Double Dragon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Double Dragon
Double Dragon.png
Immagine del gioco (livello 1): Billy contro un Williams (armato di mazza) e un Bolo
Sviluppo Technos Japan Corporation
Pubblicazione Taito
Ideazione Yoshihisa Kishimoto
Serie Double Dragon
Data di pubblicazione 1987
Genere Picchiaduro a scorrimento
Tema Contemporaneo
Modalità di gioco Singolo giocatore, Doppio
Piattaforma Arcade, Amiga, Amstrad CPC, Atari 2600, Atari 7800, Atari Lynx, Commodore 64, Game Boy, Game Boy Advance, Game Gear, NES, MS-DOS, Sega Master System, Sega Mega Drive, Telefono cellulare, ZX Spectrum, Zeebo
Distribuzione digitale Xbox Live
Seguito da Double Dragon II: The Revenge
Specifiche arcade
Risoluzione 240 x 224
Periferica di input Joystick a 8 direzioni con 3 tasti

Double Dragon (ダブルドラゴン?) è un videogioco del tipo picchiaduro a scorrimento sviluppato nel 1987 dalla Technos Japan Corporation e pubblicato dalla Taito in Europa e Nord America. Si può considerare il primo videogioco di grande successo del suo genere, fonte d'ispirazione di molti giochi del genere prodotti successivamente. Vanta un alto numero di conversioni e di seguiti, nonché basati su questo gioco sono usciti anche un fumetto, una serie TV animata ed un film. È da considerare come il successore di un precedente gioco della Technos Japan Corporation, Nekketsu Kouha Kunio Kun (Renegade nel port occidentale) che ha avuto anch'esso numerosi seguiti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Cinque anni dopo una guerra nucleare, una squallida New York è controllata da organizzazioni criminali, su tutte i temibilissimi Black Warriors capeggiati da Willy Mackey. I protagonisti sono i fratelli Billy e Jimmy Lee (il primo vestito di blu, il secondo di rosso), grandi esperti dell'arte marziale Sou-Setsu-Ryu (tecnica puramente inventata), che vedono rapita l'amica Marian dai Black Warriors come oggetto di riscatto per ottenere i segreti della loro disciplina. I due fratelli iniziano la loro avventura a mani nude nell'intento di sgominare i banditi e liberare Marian.

Nei seguiti del gioco non mancano i colpi di scena a livello di storyline: in Double Dragon II: The Revenge Marian viene uccisa da Willy Mackey, mentre Double Dragon 3: The Rosetta Stone presenta uno scenario internazionale dove fa la sua apparizione anche Sonny Lee, fratello di Billy e Jimmy in abito giallo.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Double Dragon presenta il classico scorrimento multidirezionale che lo ha reso celebre. Con i tasti direzionali del Joystick ci si muove per lo schermo, mentre con i 3 tasti si può sferrare pugni, calci e saltare. Il protagonista ha una barra di energia composta da 5 quadrati che man mano cala ogni volta che si subiscono colpi, fino all'uccisione; generalmente (varia in base all'impostazione del chip) il giocatore ha a disposizione 3 vite.

Il giocatore parte a mani nude, ed ha la possibilità di effettuare combo di pugni (3 colpi l' ultimo dei quali è un montante), combo di calci (2 colpi, l'ultimo è una spazzata), prese per i capelli con conseguenti ginocchiate sul volto o proiezioni a terra, calci volanti, testate, gomitate o calci rotanti all'indietro; se si viene afferrati per i capelli è possibile liberarsi della presa premendo il tasto del salto.

Lungo il percorso si possono trovare differenti armi, alcune da mischia (mazze da Baseball, fruste), altre da lancio (dinamite, pugnali, bidoni per l'olio, pacchi e massi di roccia). Se si cade in uno dei buchi che si possono trovare lungo il percorso si perde direttamente la vita; in alcuni punti (ad esempio il ponte interrotto presente nel livello 3) si è costretti ad evitare questi buchi dovendoli saltare, e ciò diviene problematico per i cabinati arcade che presentavano solamente i due tasti di pugno e calcio (si riusciva ad effettuare il calcio volante premendoli contemporaneamente).

Convenzione da parte dei giocatori di Double Dragon era quella di avanzare lentamente per far uscire uno ad uno i nemici e sconfiggerli in duelli, evitando quindi di farsi circondare; altra convenzione era quella di affrontare i nemici più deboli cercando di arrivare alla presa ai capelli o di scaraventarli nei buchi, mentre contro gli avversari più forti (i giganti Bolo e Abobo, l'esperto di arti marziali Jeff, il boss finale Willy) spesso si ricorreva alla gomitata come colpo base. Se al termine del gioco con la modalità a due giocatori Billy e Jimmy sono entrambi vivi si dovranno scontrare tra di loro per avere Marian.

Notare che è presente un boss al termine di ogni livello, e che se lo si sconfigge eventuali nemici ancora presenti nello schermo in quel momento scapperanno via.

Nemici[modifica | modifica sorgente]

I nemici in Double Dragon non sono molti in realtà, per questo variano spesso la paletta dei colori affinché ci sia maggior varietà almeno a livello estetico.

