glasshouse Street.

Al 2014 numerose sono le aziende che sfruttano gli spazi e la popolarità offerti da Piccadilly Circus:

  • Coca-Cola logo.svg Coca-Cola è un landmark di Piccadilly Circus sin dal 1954. L'insegna attuale è datata settembre 2003, quando gli spazi precedentemente utilizzati da Nescafè vennero occupati da un display LED state-of-the-art che curva intorno l'edificio. Occasionalmente, gli spazi pubblicitari della Coca-Cola vengono anche utilizzati per mostrare informazioni circa eventuali ritardi o soppressioni delle varie linee della metropolitana di Londra.
  • Hyundai logo.jpg Il display Hyundai Motor Company è il più nuovo dei sei presenti, essendo stato installato il 29 settembre 2011. Ha sostituito l'insegna della Sanyo che occupava quegli spazi sin dal 1988 (con un piccolo restyling nel 2004): da non dimenticare il fatto che la società giapponese di elettronica è stata l'ultima a sfruttare la tecnologia dei neon per le proprie insegne, preferendola agli schermi LED scelti dalla Hyundai.
  • Logo TDK.png TDK si è inserito nel contesto di Piccadilly Circus nel 1990, occupando un display già sfruttato dalla Schweppes (1920-61), BP (1961–7), Cinzano (1967–78), Fujifilm (1978–86) e Kodak (1986–90).
  • McDonald's Golden Arches.svg McDonald's ha aggiunto la propria insegna nel 1987, sostituendo quella della BASF. Il cartello ha subito numerosi restyling: il primo, nel 2001, atto alla conversione dal neon al LED; il secondo, nel 2008, che ha visto l'installazione di uno schermo più grande e luminoso.
  • Samsung Logo.svg L'inserzione pubblicitaria della Samsung è datata 1994, data in cui il colosso coreano dell'elettronica ha deciso di porre la propria effigie su alcuni spazi già sfruttati dalla Canon (1978–84) e dalla Panasonic (1984–94). Analogamente a quanto avvenuto con il display del McDonald's, anche questo ha conosciuto due restyling: uno nel 2005 per la conversione da neon a LED, e uno nel 2011 per migliorie e aggiornamenti vari.
  • Sotto questi ultimi due schermi ce n'è uno che non è stato ancora affittato.
  • LGlogo.png Anche LG ha le proprie insegne luminose a Piccadilly Circus, sul tetto della Coventry House.

In occasioni speciali i cartelloni pubblicitari vengono spente: ciò è avvenuto in seguito alle morti di Winston Churchill nel 1965 e della principessa Diana nel 1997.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Londra Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra