Impero sovietico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Unione Sovietica e i suoi alleati nel periodo che va dal 1959 (rivoluzione cubana) al 1961 (crisi sino-sovietica)

Impero sovietico fu un termine politico utilizzato per descrivere le azioni e la natura dell'Unione Sovietica. Il termine guadagnò la popolarità dopo che il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan definì l'URSS come "impero del male" in un discorso all'House of Commons del Regno Unito nel 1982.

Motivazioni del termine[modifica | modifica wikitesto]

Anche se non governata da un imperatore e autodichiarata anti-imperialista, l'Unione Sovietica mostrò tendenze comuni agli imperi nella storia:

Per queste ed altre ragioni, l'URSS è talvolta considerata da alcuni storici come uno dei principali imperi della storia, simile all'impero britannico e a quello romano, utilizzando anche alcuni elementi della politica estera zarista. I sostenitori dell'URSS (perlopiù intellettuali o partiti comunisti), rigettano tale teoria e ritengono che le relazioni tra l'Unione Sovietica i paesi del suo "impero" erano stabilite da un rapporto di cooperazione volontaria.

La sfera di influenza sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante non ci fu mai un "Impero sovietico" ufficiale, l'Unione Sovietica esercitò fortemente una grande influenza su molte nazioni. Pertanto, all'Impero sovietico si possono far risalire i seguenti stati:

Stati membri dell'Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Vedi anche Repubbliche dell'Unione Sovietica

Membri del Comecon[modifica | modifica wikitesto]

Questi Paesi erano i più stretti alleati dell'Unione Sovietica; erano membri del Comecon, una comunità economica diretta dall'URSS fondata nel 1949. I Paesi situati nell'Europa orientale, inoltre, erano anche membri del Patto di Varsavia: erano stati satelliti dell'Unione Sovietica.

La Corea del Nord era un alleato sovietico, ma seguì sempre una politica estera isolazionista, pertanto non partecipò mai al Comecon o ad alcuna altra organizzazione internazionale di stati comunisti.

Interferenze sovietiche in altri Stati[modifica | modifica wikitesto]

Nella terminologia politica dell'Unione Sovietica, questi erano "paesi che si stavano incamminando sulla strada socialista dello sviluppo", a differenza dei "paesi del socialismo avanzato", citati sopra. La maggior parte riceveva aiuti, sia militari che economici dall'URSS ed erano influenzati in vari modi. Il supporto di questi stati all'Unione Sovietica durò poco, in alcuni casi perché i governi filosovietici persero il potere, in altri perché gli stessi governi rimasero al potere ma cambiando atteggiamento verso l'URSS.

Alcuni di questi paesi non erano stati comunisti (segnati in corsivo).

Stati comunisti opposti all'URSS[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni stati comunisti furono apertamente in contrasto con l'URSS e con la sua politica. Anche se le loro forme di governo potevano essere simili, erano completamente indipendenti dall'Unione Sovietica, con la quale intrattenevano soltanto relazioni diplomatiche formali, che erano spesso tese e, in qualche caso, sul punto di un conflitto armato.

Rottura URSS-Cina[modifica | modifica wikitesto]

Il conflitto tra i due stati ruppe il cosiddetto movimento internazionale comunista quando la Repubblica popolare cinese si spostò dall'influenza dell'Impero sovietico. Prima della rottura, nei tardi anni cinquanta, si poteva dire che la Cina era uno degli stati più vicini all'Unione Sovietica e più potenti tra quelli comunisti, anche se era una nazione in fase di sviluppo. La rottura complicò ulteriormente la Guerra Fredda, aprendo un possibile nuovo fronte per l'Unione Sovietica, e creando un nuovo ordine triangolare, composto da Stati Uniti, URSS e Cina: i grandi poteri comunisti non erano più uniti solo contro i loro nemici capitalisti. Anche se l'Albania e il regime di Pol Pot in Cambogia decisero di stare dalla parte della Cina, la maggior parte delle nazioni comuniste rimase con l'URSS. Il potere maoista non era per nulla comparabile con quello dell'URSS, ma era un pericolo significativo che la Russia dovette affrontare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]