  • Williams: il primo nemico che si affronta, un individuo in canotta e dai capelli crespi. Può colpire con combo di pugni, effettuare calci volanti, sferrare pugni allo stomaco, immobilizzare il giocatore alle spalle e utilizzare armi leggere come coltelli, dinamite e mazze da Baseball.
  • Roper: è vestito con una salopette ed ha capelli corti. Ha lo stesso set di mosse dei Williams ma in più può sollevare bidoni, pacchi e massi.
  • Linda: è l'unica donna del gruppo dei nemici; veste con una tuta aderente fucsia (è l'unico personaggio che non è soggetto al cambiamento dei colori) ed ha capelli biondi e ricci. Può sferrare combo di pugni ed è l'unico nemico che può utilizzare la frusta. È l' avversario più debole, in quanto con mezza combo di colpi (due pugni o un calcio) cade a terra, il che però impedisce al giocatore di poterla afferrare per i capelli.
  • Bolo: gigantesco individuo pelato, tra i nemici più temibili. Ha una velocissima combo di pugni, può colpire anche con calci a martello e prese con proiezione, può sollevare oggetti pesanti e non è possibile afferrarlo in alcun modo.
  • Abobo: gigante con tanto di acconciatura mohawk e occhiali (richiama la figura di Mr. T). Ha lo stesso set di mosse di Bolo con in più un potente schiaffone a due mani.
  • Jeff: è una versione di Billy e Jimmy con volto differente e vestito verde e anch' egli conoscitore della tecnica Sou-Setsu-Ryu (questa è un'incongruenza: i Black Warriors rapiscono Marian per farsi insegnare la tecnica, ma alcuni di loro la conoscono già!). È più veloce dei fratelli Lee, e può effettuare il montante o la spazzata senza dover prima stordire l'avversario.
  • Willy: il capo dei Black Warriors. È munito di una mitragliatrice e se si viene colpiti dai suoi proiettili si perde direttamente la vita; per il resto Willy può colpire a corto raggio con il calcio della mitragliatrice e con calci a martello.

Livelli[modifica | modifica sorgente]

L'avventura inizia con la storica uscita dal garage di casa Lee dopo che, con Willy presente sul posto, un suo scagnozzo (un Williams) rapisce Marian dopo averla tramortita con un pugno. Lo scenario è tipicamente urbano; si possono notare di tanto in tanto manifesti che mettono una taglia sulla testa di Willy, ed un cartellone che richiama il gioco Renegade. Il boss è un Abobo.

Ci troviamo in un'industria abbandonata; una serie di materiale industriale fa da piattaforma per raggiungere uno spiazzo con un nastro trasportatore ed un ascensore. Il boss è un Jeff.

Il livello inizia nel bosco sottostante la zona industriale, ed è in assoluto il livello più lungo dei quattro, tanto che presenta una sorta di boss di metà livello, una coppia di Bolo. La seconda metà dello scenario è in montagna ed il boss finale è un Abobo con pelle verde (probabilmente per richiamare l'Incredibile Hulk). Esiste un'altra versione del gioco dove il boss di fine livello non ha la pelle verde ma nera.

  • "Il nascondiglio del boss"

Arriviamo finalmente allo scontro finale con Willy. Lo scenario è un castello con elementi gotici e diverse trappole lungo il percorso. Willy viene affrontato assieme ad una miriade di suoi scagnozzi in uno stanzone.

Seguiti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 la software house messicana Evoga produsse un gioco dal titolo Rage of the Dragons, un picchiaduro a incontri che doveva essere un ulteriore sequel di Double Dragon, con i personaggi Billy Lee, Jimmy Lee e Abobo, già presenti; la Technos però si rifiutò di concedere i diritti e di conseguenza i nomi dei personaggi citati in precedenza vennero cambiati in William Lewis, James Lewis e Abubo.

Adattamenti ad altri media[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 1989 la Tiger Electronics produsse un gioco da tavolo ispirato a Double Dragon ed omonimo del videogioco; scopo del gioco era quello di farsi strada tra gli stessi scenari del videogioco.
  • Nel 1991 la Marvel Comics ha pubblicato un fumetto basato su Double Dragon, stravolgendo la storyline originale del videogioco: i fratelli Lee in questo caso sono eredi di una forza soprannaturale, la Forza del Drago, ed un demone di nome Nightfall è l'antagonista principale della vicenda. La storia propone Marian nei panni di una poliziotta, parte che interpreterà anche nel videogioco Super Double Dragon.
  • Nel 1993 la DiC Entertainment ha prodotto una serie animata di 26 episodi basata su Double Dragon, e proposta in TV anche in Italia col nome Due draghi per una cintura nera. Nel cartone animato l'antagonista era tale Shadow Master, presente anche nel videogioco Double Dragon V: The Shadow Falls.
  • Nel 1994 è stato prodotto il film ispirato a Double Dragon, omonimo del videogioco, diretto da James Yukich e scritto dal team di Paul Dini.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi