Saturday Night Slam Masters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saturday Night Slam Masters
Titolo originale Muscle Bomber - The Body Explosion (マッスルボマー ザ・ボディー・エクスプロージョン)
Sviluppo Capcom
Pubblicazione Capcom
Serie Muscle Bomber
Data di pubblicazione luglio 1993
Genere Wrestling
Modalità di gioco Singolo giocatore, Multiplayer
Piattaforma Arcade, Sega Mega Drive, Super Nintendo
Distribuzione digitale Virtual Console, PlayStation Network
Periferiche di input Joystick a 8 direzioni con 3 tasti
Specifiche arcade
CPU CP System

Saturday Night Slam Masters, il cui titolo originale giapponese è Muscle Bomber - The Body Explosion (マッスルボマー ザ・ボディー・エクスプロージョン), è un videogioco di tipo Picchiaduro versus multidirezionale sviluppato e pubblicato nel 1993 dalla Capcom.

È probabilmente il primo videogioco di wrestling dell'azienda nipponica e la reazione al fenomeno del catch che stava avanzando notevolmente nel campo dei picchiaduro, settore nel quale la Capcom era la regina grazie a titoli mai in discussione come Street Fighter II e Final Fight; Saturday Night Slam Masters ripropone lo stesso stile di sprite visto nei picchiaduro precedentemente citati (con lo zampino del mangaka Tetsuo Hara, noto per l'opera Ken il guerriero) ed un incrocio con i personaggi di Final Fight, ma nonostante ciò il gioco non ottiene il successo sperato.

Il gioco vanta anche un ulteriore titolo di saga, Muscle Bomber Duo - Ultimate Team Battle (che più che un vero sequel trattasi di un aggiornamento), nonché un vero e proprio seguito in versione Picchiaduro versus a scorrimento orizzontale, ovvero Ring of Destruction - Slam Masters II.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Saturday Night Slam Masters presenta in primis due differenti modalità di gioco: la modalità "Single Match", nella quale il giocatore deve scegliere uno tra otto differenti wrestler e ha lo scopo di sconfiggere gli altri sette più due boss non selezionabili (Jumbo Flapjack e The Scorpion) in sfide uno-contro-uno per ben due volte (quindi un totale di 18 incontri), e la modalità "Team Battle Royale", nella quale il giocatore sceglie una coppia di lottatori tra i dieci disponibili e deve sconfiggere i team rivali: in questo caso non si tratta del classico tag team match ma bensì i quattro lottatori sono contemporaneamente sul ring a lottare e vince la squadra che elimina per prima entrambi gli avversari; il giocatore controlla solamente il primo lottatore selezionato e se costui viene eliminato ma il compagno resta sul ring il match termina comunque con risultato "no contest".

Lo scorrimento del gioco è multidirezionale, e si hanno a disposizione tre pulsanti: con il primo si afferra l'avversario per tentare una tecnica di presa, con il secondo si sferrano colpi e con il terzo si salta. È possibile vincere per schienamento dell'avversario, per resa dell'avversario causa presa di sottomissione o per l'eccessivo protrarsi della situazione nella quale l'avversario rimane fuori dal ring.

Roster[modifica | modifica sorgente]

  • Russia Biff Slamkovitch (Alexei Zalazov in Giappone)
face russo, è il protagonista del gioco; alla pari di Gunloc è un allievo di Mike Haggar e ha un qualche rapporto con Zangief della serie Street Fighter, in quanto lo cita durante il gioco come "compagno Zangief" e i due hanno in comune alcune tecniche che realizzano in modo totalmente identico, come il dropsault. Nato a Mosca, nella versione statunitense viene indicato come proveniente da "Kiev, Russia", benché Kiev non è in Russia ma in Ucraina; fa un cameo nello scenario di Ken in Street Fighter Alpha 2.
  • Stati Uniti Gunloc (Lucky Colt)
wrestler di Miami, è il co-protagonista del gioco ed amico-rivale di Slamkovitch, in quanto anche Gunloc è allievo di Haggar. La filiale statunitense della Capcom ha creato un intreccio tra Gunloc e Guile della serie Street Fighter, probabilmente dovuto ad una somiglianza estetica tra i due combattenti, e addirittura nel videogioco Street Fighter: The Movie è presente un personaggio di nome Blade che rivela essere in realtà Gunloc, fratello di Guile, infiltratosi nelle file dell'esercito di M. Bison.
  • Stati Uniti Mike Haggar
protagonista di Final Fight, Haggar è un venerato maestro del wrestling nel mondo Capcom. Le vicende narrate in Saturday Night Slam Masters sono precedenti a quelle di Final Fight e nel gioco in questione Haggar è un wrestler professionista, mentre più tardi si ritirerà e diverrà sindaco di Metro City (storia simile a quella di Jesse Ventura); nel gioco è presente anche la figlia Jessica che festeggia con il padre le vittorie. La sua trademark move è lo spinning clothesline che lo caratterizza anche in Final Fight; inoltre è in grado di eseguire anche lo spinning piledriver di Zangief, personaggio di Street Fighter II.
  • Australia Alexander the Grater (Sheep the Royal)
wrestler originario di Melbourne (nella versione statunitense proviene dal Kentucky); ha uno stile di combattimento più sbilanciato sulla potenza, ed è chiaramente ispirato da Big Van Vader, del quale porta anche una maschera simile a quella da Mammut che portava Van Vader prima di iniziare l'incontro. Il nome per la versione occidentale è probabilmente un omaggio ad Alessandro il Grande. Curiosamente già in precedenza la SNK propose tra i personaggi della propria serie di picchiaduro Fatal Fury un wrestler australiano ispirato da Big Van Vader, ovvero Raiden (Fatal Fury) e Big Bear (Fatal Fury 2).
  • Messico El Stingray (El Stinger)
luchador messicano dotato di un'incredibile agilità. È originario di Acapulco ed è ispirato dai lottatori Lizmark e The Blue Blazer.
  • Giappone The Great Oni (Mysterious Budo)
altro agilissimo lottatore ed esperto di arti marziali, The Great Oni deve il suo nome al noto lottatore Il grande Mutah e al fatto che indossa una maschera da Oni che richiama lo stile del kabuki nipponico. Proviene da Kamakura.
  • Rep. Dominicana King Rasta Mon ("Missing IQ" Gomez)
personaggio dall'aspetto selvaggio, ha come migliore amico una scimmia di nome Freak; il design di King Rasta Mon è ripreso da quello iniziale del personaggio Blanka di Street Fighter II, il quale inizialmente doveva avere un aspetto da cavernicolo ma poi la Capcom optò per un look più bestiale: non a caso tra le mosse di King Rasta Mon c'è il morso, tecnica utilizzata proprio da Blanka. Esteticamente nel nome utilizzato in Giappone sembrerebbe ispirato al personaggio Missing Link del videogioco Vendetta della Konami, il quale a sua volta è ripreso dal wrestler Bruiser Brody.
  • Regno Unito Titanic Tim (Titan the Great)
il più grosso e lento dei lottatori della federazione, proviene da Wigan. Era il compagno di tag team di Birdie, personaggio di Street Fighter, con il quale formava i 500 Trillion Powers (parodia dei The Mega Powers, team formato da Hulk Hogan e Randy Savage). È parzialmente ispirato da Baba il gigante.
  • Stati Uniti Jumbo Flapjack (Kimala the Bouncer)
con un passato da rissoso e sanginario barista, Jumbo è il braccio destro di The Scorpion ed un temibile avversario. Proviene da Chicago ma nella versione americana del gioco è un canadese di Hosevile, forse come tributo al wrestler Terremoto Canadese, fisicamente molto simile a Jumbo. Il nome della versione occidentale è un possibile omaggio al wrestler giapponese Jumbo Tsuruta, mentre il nome della versione giapponese potrebbe riferirsi a Kamala.
  • Segnaposto The Scorpion (The Astro)
è il boss del gioco, principale heel e leader della federazione BWA di wrestling; sebbene la sua provenienza sia sconosciuta, è chiaramente un luchador ispirato da Tinieblas, uno dei primi lottatori messicani a lottare in Giappone in quanto mise piede nel paese del sol levante già nel 1974.

Muscle Bomber Duo[modifica | modifica sorgente]

Lo stesso anno la Capcom pubblicò una sorta di aggiornamento di Saturday Night Slam Masters dal nome Muscle Bomber Duo: in questa release è presente la sola modalità a squadre due-contro-due ed è possibile veder lottare contemporaneamente un personaggio con o contro il proprio sosia. Sebbene sia possibile creare una squadra selezionando due qualsiasi dei dieci lottatori a disposizione, determinate coppie "ufficiali" sono identificate da un nome che compare a video, ovvero:

  • Hyper Cannons, formata da Biff Slamkovitch e Gunloc; viene citata nel finale di Hugo in Street Fighter III: 2nd Impact.
  • Exotic Warriors, formata da King Rasta Mon e The Great Oni.
  • Deadly Brothers, formata da Titanic Tim e El Stingray.
  • Knuckle Busters, formata da Mike Haggar e Alexander the Grater.
  • Silent Assassins, formata da The Scorpion e Jumbo Flapjack.

La serie[modifica | modifica sorgente]

  1. Saturday Night Slam Masters (1993)
  2. Muscle Bomber Duo (1993)
  3. Ring of Destruction - Slam Masters II (1994)

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]