Elric di Melniboné

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elric di Melniboné è un personaggio immaginario creato da Michael Moorcock, protagonista di una serie di romanzi fantasy scritti dall'autore tra gli anni settanta e novanta.

Di famiglia reale, albino, fragile, disilluso, Elric è l'ultimo imperatore, in linea di sangue, dell'antichissimo impero di Melnibonè che ha governato (sotto il nome comune di "Impero Fulgido") tutto il mondo per 10.000 anni. Nel momento dell'inizio della saga, sono sorti da 500 anni i "Regni Giovani" che, progressivamente, hanno limitato l'impero alla sola sua capitale: l'isola del Drago.

La degenerazione dei melniboneani (da sempre cinici e crudeli ma nei secoli divenuti sempre più indolenti) minaccia, costantemente, di causare un'invasione dei popoli giovani e barbari, tenuti a bada unicamente dalla paura della leggendaria crudeltà dei melniboneani, dalla potenza della loro flotta e dal fatto che gli abitanti dell'impero sono gli unici a poter utilizzare in battaglia i draghi.

Gli abitanti di Melnibonè, a differenza di Elric robusti ed abili in battaglia, sono devoti a divinità (in grado di materializzarsi) denominate "Signori del Caos"; lo stesso patrono di Elric è Arioch, conosciuto come il duca di spade o il duca delle sette tenebre.

Elric, per mantenere il potere quale imperatore dell'isola, si avvale di pozioni magiche in grado di fornirgli temporaneamente la forza fisica che non ha a causa del suo fisico esile e cagionevole. Inoltre, egli si distingue ancora di più dal resto del suo popolo per la capacità di provare sentimenti, ad essi estranei, quali rimorso e carità.

L'intero scenario del mondo di Elric è dominato dallo scontro cosmico fra le forze del Caos (legate alla magia, al cambiamento ed alla soggettività) che hanno come massimi esponenti i "Signori del Caos" (detti anche "Sovrani Scuri") e le forze della Legge (legate alla logica, alla stasi ed all'oggettività) che hanno come massimi esponenti i "Signori della Legge" detti anche i "Sovrani Bianchi". La lotta tra le due fazioni è eterna e non potrà mai finire (come una creatura del Caos rivelerà allo stesso Elric in Il fato del lupo bianco : «Noi viviamo per alimentare la lotta cosmica, non per vincere») e le regole di questo conflitto sono scritte dall'Editto dell'Equilibro Cosmico sulla cui natura il protagonista si interrogherà sempre. Neutrali, in questa guerra, sono gli spiriti dei signori degli animali e gli elementali della natura, i cui capi sono noti come i "Sovrani Grigi".

A sua insaputa Elric è il Campione Eterno, ossia il prescelto per scatenare il conflitto finale fra Legge e Caos sul suo mondo. Il conflitto finale su un mondo dà la possibilità di indirizzare le sorti del mondo successivo: infatti esso sarà più "legale" o più "caotico" a seconda di quale delle due forze risulterà vincitrice nello scontro avvenuto nel mondo precedente.

I temi del Campione Eterno e dello scontro tra Legge e Chaos sono più volte stati ripresi da Michael Moorcock nelle sue opere.

L'arma di Elric è Stormbringer (Tempestosa nella versione italiana), la spada nera capace di risucchiare le anime di coloro che uccide e di riversarne l'energia all'interno del corpo di chi la brandisce (rendendo di fatto non più necessario l'uso di pozioni magiche da parte ad Elric). Essa tuttavia è una spada senziente legata al Caos, che anela uccidere, e lo trascinerà, quasi suo malgrado, a trafiggere proprio la donna che ama, a tradire il suo Paese ed il suo popolo e ad avere rimorsi per la fine riservata alle sue vittime. Stormbringer ha una spada gemella chiamata Mournblade (Luttuosa nella versione italiana).

Le sue avventure avranno inizio praticamente dal momento in cui, odiato o comunque non capito dal suo popolo, fuggirà per il mondo in cerca di una risposta ai suoi interrogativi.

Personaggi della Saga[modifica | modifica wikitesto]

Divinità ed elementali[modifica | modifica wikitesto]

Arioch, Signore delle Sette Tenebre, Signore dell'Alto Inferno, Il Cavaliere di Spade: Uno dei più potenti duchi dell'Inferno nonché uno dei Signori del Caos. Inoltre è l'eterno patrono degli imperatori melniboneani, responsabile pertanto della loro grande abilità nella Magia e del fulgido dominio conquistato e mantenuto per oltre 10.000 anni. Lui trova che Elric sia uno dei suoi servitori più dolci a causa dei dilemmi morali che lo affliggono.

Re Straasha: Signore degli elementali dell'acqua. È legato agli imperatori di Melniboné da molti anni per i patti conclusi con loro, e i servizi prestati a questi. Il Suo aiuto verrà spesso richiesto all'interno della saga da parte dell'Albino, e molto spesso si dimostra efficace. Ha contribuito alla creazione della Nave che Salpa per Mare e per Terra, provvedendo per la magia necessaria affinché la nave potesse viaggiare attraverso gli oceani; si contende la barca con Re Grome.

Re Grome: Signore degli elementali della terra. Come asserito all'interno della saga stessa dal protagonista, "è probabilmente il più potente di tutti i signori elementali, ma anche il meno trattabile". Difatti è piuttosto egoista per quel che riguarda la sua barca, e raramente dispensa il suo aiuto (solo una volta è stato possibile per Elric ottenerlo).Ha anch'egli contribuito alla creazione della nave che Salpa per Mare e per Terra ma l'ha ceduta al re Straasha in cambio di parte del suo dominio. Tuttavia, pentitosi di averlo fatto, si disputa il suo possesso con il Signore elementale delle acque.

Vezhan: Il Signore con le Ali. Questo era il Dio del Caos un tempo servito dall'arciere scarlatto Rackhir.

Donblas il Giustiziere: Uno dei signori della Legge, l'unico nominato all'interno della saga. Aiuterà Elric in diverse occasioni, mitigando le sue sofferenze dopo che egli avrà consumato l'anima di Checkalakh (una divinità minore del caos), e in particolar modo, nella lotta finale fra le forze dell'ordine e quelle del caos.

Mishna e Graoll, i Lasshaar (Giganti del Vento, Signori dei Venti): Potentissimi elementali dell'aria. Aiuteranno Elric a vendicarsi nell'ultima battaglia contro lo stregone Theleb K'aarna, causa di molti problemi per l'Albino. Vengono impiegati alle volte, in certi episodi, per facilitare la navigazione.(in alcuni materiali di Giochi di ruolo viene detto che Mishna e Graoll siano in realtà figli di una certa Regina elementale Lassa, ma di questo nonv'è traccia all'interno della saga).

Kakatal, Il Signore Fiammeggiante: Un potentissimo signore elementale del fuoco.(sempre all'interno di alcuni Giochi di ruolo viene affermato che sia il Signore di tutti gli elementali del fuoco, ma questo non è smentito o negato all'interno della saga.)

Chardros, Il Mietitore(alle volte chiamato anche Chardhros): Uno dei più potenti Signori del Caos, simile al Cupo Mietitore. Comparirà nella battaglia finale tra legge e caos.

Mabelode, il Re delle Spade(qualche volte pronunciato anche Mabelrode): È un Signore del Caos raffigurato più volte come un essere "senza volto". Apparirà nella battaglia finale tra legge e caos.

Mortali[modifica | modifica wikitesto]

Yyrkoon: Cugino di Elric e aspirante al titolo di imperatore di Melnibonè. Affronterà Elric e Stormbringer, al fine di usurparne il trono, in un epico scontro brandendo la spada nera Mournblade.

Dyvim Slorm: Cugino di Elric, nonché figlio di Dyvim Tar. Combatterà, assieme ad Elric, nell'ultima grande battaglia, maneggiando la spada nera Mournblade.

Cymoril: Si tratta della cugina, nonché consorte, di Elric. Lui coltiva la speranza che un giorno riesca a farla sua moglie e imperatrice del regno; speranza ostacolata più volte da Yyrkoon. Lei tenta in tutti i modi di comprendere e di aiutare Elric, ma, sfortunatamente, le riesce difficile.

Dyvim Tar: Melniboneano, Signore dei Draghi. Si tratta del principale alleato, e consigliere dell'Albino; e come tale sostiene che non si debba deporre per nessun motivo Elric dal trono, in quanto egli Imperatore, e dunque è prerogativa di questo agire come desidera. La sua responsabilità più grande risiede tuttavia nella cura dell'arma più potente posseduta dai Signori del fulgido impero, nonché la più temuta di tutto il mondo: I draghi. Ed è proprio sulle spalle di questi che è stato costituito il più grande impero della Terra.

Rackhir: umano, detto anche l'arciere rosso, sarà al fianco di Elric in innumerevoli occasioni.

Maldiluna: umano e compagno di Elric in diverse avventure.

Jest: Il Capo torturatore di Melniboné, esperto nell'estrarre segreti da coloro che li custodiscono. Viene descritto come alto e decisamente magro, somigliante a uno scheletro dalle vesti bianche, macchiate dal sangue di coloro che hanno la sfortuna di essere interrogati da lui.

Zarozinia: figlia di un notabile di una città difesa da Elric e Maldiluna, diventerà sposa di Elric. Rapita da jagreen Lem e trasformata in un mostro, sarà successivamente uccisa.

Libri inglesi[modifica | modifica wikitesto]

Saga Originale (in ordine cronologico interno)[modifica | modifica wikitesto]

  • Elric of Melniboné (1972)
  • The Sailor on the Seas of Fate (1976)
  • The Weird of the White Wolf (1977)
  • The Sleeping Sorceress (1971; dal 1972 come The Vanishing Tower; ripubblicato nel 1977)
  • The Bane of the Black Sword (1977)
  • Stormbringer (1965; ripubblicato nel 1977)

Serie ristampa Del Rey, Chronicles of the Last Emperor of Melniboné (2008–2010)

  • Elric: The Stealer of Souls
  • Elric: To Rescue Tanelorn
  • Elric: The Sleeping Sorceress
  • Duke Elric
  • Elric in the Dream Realms
  • Elric: Swords and Roses

Racconti successivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fortress of the Pearl (1989, cronologicamente prima di The Sailor on the Seas of Fate)
  • Revenge of the Rose (1991, cronologicamente prima di The Bane of the Black Sword)

Ultima trilogia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Dreamthief's Daughter (2001)
  • The Skrayling Tree (2003)
  • The White Wolf's Son (2005)

Collezioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Elric at the End of Time (1984)
  • Michael Moorcock’s Elric: Tales of the White Wolf (1994)
  • Pawns of Chaos: Tales of the Eternal Champion (1996)

Graphic novels[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Moorcock's Multiverse (1999)
  • Elric: Making of a Sorcerer (2007)

Libri italiani[modifica | modifica wikitesto]

L'intera saga (i primi due libri) è stata pubblicata in:

  • 1990 - Il Ciclo di Elric (2 volumi), I Grandi Cicli della Fantascienza e della Fantasy 11, Nord, Milano
  • 1995 - Elric di Melniboné, Grandi Opere 26, Nord, Milano
  • 1997 - La Saga di Elric di Melniboné, Collana Narrativa 98, Nord, Milano

I libri italiani su Elric di Melniboné sono i seguenti:

