Carnaby Street

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°30′48″N 0°08′20″W / 51.513333°N 0.138889°W51.513333; -0.138889

bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sul cartone animato Carnaby Street, vedi Carnaby Street (serie animata).
Carnaby Street

Carnaby Street è una via di Londra, nel quartiere di Soho, vicino a Oxford Street, e appena ad est di Regent Street. Descritta da Charles Dickens come zona malfamata in Nicholas Nickleby, divenne inizialmente popolare tra i seguaci dello stile Mod negli anni sessanta, dopo che nel 1958 John Stephen, un giovane stilista gallese, aprì il primo negozio di abbigliamento, con l'intuizione di dare, per la prima volta nella storia della moda, la stessa importanza e lo stesso potenziale economico all'abbigliamento sia femminile che maschile.

Nel 1966 la rivista statunitense Time pubblicò un primo servizio sulla Swinging London e cominciarono ad affluirvi centinaia di migliaia di turisti. Nello stesso anno, tre film si ispirarono allo stile di Carnaby Street rendendola ancora più popolare: Alfie, Modesty Blaise, la bellissima che uccide e Blow-Up. All'epoca vi si trovavano molti negozi di musica indipendente, boutique di moda, e stilisti come Mary Quant.

Oggi Carnaby Street è diventata meno alternativa, con negozi di grandi catene e ristoranti, e pochi negozietti indipendenti, ed è popolare tra i giovani e i turisti per lo shopping. Gli unici due pub, Firkin e The Shakespeare's Head, sono entrambi nell'estremità nord della strada, vicino a Great Marlborough Street. Dal 1999 alla chiusura per bancarotta nel maggio 2000, Carnaby Street fu anche l'indirizzo della società di vendita di capi di alta moda boo.com.

Tra i vicini luoghi di interesse troviamo Broadwick Street, dove si può ancora vedere la pompa dell'acqua che venne sigillata da John Snow, per fermare un'epidemia di colera nel 1854; Regent Street; e Golden Square appena a sud, che durante l'estate si riempie di impiegati che cercano di prendere un po' di sole. Solo pochi secoli prima Golden Square venne usata come fossa comune durante la peste nera.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Dal Seicento all'Ottocento[modifica | modifica wikitesto]

Carnaby Street deve il proprio nome alla Karnaby House, ubicata alla sua estremità orientale ed eretta nel 1683; non ci è dato sapere, tuttavia, la ragione per cui l'edificio si chiamava così.

La strada venne invece costruita nel 1685 o nel 1686. Vi sono stati numerosi interventi che hanno cambiato il suo volto: uno nel 1690 (quando fu completamente ricostruita) e uno due secoli dopo, grazie al quale venne presumibilmente edificato un mercato.[1]

XX secolo: la Swinging London[modifica | modifica wikitesto]

Left alt text Center alt text
Swinging London a Carnaby Street, 1966
Struscio a Carnaby Street nel 1968
La strada nel 1968

La prima boutique nella strada apparve nel 1958, quando aprirono i battenti His Clothes di John Stephen, seguito poi da I Was Lord Kitchener's Valet, Kleptomania, Mates, Ravel, ed altri ancora.

Ma fu negli anni sessanta che la strada iniziò a diventare popolare. Il noto quotidiano britannico The Times, infatti, redasse il 15 aprile 1966 che parlava della Swinging London. L'epicentro di questa dinamica culturale era proprio Carnaby Street, che cominciò ad essere frequentata da numerosissimi giovani e anche da nascenti band, come gli Small Faces, i The Who, ws i Rolling Stones, che ivi avevano stabilito la propria base per lavorare.

L'atmosfera che si respirava nella Carnaby Street di allora è ben descritta nella seguente citazione:[2]

(EN)
« Perhaps nothing illustrates the new swinging London better than narrow, three-block-long Carnaby Street, which is crammed with a cluster of the 'gear' boutiques where the girls and boys buy each other clothing... »
(IT)
« Forse niente illustra la swinging London meglio della stretta e corta Carnaby Street, piena zeppa di boutiques dove le ragazze e i ragazzi comprano il proprio abbigliamento ... »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Benjamin Disraeli (1845), Sybil, capitolo 1. Disraeli parla qui di un:
    (EN)
    « a carcase-butcher famous in Carnaby-market »
    (IT)
    « ... un macellaio molto noto nel mercato di Carnaby »
  2. ^ Great Britain: You Can Walk Across It On the Grass, The Times, 15 aprile 1966.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Londra Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra