Shopping

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shopping è un termine inglese entrato nel vocabolario italiano per definire il "girare da un negozio all'altro per effettuare acquisti"[1].

La parola inglese shopping è il gerundio del verbo to shop.

Lo shopping è considerato un'attività ricreazionale di natura psicologica[senza fonte].

Esso prevede prima la scelta e poi l'acquisto del bene che ci interessa. È utile a molte persone per distrarsi dal lavoro quotidiano o per in qualche modo, rallegrarsi.

Window shopping è un modo di dire inglese per indicare il guardare le vetrine dei negozi per immaginare o valutare l'acquisto di un bene senza necessariamente doverlo comperare.

Si utilizza anche l'espressione shopping online per definire l'acquisto tramite siti internet di e-commerce.

Shop til you drop[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente negli Stati Uniti viene promossa la moda dello "shop til you drop" (letteralmente: "comperare fino allo sfinimento"), specialmente nelle festività come Natale.

Signora americana intenta a "comprare fino allo sfinimento" in un centro commerciale statunitense

Del resto vi sono molti club negli USA che promuovono competenze tra i soci (specialmente casalinghe) con premi, allo scopo di aumentare al massimo le vendite e favorire l'economia di mercato statunitense[senza fonte].

Uno dei più popolari programmi televisivi americani degli anni novanta ha proprio questo titolo.[2]

Prezzi al dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Il prezzo di vendita fissato dai dettaglianti è determinato dal prezzo di acquisto aumentato di una determinata percentuale che deve coprire le spese generali ed il proprio guadagno. Un'altra tecnica comune è quella di adottare il prezzo suggerito dal produttore del bene che rende così standard il costo del prodotto in tutti i negozi che lo vendono.

Nei paesi occidentali è invalsa l'abitudine di usare il prezzo limite. Ovvero si espone un prezzo di € 59,95 per un prodotto che in definitiva ne costa € 60,00. Questa è una tecnica che tutti conoscono ma che, al di là della differenza insignificante, riesce ad attrarre l'interesse dell'acquirente per un'azione sul suo subconscio.

Mentre nei paesi occidentali vige il sistema del prezzo fisso uguale per tutti, nei paesi orientali e particolarmente del medio oriente, si usa la tecnica di fare il prezzo in funzione di quella che è la valutazione del cliente, in base all'osservazione del venditore. Se questo ritiene che il cliente possa spendere con facilità, sia molto interessato all'acquisto o non conosca il valore reale dell'oggetto, richiede spesso un prezzo maggiore del valore della merce. In questo caso può avvenire una contrattazione fra le parti e chi tra le due è più abile nel trattare può realizzare un buon affare.

Per gli economisti questa operazione può portare ad una mediazione del vantaggio fra le due parti interessate al commercio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Sabatini e Vittorio Coletti, Scheda sul vocabolo "shopping" in Il Sabatini Coletti - Dizionario della Lingua Italiana, Corriere della Sera, 2011, ISBN 88-09-21007-7.
  2. ^ La serie tv "Shop-til-you-drop"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia