Appeasement

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'appeasement (in lingua italiana: riappacificazione, accordo, accomodamento) è la politica adottata da Inghilterra e Francia negli anni trenta del XX secolo, con lo scopo di placare le mire espansionistiche di Hitler e conseguentemente scongiurare l'intervento militare contro la Germania.

Quadro storico[modifica | modifica sorgente]

Nel 1933 Hitler, già cancelliere, diventa Presidente della Repubblica di quella che fu la Repubblica di Weimar, sancendo così la nascita del regime nazista. Egli approfittò del malcontento popolare, dovuto ad una negativa congiuntura economica, per poter catalizzare il consenso della maggioranza dei tedeschi che ancora desideravano il ritorno di una "Grande Germania", dopo le umiliazioni subite dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale.

Una volta al potere, grazie alla decisione di dare avvio ad un notevole piano di opere pubbliche, il governo retto da Hitler riuscì a ridurre notevolmente la disoccupazione e, attraverso fortissimi investimenti nel settore dell'industria pesante (esercito), riuscì a stimolare l'economia tedesca, permettendo così alla Germania di tornare ad essere una importante potenza economica e militare europea. Ciò comportò un consolidamento dell'opinione pubblica tedesca a sostegno del regime.

Le reazioni[modifica | modifica sorgente]

Ai governi europei era evidente come le politiche del governo tedesco, dirette a realizzare la supremazia economica e militare della Germania in Europa, nonché la diffusione della cultura nazionalistica tesa ad affermare la supremazia della razza tedesca, avrebbe portato in breve tempo allo scoppio di un conflitto. Nonostante questo quadro politico di tensione, i governi inglese e francese ritenevano fosse opportuno evitare un conflitto bellico. In Gran Bretagna, la politica dell'appeasement aveva contagiato l'opinione pubblica inglese, favorevole a riconoscere il trattato di Versailles come ingiusto e iniquo verso la Germania, e vedeva tra i suoi maggiori sostenitori il premier Chamberlain (eletto nel 1937) che credeva di poter "ammansire" Hitler, assecondandolo sulle rivendicazioni che credeva più ragionevoli. Alcune forze politiche, le più conservatrici, ritenevano poi che Hitler potesse costituire un "baluardo" ad Est contro la Russia sovietica, verso cui comunque si sarebbero principalmente dirette le ambizioni territoriali tedesche.

In Francia la paura della Germania era molto forte, ma ancora di più era quella di una nuova guerra, che avrebbe colpito un paese sostanzialmente in ginocchio a livello economico e lacerato politicamente al suo interno. Di conseguenza la Francia restò sulla difensiva seguendo una politica subalterna all'Inghilterra.

Il fallimento della politica di appeasement[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi conferenza e accordo di Monaco.

Nel 1938, dopo la conquista dell'Austria, Hitler accetta di incontrare a Monaco di Baviera il primo ministro francese (Daladier) e quello inglese (Chamberlain) e insieme firmano il progetto d'intesa di Mussolini, che sostanzialmente accoglieva quasi alla lettera le richieste tedesche per l'occupazione del territorio cecoslovacco dei Sudeti.

Il patto di Monaco offre temporaneamente una via d'uscita alternativa alla guerra e rappresenta l'apice della politica dell'appeasement. Ma rappresenta anche l'incapacità di Regno Unito e Francia di reagire all'espansionismo tedesco. Incapacità che Hitler saprà sfruttare a dovere, invadendo dapprima la Boemia e la Moravia (marzo 1939) e poi la Polonia (1º settembre 1939) e scatenando così la seconda guerra mondiale.

Alcuni storici hanno giudicato la politica dell'appeasement come una delle cause che hanno portato allo scoppio del secondo conflitto mondiale, in quanto si è sempre sostenuto che una reazione più decisa da parte di Francia e Regno Unito avrebbe potuto frenare le ambizioni di Hitler ed evitare la morte di milioni di persone. Altri storici, invece, giudicano cruciale il ruolo svolto dalle pesantissime condizioni imposte alla Germania dal Trattato di Versailles quale prima causa del fallimento della Repubblica di Weimar e dell'avvento conseguente del nazismo, reputando l'appeasement come una pur tardiva correzione di rotta che non poté condurre ai risultati positivi che si prefiggeva, ossia, in prospettiva, il ricondurre la Germania entro una politica di equilibrio europeo, solo perché tardivamente adottata ed intempestivamente abortita. Quest'ultima tesi però non tiene conto della forte propensione di Hitler a scatenare comunque una guerra di conquista sul suolo europeo, al di là delle concessioni ottenute di volta in volta. Il precipitare della situazione e lo scoppio della guerra si ebbe in ultima analisi a seguito dell'abbandono, e non al perseguimento, della politica di appeasement da parte inglese: Chamberlain, infatti, indusse il governo polacco alla rottura definitiva con la Germania promettendo che la Gran Bretagna si sarebbe assunta la responsabilità, armi in pugno, di garantire l'integrità territoriale della Polonia. Questa scelta in qualche modo fu resa obbligata dal patto Molotov-Ribbentrop, che lasciava la Polonia sola. Curiosamente, poi, la guerra fu dichiarata solo contro la Germania e non anche contro l'URSS, che pure aveva invaso la Polonia da Est mentre le armate di Hitler la occupavano da Ovest.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]