Street Fighter (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Street Fighter (ストリートファイター in giapponese) è una popolare serie di videogiochi nella quale i personaggi controllabili combattono in giro per il mondo, ognuno con le proprie mosse speciali, l'uno contro l'altro (picchiaduro ad incontri). Il primo gioco della serie è stato pubblicato da Capcom nel 1987.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Street Fighter (1987)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Street Fighter.

Il primo Street Fighter uscì nel 1987. Possedeva un nuovo sistema di controllo con joystick e due grossi bottoni; premendone uno, si determinava la potenza con la quale sferrare un pugno o un calcio: ogni colpo disponeva di tre varianti di forza. A causa dell'abitudine di alcuni giocatori di premere i bottoni con troppa forza (danneggiando i controlli), il sistema è stato modificato con pulsanti tradizionali, creando la configurazione a 6 pulsanti (six button layout) che divenne lo standard per tutti i giochi della serie Street Fighter. Il gioco introdusse inoltre le mosse speciali Hadoken, Shouryuken ed il Tatsumaki Senpu Kyaku. Nel gioco, solo Ryu e Ken Masters sono personaggi giocabili, e dieci erano i nemici da battere, ognuno con la sua nazionalità:

Serie Street Fighter II[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Street Fighter II.

Il gioco Street Fighter II ebbe un successo planetario.

I giocatori erano in grado di selezionare un maggior numero di personaggi, come ad esempio Chun-Li ed E. Honda.

Il successo di questo gioco ha portato alla nascita di un gran numero di versioni (Super Street Fighter II, Super Street Fighter II Turbo, ecc.), alcune anche dovute ad "hack" non ufficiali, che aggiungevano personaggi, mosse speciali e velocità di combattimento.

Solo diversi anni dopo venne sviluppato un seguito che non utilizzasse la dicitura "II".

Serie Street Fighter Alpha[modifica | modifica wikitesto]

La serie Street Fighter Alpha (conosciuta anche come Street Fighter Zero in varie parti dell'Asia) racconta i fatti accaduti dopo gli avvenimenti di Street Fighter I e prima di quelli di Street Fighter II. Si differenzia dagli altri capitoli per uno stile di disegno manga.

Street Fighter Alpha 3 è l'ultimo prequel prima di SF2. In questa versione sono presenti tutti i personaggi presenti nelle precedenti versioni compresi quelli segreti del primo Alpha, più tutti i personaggi presenti di Super Street Fighter II con i nomi della versione europea. È stata inserita la modalità world tour, un giro del mondo per perfezionare il personaggio scelto dal giocatore.

Capcom ha pubblicato Street Fighter Alpha Anthology (Street Fighter Zero: Fighters' Generation in Giappone), che include SFA, SFA2, SFA2 Gold, SFA3, e Super Gem Fighter Mini Mix, uscito il 13 giugno 2006 solo per PlayStation 2.

Serie Street Fighter III[modifica | modifica wikitesto]

In questa serie il protagonista è Alex. Nel primo di questi giochi gli unici due personaggi provenienti dai capitoli precedenti sono Ken e Ryu.

Serie Street Fighter EX[modifica | modifica wikitesto]

Questa serie si discosta dalle altre perché realizzata in 3D.

Serie VS[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati realizzati alcuni giochi "crossover" che riuniscono personaggi provenienti da diverse serie Capcom in cui solitamente compaiono uno o più personaggi della serie di Street Fighter e sono i seguenti:

Serie "Marvel vs. Capcom"[modifica | modifica wikitesto]

Serie "SNK vs. Capcom"[modifica | modifica wikitesto]

Tatsunoko vs. Capcom: Ultimate All Stars[modifica | modifica wikitesto]

Tatsunoko vs. Capcom: Ultimate All Stars (Tatsunoko vs. Capcom: Cross Generation of Heroes in Giappone) è un team-up realizzato con personaggi Capcom (di Street Fighter vengono presi Ryu, Chun-Li e Alex) e personaggi presi dai vari cartoni della Tatsunoko come Yattaman o Gatchaman. Nonostante i problemi legati ai diritti suddivisi tra più editori al di fuori del territorio giapponese la Capcom ha recentemente ufficializzato il rilascio del gioco anche per gli USA e l'Europa.

Street Fighter X Tekken[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Street Fighter X Tekken.

Si tratta di un episodio che trasporta i personaggi della serie Tekken nel mondo bidimensionale di Street Fighter. Si basa sul gameplay di Street Fighter IV.

Super Puzzle Fighter II Turbo[modifica | modifica wikitesto]

Super Puzzle Fighter II Turbo, distribuito come Super Puzzle Fighter II X in Giappone e spesso detto semplicemente Puzzle Fighter, è un gioco rompicapo in stile Tetris (basato sull'incastro di gemme che cadono dall'alto) dove ogni giocatore è rappresentato da un personaggio (proveniente da Street Fighter o da altri brand della Capcom) in versione super deformed, che attacca l'avversario quando il giocatore effettua una buona mossa.

Pocket Fighter[modifica | modifica wikitesto]

Pocket Fighter (conosciuto in America come Super Gem Fighter Mini Mix) è un gioco dove i personaggi super deformed visti in Puzzle Fighter si scontrano in un vero picchiaduro. L'ambientazione è infantile e giocosa, e gli attacchi dei personaggi sono incentrati sullo humour (durante le combo, ad esempio, subiscono varie trasformazioni e fanno comparire oggetti dal nulla, come ad esempio martelli giganti o cartelli stradali).

Street Fighter: The Movie[modifica | modifica wikitesto]

Street Fighter: The Movie è il titolo di due videogiochi del 1995 basati sul film con Jean Claude Van Damme, uno per sala giochi e l'altro per console domestiche. Entrambi presentano grafica 2D con attori digitalizzati (in modo simile ai primi capitoli di Mortal Kombat) e sono stati distribuiti da Capcom, ma non si tratta di porting: i due giochi sono stati sviluppati da software house diverse e presentano delle differenze. La versione per console è stata distribuita in Giappone col titolo Street Fighter: Real Battle on Film.[1][2]

Street Fighter IV[modifica | modifica wikitesto]

Street Fighter IV è stato realizzato per PC, PlayStation 3 e X-Box 360 in grafica poligonale, ma con uno stile grafico che vuole richiamare la caratterizzazione cartoon degli episodi 2D. Questo episodio si colloca temporalmente dopo Street Fighter II, per cui ne riprende i personaggi storici, introducendone di nuovi quali la spia Crimson Viper, il "luchador" messicano El Fuerte, il lottatore francese Abel, l'esperto di arti marziali orientali statunitense Rufus e il nuovo leader di Shadaloo, Seth.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Anime e serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Manga e manhua[modifica | modifica wikitesto]

Street Fighter è stato oggetto di tantissime trasposizioni a fumetti. Masahiko Nakahira, ad esempio, ha realizzato quattro diversi manga su Street Fighter:

Ad eccezione del primo, tutti questi titoli sono stati acquisiti da UDON per il mercato occidentale. Due personaggi creati da Nakahira, Evil Ryu di Street Fighter Alpha e Karin Kanzuki, sono stati inseriti da Capcom nei successivi episodi di Street Fighter.

Tra il 1993 ed il 1995 Masaomi Kanzaki scrive e disegna Street Fighter II - Ryu, manga edito dalla Tokuma Shoten in 3 volumi. In Italia è arrivato intorno a metà anni novanta grazie ad un'edizione in due volumi a colori della Star Comics intitolata Street Fighter II.

Nel 1995 è la volta di Street Fighter II Retsuden: scritto e disegnato da Yasushi Baba per la Kodansha, il manga riprende i personaggi della serie animata uscita quello stesso anno. In Italia è stato presentato dalla Star Comics con il titolo Street Fighter II V sulle pagine della rivista Game Over.

Nel 1997 la Kodansha dà alle stampe Street Fighter ZERO 2, one-shot in 5 capitoli di Karina Takumi. Due anni dopo, invece, Mami Hito pubblica Super Street Fighter 2 X Gaiden.

La UDON ha inoltre ricevuto da Capcom la licenza di pubblicare diversi fumetti ispirati ai suoi videogiochi, tra cui proprio Street Fighter. Fino ad ora sono usciti titoli come Street Fighter, Street Fighter Legends, Street Fighter II Turbo e Street Fighter IV.

Ma la produzione quantitativamente maggiore arriva da Hong Kong, dove la Jade Dynasty (originariamente Jademan Comics) ha proposto diversi manhua scritti da Lee Chung Hing e disegnati da Hui King Sum:

Ad eccezione del primo (rimasto inedito), tutti questi titoli sono apparsi in Italia grazie ad Ediperiodici.

Ad Hong Kong, nel frattempo, anche le case editrici minori provano a cavalcare l'onda: nel 1995 la Wen Hua Fu Xin Pte Ltd pubblica infatti Super Street Fighter II, serie realizzata da Chen Wei Wen, Bai Qi e altri autori (31 numeri).

Nel 1999 Hing e Sum lasciano la Jade per fondare la Comicsonair Publications, dove danno alle stampe Street Fighter EX2 e Street Fighter EX2 PLUS (1999, rispettivamente 38 numeri e 12 numeri), in cui proseguono la storyline del loro SFIII.

Rimasta orfana di Hing e Sum, la Jade produce due manhua di Street Fighter III 3rd strike: il primo scritto e disegnato dal maestro Tony Wong, il secondo (pubblicato in Italia da Ediperiodici) realizzato da Kwong Bin Qiong, Khoo Fuk Long e altri autori (1999, 28 numeri).

Nel 2009 Hing e Sum passano alla King Comics (ex Jade), dove lanciano Street Fighter IV Wai Zhuan (15 numeri). Dato che le storie elaborate dai due autori si erano spesso discostate parecchio dalla storyline ufficiale, questa volta la Capcom lascia loro scegliere se allinearsi alla trama ufficiale del gioco o continuare a concedersi ogni tipo di libertà. Hing e Sum optano per la seconda soluzione e la casa giapponese si tutela aggiungendo al titolo del fumetto la dicitura "Wai Zhuan" (gaiden, spin off), al fine di avvertire ufficialmente il pubblico che si tratta di una trama alternativa o comunque non necessariamente legata agli intrecci ufficiali del gioco.

Per limitarci ai soli titoli approvati da Capcom, ad Hong Kong sono uscite anche alcune serie in cui i personaggi di SF si scontrano con quelli di King of Fighters (SNK):

  • Capcom vs SNK di Hing, Sum e Wang Xiao Hong (1999, 1 numero pilota + 54 numeri, Comicsonair Publications)
  • Capcom vs SNK Wai Zhuan di Hing, Sum, Wang Xiao Hong e altri autori (2001, 5 numeri, Comicsonair Publications)
  • SNK vs Capcom Chaos di Chen Zhuo Hua, Ye Ming Fa, Shen Kwang Ming e altri autori (2003, 32 numeri, Happy Comics Ltd)

A queste bisogna poi aggiungere Street Fighter III 3rd Strike-Bio Hazard Crossover (2001, Comicsonair Publications), serie sospesa dopo 7 numeri in cui Hing e Sum presentano un crossover tra i personaggi di SF e quelli di Resident Evil, altro celebre titolo Capcom.

Gioco di ruolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 la White Wolf ha prodotto un gioco di ruolo di Street Fighter, Street Fighter: The Storytelling Game, basandosi sui personaggi di Super Street Fighter II, e utilizzando le meccaniche del suo sistema Storytelling, reso famoso dai giochi basati sul Mondo di Tenebra.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Street Fighter.

Alcuni fra i personaggi più famosi, apparsi in varie incarnazioni di Street Fighter:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Street fighter: The Movie - Versione consolle su IGN. URL consultato il 04-11-2009.
  2. ^ Street fighter: The Movie - Versione arcade su KLOV. URL consultato il 04-11-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi