Pierre-Étienne Flandin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pierre-Étienne Flandin
Pierre-Étienne Flandin 1914.jpg

Vicepresidente del consiglio dei ministri dello Stato Francese
Durata mandato 13 dicembre 1940 –
9 febbraio 1941
Presidente Philippe Pétain
Predecessore Pierre Laval
Successore François Darlan

Pierre-Étienne Flandin (Parigi, 12 aprile 1889Saint-Jean-Cap-Ferrat, 13 giugno 1958) è stato un politico francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la sua carriera politica nel 1914 con l'elezione a deputato. Negli anni successivi, a partire dal 1920, ebbe numerosi incarichi governativi, fu sottosegratario per l'Aeronautica (1920, 1921), ministro per il Commercio (1924 e 1929-1930), ministro delle Finanze (1931-1932) e ministro dei Lavori Pubblici (1934). Dall'8 novembre 1934 al 1º giugno dell'anno successivo fu Presidente del Consiglio; durante tale incaricò favorì il riavvicinamento con l'Italia, firmò un accordo con l'Unione Sovietica e partecipò alla conferenza di Stresa. Tra il gennaio ed il giugno 1936 fu ministro degli Esteri del governo Sarraut.

Contrario al Fronte Popolare, plaudì agli accordi di Monaco. Dopo la disfatta francese, nel 1940 votò a favore del conferimento dei pieni poteri al maresciallo Philippe Pétain.

È stato vice presidente del Consiglio dal 13 dicembre 1940 al 9 febbraio 1941 durante il governo di Vichy, ma fu allontanato dall'incarico dai tedeschi per i quali non aveva mai dimostrato molta simpatia. Fu sostituito dall'ammiraglio François Darlan. Nel luglio 1946 fu processato ed assolto.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • B.P.Boschesi - Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Mondadori Editore, 1975, Vol. I, p. 180
Predecessore Primo Ministro della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Gaston Doumergue 1934 - 1935 Fernand Bouisson

Controllo di autorità VIAF: 41974884