Platanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il frutto conosciuto come platano verde, o più semplicemente platano, vedi Musa acuminata.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Platanus
Platanus occidentalis0.jpg
Platanus occidentalis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Proteales
Famiglia Platanaceae
Genere Platanus
L., 1753
Specie
  • vedi testo

Platanus L., 1753 è un genere di piante appartenente alla famiglia Platanaceae.

Sono alberi monumentali adatti come piante ornamentali per decorare viali, parchi e giardini di notevoli dimensioni, nonché per l'arredo urbano grazie alla notevole resistenza allo smog delle metropoli.

Specie di Platanus più conosciute[modifica | modifica sorgente]

La specie ormai spontanea in Italia il P. acerifolia volgarmente noto come platano comune è un ibrido tra il Platanus orientalis e il Platanus occidentalis.

Il Platanus occidentalis L. noto come platano occidentale, è originario dell'America settentrionale, chiamato volgarmente anche platano americano, ha foglie a 3-5 lobi poco marcati, porta infruttescenze solitarie a capolino, acheni sormontati da un breve stilo, coltivato in Italia a scopo ornamentale

Uso[modifica | modifica sorgente]

  • Come pianta ornamentale per viali, parchi e ampi giardini
  • Il legname che se ne ricava è pesante (p. sp. 1,00 da fresco, 0,67 stagionato, 0,62 secco), poco durevole, viene utilizzato per mobili, compensati, legna da ardere (solo in stufa poiché sviluppa sostanze tossiche inalabili).

Avversità[modifica | modifica sorgente]

  • Insetti:
    • Lepidotteri:
    • Scolitidi - gli adulti e le larve del coleottero Scolytus multistriatus Marsh. si nutrono delle gemme e della corteccia tenera, con gravi fenomeni di deperimento della pianta e ingiallimento delle foglie, le femmine scavano le gallerie di ovodeposizione tra la corteccia e il legno, le larve scavano nuove gallerie perpendicolari a quella materna, uscendone tramite un foro nella corteccia nello stadio adulto, possono essere vettori di malattie fungine.
  • Acari:
    • Ragnetto rosso comune Tetranychus urticae Koch - Gli adulti attaccano le foglie, provocando aree depigmentate e clorotiche in prossimità delle nervature, fino ad arrivare in casi gravi alla filloptosi.
    • Ragnetto giallo del Tiglio Eotetranychus tiliarius (Hermann) - Il danno a carico delle foglie si registra maggiormente nel periodo estivo (luglio, agosto) e si manifesta con una massiccia defogliazione.
  • Funghi:
    • Carie - l'attacco di Polyporus sp., Trametes sp., Fomes sp. riduce il legno ad un ammasso spugnoso e friabile, di colore biancastro o brunastro a seconda che la degradazione interessi la cellulosa o la lignina, sulla superficie del tronco compaiono i carpofori a forma di mensola o zoccolo di colore grigio-giallastro a consistenza caseosa e a maturità legnosa
    • Seccume fogliare - l'attacco di Gnomonia veneta (Sacc. et Speg.) Kleb., causa sulle foglie l'imbrunimento della lamina, in corrispondenza della nervatura principale con comparsa di puntini nerastri, sui rametti provoca un accorciamento degli internodi con la formazione di tubercoli
    • Cancro colorato - il fungo ascomycota Ceratocystis fimbriata è un pericoloso parassita originario dell'America e giunto in Europa durante la seconda guerra mondiale (attraverso le casse di legno di platano con le quali vennero sbarcate a Trieste le munizioni). L'infezione coinvolge tutte le parti della pianta (fusti, chiome e radici) e si trasmette per contatto diretto delle spore fungine con ferite (anche piccolissime) del tessuto vegetale o attraverso la fusione delle radici (per piante molto vicine), risultando sempre letale e non trattabile con normali prodotti antimicotici. La forma acuta provoca la completa disseccazione di parti della chioma e può presentarsi, sui tronchi, sotto forma di ampie zone necrotiche presentanti spesso insolite pigmentazioni. Il nome comune delle malattia, "cancro colorato del platano", deriva dalla caratteristica colorazione rossiccia che il parassita trasmette alle zone legnose colpite. In Italia, dove la malattia è comparsa per la prima volta negli anni '70 diffondendosi presto in ampie zone sia del nord che del sud (la Lombardia risulta, attualmente, la regione più colpita), è in vigore l'obbligo di lotta contro la malattia comprendente rigide regole riguardo l'abbattimento degli individui infetti e lo smaltimento del legname colpito.
    • Maculatura fogliare da Septoria sp., Phyllosticta sp. - sulle foglie si osservano piccole macchie necrotiche di colore brunastro o grigiastro, che in alcuni casi possono estendersi sull'intera lamina. Le fruttificazioni del fungo si riscontrano sui tessuti fogliari colpiti.
    • Eutypella parasitica
    • Erisyphe platani anche noto come "oidio" o "mal bianco" del platano.

Platani più grandi d'Italia[modifica | modifica sorgente]

  • Platano di Curinga (Calabria), 18 m di circonferenza a petto d'uomo.
  • Platano di Caprino Veronese (Veneto), detto "platano dei 100 bersaglieri", 15 m di circonferenza a petto d'uomo[1].
  • Platani di Velletri, Roma, piazza G. Garibaldi di dimensioni monumentali dove si dice si sia arrampicato lo stesso Giuseppe Garibaldi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pagina del blog Florablog in cui si può vedere una foto del platano.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica