Paul Reynaud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Reynaud nel 1933

Paul Reynaud (Barcelonnette, 15 ottobre 1878Neuilly-sur-Seine, 21 settembre 1966) è stato un politico francese, Primo Ministro di Francia dal 21 marzo al 16 giugno 1940.

Alla Camera, dove entrò per la prima volta nel 1919, in qualità di esponente della destra liberale, appoggiò, senza successo, le tesi di Charles de Gaulle per la creazione di unità motorizzate corazzate e, nel marzo del 1938, raccolse l'appello di Léon Blum, rimasto inascoltato, per formare un governo di unità nazionale. Critico profetico dello spirito pacifista piuttosto equivoco degli accordi di Monaco del settembre 1938, divenne Presidente del Consiglio nel marzo 1940.

Dopo il crollo militare patrocinò la continuazione della guerra a fianco della Gran Bretagna, ma non riuscì a contrastare la volontà di resa della maggioranza dei colleghi e tre mesi dopo si dimise. Processato e poi deportato dai Tedeschi, tornò dopo il 1945 a ricoprire cariche politiche e di governo contribuendo, da convinto europeista, alla formazione del Consiglio d'Europa e della CECA. Nel 1961 sostenne la politica algerina di Charles de Gaulle.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Consiglio dei Ministri francese Successore Flag of France.svg
Édouard Daladier 1940 Philippe Pétain

Controllo di autorità VIAF: 17228684 LCCN: no93006286