Großdeutschland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'unità militare, vedi Panzergrenadier-Division Großdeutschland.

Großdeutschland (in tedesco letteralmente Grande Germania) è un termine usato nel XIX secolo - quando la Germania era divisa in decine di stati indipendenti - che si riferiva al concetto di creare un unico grande stato tedesco, raggruppando tutte le popolazioni di origine tedesca, in contrapposizione a Kleindeutschland, soluzione nella quale si escludevano i territori e le popolazioni dell'allora Impero d'Austria.

L'idea politica[modifica | modifica wikitesto]

L'idea politica di una «Grande Germania» si ebbe per la prima volta nel XIX secolo, quando alcuni pensatori teorizzarono la creazione di un unico stato che raggruppasse la Germania e l'Austria sotto la guida degli Asburgo, con Vienna come capitale; in contrapposizione alla nascente Germania prussiana, ritenuta una "Piccola Germania" (Kleindeutschland).

Con la creazione dell'Impero tedesco del 1871, che non includeva l'Austria, l'ostentata soluzione di una Kleindeutschland si concretizzò. Uno dei principali ostacoli alla creazione di una "Grande Germania" risiedeva nella presenza di un'alta percentuale di popoli Slavi nell'Impero Austriaco (Polacchi, Cechi, Slovacchi, Ucraini, Sloveni, Croati e Serbi) che non parlavano tedesco e che non desideravano rientrare in questo progetto geo-politico. In particolare i Cechi della Boemia-Moravia-Slesia, rifiutarono espressamente questa idea già nel 1848. Inoltre la politica espansiva della Prussia non avrebbe mai ammesso di rinunciare al ruolo centrale che si era ritagliata cedendo la sovranità agli Asburgo e la denominazione di capitale a Vienna.

L'idea nazista[modifica | modifica wikitesto]

La Germania nell'agosto del 1939 (per semplicità, il territorio in rosso include anche il protettorato di Boemia e Moravia, formalmente non incorporato al resto del Reich)
Il Grossdeutsche Reich ("Grande Reich Tedesco") nel 1943
Il Grossdeutsche Reich ("Grande Reich Tedesco") nel 1944
Suddivisioni amministrative della Grande Germania nel 1944
Francobollo con la scritta Grossdeutsches Reich
Francobollo con la scritta Grossdeutsches Reich

Dopo la presa del potere del nazismo nel 1933 uno dei progetti dichiarati di Hitler era quello di riunire in un unico grande stato tutte le popolazioni di origine tedesca; da qui iniziò l'espansione militare e territoriale: dopo la riannessione della Saar con un plebiscito popolare (il sì per il ricongiungimento ottenne 445.000 voti, contro 48.000) e posto fine alla smilitarizzazione della Renania imposta alla Germania dai vincitori della Grande Guerra, le mire tedesche si diressero verso l'Austria. L'annessione (Anschluss) dell'Austria al Deutsches Reich (Reich tedesco, successivamente rinominato Großdeutsches Reich, anche se la notazione divenne ufficiale nel 1943) nel 1938, costituì a tutti gli effetti un'annessione territoriale di uno Stato sovrano, anche se formalmente fu il governo di Vienna, sulla base di una legge approvata dal parlamento, a chiederla. Essa venne successivamente sancita con un plebiscito popolare che rafforzò Hitler: il 99,7% degli aventi diritto espresse al 99,6% un voto favorevole al fatto compiuto.

Successivamente Hitler accentuò la pressione sul governo cecoslovacco servendosi delle rivendicazioni della popolazione tedesca dei Sudeti, che ormai aderiva largamente al nazionalsocialismo. La conferenza di Monaco (29-30 settembre 1938), che vide anche la partecipazione di Mussolini, del primo ministro francese Daladier e del premier britannico Chamberlain, si chiuse con un accordo di facciata, che venne spacciato come soluzione "per una generazione" al problema di una incombente guerra europea e che per Hitler fu uno smacco. Tra il 1º e il 10 ottobre le truppe tedesche entrarono nel territorio dei Sudeti, strappando così alla repubblica cecoslovacca un territorio importante dal punto di vista economico e militare.

La richiesta di ottenere la restituzione di Danzica, che era stata assegnata alla Polonia in seguito al Trattato di Versailles, divenne poi la causa scatenante della Seconda guerra mondiale.

Invandendo la Polonia nel 1939, il Terzo Reich si annetté la Città Libera di Danzica, tutte le terre che l'Impero tedesco aveva ceduto alla ricostituita Polonia nel 19191922 secondo il Trattato di Versailles (ovvero il "Corridoio di Danzica", la Prussia Occidentale, la Posnania e parti dell'Alta Slesia) e il territorio di Zichenau (Ciechanów in polacco).
Questi territori si estendevano per 94.000 km², e contavano una popolazione di circa 9.500.000 persone (82% polacchi, 11% tedeschi, 7% altri). Circa un milione di polacchi furono espulsi da quest'area, mentre 600.000 tedeschi dell'Europa orientale e 400.000 del Reich tedesco si insediarono nella regione.

Vennero poi annesse alla Germania l'Alsazia e Lorena, strappate alla Francia, i territori belgi di Eupen, Malmedy e Moresnet e il Lussemburgo, nonché alcune regioni della Slovenia settentrionale (parte della Carniola e Stiria Inferiore, abitate da una popolazione mista, austriaca e slovena).

Dopo l'attacco contro l'Unione Sovietica, nel giugno 1941, anche il distretto di Białystok venne annesso al Reich.

Con la creazione della RSI all'interno delle gerarchie del Reich nacque l'idea di annettersi come minimo l'Alto Adige, ma Goebbels propose di comprendere nella Grande Germania perfino tutto il Veneto, con la motivazione che per un certo periodo era stato sotto il controllo austriaco ed al suo interno contava minoranze germaniche. Nel settembre 1943 vennero costituite le Zone d'Operazione (ZO) Adriatisches Küstenland ("Litorale Adriatico", comprendente le province italiane di Udine, Gorizia, Trieste, Pola, Fiume e Lubiana) e Alpenvorland ("Prealpi", costituita dalle provincie di Trento, Bolzano e Belluno); l'obiettivo era di controllare i valichi alpini e i collegamenti sud-orientali con il Reich. Accanto a interessi strategici erano forti gli interessi di gruppi di pressione, rispettivamente in Tirolo e in Carinzia, che puntavano a reinserire popolazioni etnicamente tedesche entro i confini del Reich; se ciò era vero per il Tirolo meridionale (provincia di Bolzano) e per alcune zone dell'odierna Slovenia, l'obiettivo etnico non valeva certo per la provincia di Belluno o per quella di Trieste. Ad ogni modo, le due ZO, destinate all'annessione al Reich, vennero sottoposte rispettivamente al Gauleiter tirolese Franz Hofer e al suo collega carinziano Friedrich Rainer.

Se gli eventi bellici l'avessero permesso, si sarebbe dovuto inoltre procedere all'annessione per «affinità razziali» dei Paesi Bassi e di una parte del Belgio (grossomodo tutto il Belgio settentrionale, dal confine con l'Olanda fino allo sbocco sul mare, compresa la città di Bruxelles ma escluse Liegi e Charleroi), forse previa «germanizzazione» (Eindeutschung) o «ri-germanizzazione» (Wiedereindeutschung); tale proposito era motivato da argomentazioni di natura etnico-razziale che facevano perno sulle affinità dei tedeschi con le popolazioni fiamminghe e neerlandesi. Aleggiava inoltre una generica idea di ripristinare una sorta di «Reich grande-tedesco», che avrebbe collegato le affinità etniche con il retaggio storico dell'impero carolingio[1]. La politica d'occupazione tedesca nel Belgio e nei Paesi Bassi aveva una sostanziale moderazione nel trattare la popolazione e nel riconoscerle alcuni spazi di libertà[2]. Sullo sfondo di questa scelta vi erano varie motivazioni: da un lato preoccupazioni di natura internazionale (anche in considerazione delle ripercussioni negative che per la Germania aveva avuto il brutale trattamento dei belgi nella prima guerra mondiale), dall'altro la volontà di non premere eccessivamente sulla popolazione in modo da indurla a continuare a lavorare.

Sarebbe stata annessa alla Germania anche una vasta zona della Francia orientale. Il nuovo confine occidentale del Reich sarebbe dovuto partire dalla foce della Somme; correndo verso sud avrebbe lambito la regione parigina e lo Champagne fino alle Argonne, comprendendo poi parte della Borgogna e l'intera Franca Contea. Probabilmente anche la Scandinavia, con Norvegia e Danimarca (queste due occupate durante la guerra) e Svezia ,neutrale ma con forti simpatie naziste al suo interno (basti pensare che negli anni '30 si era formato un partito nazista svedese con simboli uguali a quelli del nazismo tedesco) sarebbe entrata a far parte di un ipotetico Grande Reich Germanico (idea condivisa tanto da Goebbels quanto dallo stesso Hitler).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gustavo Corni, Il sogno del "grande spazio". Politiche d'occupazione nell'Europa nazista, Editori Laterza, Bari 2000, pagina 35
  2. ^ Gustavo Corni, Il sogno del "grande spazio". Politiche d'occupazione nell'Europa nazista, Editori Laterza, Bari 2000, pagina 36

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]