Joseph Caillaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph-Marie Auguste Caillaux

Joseph-Marie Auguste Caillaux (Le Mans, 30 marzo 1863Mamers, 21 novembre 1944) è stato un politico francese.

È stato il Primo Ministro della Francia dal 27 giugno 1911 al 14 gennaio 1912.

Presidente del Consiglio durante la crisi di Agadir (1911), evitò la guerra con la Germania. Ministro delle Finanze (1913), si dimise dopo che la moglie Henriette, il 16 marzo 1914, uccise il direttore del quotidiano Le Figaro Gaston Calmette, che lo aveva attaccato. Arrestato sotto l'accusa di intelligenza col nemico e di essere stato in contatto con alcuni traditori, fu assolto dall'imputazione più grave (1920). Tornò alla vita politica nel 1925 e fino al 1940 fece parte del Senato. Come presidente della Commissione Finanze ebbe un ruolo fondamentale nella redazione e nel controllo del bilancio preventivo. Strenuo avversario del partito socialista francese, nel 1937 contribuì alla cadutA del governo del fronte popolare di Leon Blum.

Ha lasciato interessanti Memorie[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mes mémoires, 3 voll., Paris, Librairie Plon, 1942-1947

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L. B.-L., «CAILLAUX, Joseph» in Enciclopedia Italiana, Volume 8, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1930.
  • «CAILLAUX, Joseph» in Enciclopedia Italiana - II Appendice, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1948.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Primo Ministro della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Ernest Monis 1911 - 1912 Raymond Poincaré

Controllo di autorità VIAF: 114621953 LCCN: n81087043

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie