Orta Nova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orta Nova
comune
Orta Nova – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Foggia-Stemma.png Foggia
Amministrazione
Sindaco Gerardo Tarantino (lista civica) dal 2014
Territorio
Coordinate 41°19′51″N 15°42′41″E / 41.330833°N 15.711389°E41.330833; 15.711389 (Orta Nova)Coordinate: 41°19′51″N 15°42′41″E / 41.330833°N 15.711389°E41.330833; 15.711389 (Orta Nova)
Altitudine 69 m s.l.m.
Superficie 103,83 km²
Abitanti 17 792[1] (30-11-2011)
Densità 171,36 ab./km²
Comuni confinanti Ascoli Satriano, Carapelle, Cerignola, Ordona, Stornara, Stornarella
Altre informazioni
Cod. postale 71045
Prefisso 0885
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 071036
Cod. catastale G131
Targa FG
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti Ortesi
Patrono sant'Antonio da Padova
Giorno festivo 13 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Orta Nova
Posizione del comune di Orta Nova nella provincia di Foggia
Posizione del comune di Orta Nova nella provincia di Foggia
Sito istituzionale

Orta Nova (fino al 1862 chiamata Orta) è un comune italiano di 17.792 abitanti della provincia di Foggia, in Puglia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Secondo studi recenti[senza fonte] la storia di Orta Nova avrebbe origine in epoca romana per via di una villa romana ritrovata nelle vicinanze della città. Il sito di Orta Nova[senza fonte] è comunque citato come punto di riferimento geografico in atti notarili del 1142. Come casale, compare in un documento del 1184 alle dipendenze dell'abbazia di Venosa. Si ha notizia di una residenza imperiale, fatta erigere da Federico II, che ne affidava l'esecuzione all'architetto Anseramo da Trani. A tale residenza fa cenno un frammento epigrafico rinvenuto alla fine del XVIII secolo e del quale permane solo una documentazione fotografica realizzata dall'Haseloff agli inizi del Novecento.

Dalla residenza in Orta, Federico II emise nella primavera del 1240 numerosi editti, raccolti nei Registri della Cancelleria Angioina ricostruita da R. Filangieri. Tra il 1259 ed il 1263 è documentata la presenza di Manfredi che, da Orta, emanò il Datum Orte, atto col quale aveva inizio la fondazione di Manfredonia. Editti promulgati da Carlo D'Angiò tra il 1266 ed il 1283 riguardano la ristrutturazione del Castello di Orta e della Masseria Regia "custodita" dal nobile Egidio de Ogale nel 1269. L'anno successivo troviamo contergius - e dunque custode - castri Orte Pietro Galesio, mentre nel 1271 il carpenterius Giovanni da Toul ripara il "palazzo". Tra il 1272 ed il 1273, Orta veniva abbandonata dagli abitanti, inducendo il Carlo D'Angiò ad ordinare di ritornare nel "Casale", promettendo esenzioni dai tributi. In questo periodo era custode del castello Roberto de Sancto Arnulfo

Le ultime notizie di epoca angioina sono del biennio 1275 - 1277, con Paolino Normando custode del Palazzo, e del 1294, quando Carlo II d'Angiò faceva dono a suo figlio di questi territori. Con gli Aragonesi, nel 1418, Orta da proprietà regia diventava feudo dei Caracciolo insieme a Cerignola. Con una lettera del 1429 la regina Giovanna II dà incarico di sovrintendere alle necessità di chi conduceva le greggi al pascolo in Puglia e Capitanata, istituendo così la "mena", regolata nel 1447 con nuove norme da Alfonso d'Aragona. A tali pascoli, riuniti in comprensori, fu dato il nome di "locazioni" e nel 1548 venne istituita la "locazione d'Orta".

Il 2 novembre 1611 il feudo veniva acquistato dai Gesuiti che iniziarono la trasformazione della residenza imperiale; nel 1615 è documentata una spesa di 800 ducati per la costruzione di taverna e masseria; i Gesuiti in seguito continuarono ad investire, spendendo, nel 1645, 1.500 ducati per ampliare il palazzo e costruire la Chiesa, demolita nel 1951 quando scomparve l'arco federiciano studiato dall'Haseloff. Nel 1731 l'edificio veniva completato, assumendo la conformazione ad "L", visibile ancora oggi. Attorno al convento dei Gesuiti ed alla Chiesa sorgevano i primi nuclei abitativi di Orta Nova.

Espulsi i Gesuiti nel novembre del 1767, il grande feudo ritornò alla corona. Nel 1773, per ordine di re Ferdinando IV (poi I), furono istituite le colonie di Orta, Ordona, Carapelle, Stornarella e Stornara: i "Cinque Reali Siti". Ciascun colono ebbe in affitto renovandum una partita (10 versure) di terreno sativo, due bovi, le sementi, una casa con due versure di mezzana ad uso di pascolo. Le famiglie che concorsero alla censuazione di Orta (105) e dei villaggi annessi di Ordona (93) e di Carapelle (56) vennero dalla Capitanata, dalla terra di Bari e dal Principato Ultra.

Le colonie furono poi vendute dai Borbone; e nel 1795, rescisso il contratto, vennero cedute al duca Nicola de Sangro. In seguito, in un clima di rinnovamento politico - sociale, il re Giuseppe Bonaparte affrancò gli abitanti da ogni sospensione sopprimendo la Dogana delle pecore, per dare migliore assetto ai cinque siti. Per la legge sul Tavoliere, i coloni furono chiamati a rinnovare il contratto che da affitto temporaneo divenne perpetuo.

Nel 1806 Orta, con altre colonie vicine, veniva riacquistata dal Demanio e due anni dopo, con decreto di Giuseppe Napoleone I, Orta fu eretta a comune autonomo. Il 26 ottobre 1863 ad Orta veniva aggiunto il suffisso Nova per distinguerla da altre località italiane con lo stesso nome. Dal 1918 cominciarono a insediarsi nelle campagne di Orta Nova famiglie di contadini veneti che contribuirono alla bonifica delle terre.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Ortanova.

Orta Nova è dotata di stazione ferroviaria sulla ferrovia Adriatica, la quale è servita da treni regionali per Foggia e Bari. Inoltre l'Aeroporto Mezzanone, che prende il nome dal borgo più vicino, è di proprietà ortese ma è stato abbandonato per atterraggi civili. Ha fatto da supporto durante la seconda guerra mondiale. I collegamenti stradali sono inoltre assicurati dalla Strada statale 16 Adriatica. E anche dotata delle strade provinciali sono : S.P.83 , S.P.80 e S.P.81.

È collegata con Foggia da un servizio di trasporto pubblico anche di autobus gestiti da Ferrovie del Gargano.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il 16 maggio 2011 è eletta Maria Rosaria Calvio (PD), dopo il ballottaggio con Michele Antonio Porcelli (lista civica) con i 53.84% di voti[3]. L'11 gennaio 2014 i 5 consiglieri di maggioranza e 4 di minoranza firmano le dimissioni decretando la conclusione prematura del mandato di Maria Rosaria Calvio[4]. L'8 giugno 2014 al turno di ballottaggio viene eletto sindaco Gerardo Tarantino (lista civica), che batte Maria Rosaria Calvio (centrosinistra) con 4.308 voti contro i 4.172 della sfidante.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Orta Nova - Ballottaggio - Elezioni Comunali 15-16 maggio 2011 - la Repubblica.it
  4. ^ Orta Nova, dimissione 9 consiglieri, cade Giunta Calvio | Stato Quotidiano
Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Puglia