  • 1978 - Elric di Melniboné, Fantacollana 25, Nord, Milano (comprende Elric of Melniboné, 1972; The Sailor on The Seas of Fate, 1976; The Weird of the White Wolf, 1977)
  • 1979 - Elric il negromante, Fantacollana 30, Nord, Milano (comprende The Vanishing Tower, 1977; The Bane of The Black Sword, 1977; Stormbringer, 1977)
  • 1979 - Gli occhi dell'Uomo di Giada (racconto: The Jade Man's Eyes, 1973; in Heroic Fantasy. Il meglio della fantasia eroica moderna, Enciclopedia della Fantascienza 4, Fanucci Editore, Roma)
  • 1981 - Le terre al di là del mondo (racconto: The Lands Beyond the World; 1981, in Maghi e guerrieri. Altre storie di fantasia eroica, Enciclopedia della Fantascienza 6, Fanucci Editore, Roma)
  • 1998 - (Elric:) La fortezza della perla (The Fortress of the Pearl, 1989; Collana Narrativa 106, Nord, Milano)
  • 1998 - Elric: la vendetta della rosa (The Revenge of the Rose, 1991; Collana Narrativa 116, Nord, Milano)
  • 1998 - Le nuove avventure di Elric di Melniboné (comprende The Fortress of the Pearl; The Revenge of the Rose), I Grandi Cicli della Fantascienza e della Fantasy 46, Nord, Milano
  • 1988 - Elric alla fine del tempo (racconto: Elric at the End of Time, 1984; in Fantasy, Grandi Opere, 1985 e Collona Narrativa, 1996 entrambi della Nord, Milano, oppure in ristampa presso Euroclub)
  • 2000 - Il canto del lupo bianco (racconto: The White Wolf's Song, Elric: Tales of the White Wolf, 1994; ne I tesori della Fantasy, Sandro Pergamo (a cura di), Economica Tascabile (Nuova Serie) 2, Fanucci Editore, Roma)
  • 2001 - La figlia della ladra di sogni (The Dreamthief's Daughter: A Tale of the Albino, 2001), Il Libro d'Oro [130], Fanucci Editore, Roma

La Saga di Elric di Melnibonè, TIF, Fanucci:

  • 2005 - nel vol.1, Elric of Melniboné, 1972; The Sailor on The Seas of Fate, 1976
  • 2006 - nel vol.2, The Weird of the White Wolf, 1977; The Vanishing Tower, 1977
  • 2007 - nel vol.3, The Bane of The Black Sword, 1977; Stormbringer, 1977
  • 2008 - nel vol.4, The Fortress of the Pearl, 1989

Oltre ai libri esiste la versione in audiolibro della saga.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2007, in un'intervista, i registi Chris e Paul Weitz hanno rivelato di essere, con la collaborazione diretta di Michael Moorcock, in fase di pre-produzione di un'ipotetica trilogia cinematografica basata sulla saga di Elric per la Universal Pictures.[1]

Riconoscimenti e tributi[modifica | modifica wikitesto]

Parallelamente ai romanzi, Elric ha dato vita a canzoni, racconti, testi per musica rock, giochi per computer, giochi di ruolo.

Giochi[modifica | modifica wikitesto]

La dualità Legge\Caos diventerà uno dei topoi della letteratura fantasy: la saga di Warhammer (che comprende giochi di miniature, giochi di ruolo, libri, fumetti e riviste) si basa appunto sullo scontro fra le civiltà di un intero mondo contro il Caos, anche nel primo dei giochi di ruolo (Dungeons & Dragons) ricopre un'importanza enorme la scelta dell'allineamento morale del personaggio; a tutt'oggi gli allineamenti sono ben nove ma originariamente erano solo tre: legale, neutrale e caotico.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Specialmente in campo musicale hard rock e heavy metal, Elric è stato più volte notevole fonte d'ispirazione di molteplici band tra cui Hawkwind, Diamond Head, Cirith Ungol, Blind Guardian, gli italiani Domine, i greci Battleroar.

Tra le più famose e riuscite canzoni dedicate ad Elric si segnalano: "Borrowed Time" dei Diamond Head e "The Chronicles of the Black Sword" degli Hawkwind.

Ad oggi, i principali dischi (contenenti ampio materiale dedicato ad Elric / tra cui le copertine) sono:

Michael Moorcock ha direttamente collaborato nel corso degli anni con la band Hawkwind.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Exclusive: Weitz Brothers Making Elric.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy