White Wolf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
White Wolf Publishing
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo sussidiaria
Fondazione 1991
Fondata da Mark Rein·Hagen, Steve Wieck e Stewart Wieck
Sede principale Stone Mountain (Georgia)
Gruppo CCP Games
Settore Editoriale
Prodotti giochi di ruolo
Sito web www.white-wolf.com/

La White Wolf, Inc. è una società statunitense che si occupa di giochi di ruolo e di altro materiale ludico. È stata fondata nel 1991 da Mark Rein·Hagen, Steve Wieck e Stewart Wieck fondendo la Lion Rampant e la White Wolf Magazine[1]. Nel 2006 è stata acquistata dalla CCP Games (produttori di EVE Online) diventando un marchio di quest'ultima[2].

Per volume di vendite è stata dal 1995, il secondo maggior editore di giochi di ruolo, ma in seguito alla vendita alla CCP Games, ha spostato il suo focus sullo sviluppo di un MMORPG basato sul Mondo di Tenebra, arrestando quasi completamentela la sua produzione di giochi di ruolo.[3]

Il nome "White Wolf" deriva dal soprannome di Elric di Melniboné, protagonista delle opere di Michael Moorcock.

È famosa per il gioco di ruolo Vampiri: la masquerade e per l'ambientazione-radice Mondo di Tenebra a cui fanno riferimento le altre numerose espansioni, tutte quante basate sullo Storytelling System. Altro gioco di punta della White Wolf è Exalted, anch'esso usante una variante dello Storytelling System, slegato dal Mondo di Tenebra, sebbene alcune vaghe dichiarazioni della casa editrice, poi lasciate cadere, lo abbiano inizialmente presentato come la preistoria dell'ambientazione principale.

Oltre ai giochi ambientati nel Mondo di Tenebra la White Wolf pubblica anche materiale per lo Storytelling System, diversi giochi di carte e alcuni romanzi.

Alle sue pubblicazioni sono legati anche alcuni videogiochi e serie televisive, come il gioco di ruolo di Street Fighter.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Applelcline, 2011, p. 215
  2. ^ (EN) Gaming industry innovators CCP e White Wolf merge, CCP, 11 novembre 2006. URL consultato il 15 agosto 2011.
  3. ^ Applelcline, 2011, p. 220

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]